“Non temere e non sperare” di Yehoshua Kenaz

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Finalmente pubblicato anche in Italia il romanzo di Yehoshua Kenaz “Non temere e non sperare”, pubblicato in Israele nel 1986, uscito da noi lo scorso novembre grazie a Giuntina.
Yehoshua Kenaz non temere e non sperareUn microcosmo inconsueto ci presenta il grande autore israeliano, Yehoshua Kenaz con Non temere e non sperare, solido romanzo uscito in Patria nell’ormai lontano 1986, pubblicato da noi a novembre 2013 con Giuntina, collana Israeliana, grazie all’encomiabile impegno dei traduttori Shulim Vogelmann e Rosanella Volponi.

Ambientato nel 1955 – sette anni dopo la (ri)costituzione dello Stato di Israele - l’opera ci racconta le vicende di un gruppo particolare di giovani militari durante il periodo di addestramento: particolare perché si tratta di ragazzi affetti da lievi problemi, per lo più fisici, non destinati perciò a diventare combattenti effettivi.

Meno noto al pubblico italiano rispetto ad altri Autori per il carattere schivo ed ironico tipico di chi non si prende troppo sul serio, Kenaz ci accompagna nel lungo cammino di crescita dei suoi protagonisti.

Inquadrati in una sorta di battaglione speciale, situato alla “Base di Addestramento 4”, essi, pur sottoposti ad esercitazioni meno impegnative rispetto alle comuni reclute, debbono peraltro cimentarsi con i disagi e le umiliazioni imposti dalla vita militare, per divenire, a loro volta, uomini; attraverso l’acquisizione del bagaglio di cinismo e disillusione che ciò comporta.

Il piccolo / immenso universo kenaziano è, ancora una volta, rappresentato da un variegatissimo mosaico di personaggi, ciascuno con la propria storia.

Yehoshua Kenaz

Yehoshua Kenaz

Ci sono i Sabra e gl’immigrati di fresca data a Tel Aviv o Gerusalemme; i Sefarditi di umili origini squadrati dall’alto in basso dagli Ashkenaziti, convinti di aver in monopolio il titolo di Padri Fondatori; i sopravvissuti alla Shoah, osservati con una certa diffidenza: siamo diversi anni prima del processo Eichmann, il drammatico momento in cui i sopravvissuti all’Indicibile e gli Ebrei nati e cresciuti in Eretz Yisrael, forti e abbronzati, si guardarono, forse per la prima volta davvero, negli occhi. Gl’istruiti e gl’ignoranti; tutti inseriti in quel formidabile amalgama rappresentato, fin dalla nascita dello Stato, dalle Forze Armate.

Ognuno di loro è riluttante a diventare un tutt’uno con gli altri; ma, nello stesso tempo, forte è il desiderio di diventarlo. Vediamone alcuni.

Melabbes. Sabra, ashkenazita solitario, trae il suo nome dal villaggio arabo accanto al quale sorse, nel 1878 ad opera di un gruppo di pionieri religiosi, Petah Tiqwa (“Soglia verso la Speranza”), città natale di Kenaz. È una delle voci narranti del romanzo e alter ego dell’Autore.

Stringe amicizia con Avner, sefardita, proveniente da un’umile famiglia. Avner ha una ferrea logica tutta sua per andare avanti ed affrontare le difficoltà quotidiane.

E’ il grande seduttore, quello “disponibile ad ogni piacere che la vita può offrirmi, e anche a quelle cose che bisogna prendere con la forza”. Delle conseguenze sugli altri del suo agire pare non importargli nulla.

Millerè un sopravvissuto alla Shoah, tenuto a distanza dagli altri, che parla un ebraico stentato ed è soggetto a crisi epilettiche. Rappresenta il mondo misterioso di coloro che “vengono dai campi”.

Soldati israelini della guerra del 1948

Soldati israelini della guerra del 1948

Rachamin è il marocchino sempre fuori posto, accusato dai compagni, neppure troppo velatamente, di essere omosessuale; mentre Zero Zero è il rumeno dai mille guai, il quale diventerà padre di un bambino che vorrà crescere come un autentico sabra, combattivo e sicuro di sé.

C’è poi Yossi l’artista, il quale non vuole essere come gli altri, perché non intende omologarsi a nessuno. “Non so se io valgo molto come musicista, ma anche se non potrò essere un famoso esecutore…allora sarò almeno un pianista in un caffè. Non cederò. Fino a quando non avrò successo”.

Micki Spector era un calciatore professionista di una certa fama, che ha dovuto interrompere la sua carriera da quando i medici gli hanno riscontrato un “soffio al cuore”. E’ un immaturo, incapace di affrontare l’esistenza e..le donne. Interminabili sono le discussioni che intavola col collega Alon. Questi è un generoso e convinto assertore dei valori sionisti, la figura più affascinante del romanzo. Figlio di un combattente caduto nella Guerra del 1948, è il ragazzo del kibbutz -dove ha lasciato una ragazza, Dafna, alla quale è legato da sempre-, con un profondo amore per la propria terra, appassionato di archeologia, perché essa testimonia il rapporto inscindibile tra Ebrei e Terra di Israele. Alla base della sua vita c’è un alto ideale, parla ai compagni con toni profetici: “Cosa è stato creato qui finora non è lo Stato. E’ solo l’inizio. E ci saranno altre guerre…Forse ci vorranno un centinaio di anni, non so quanto” e insiste “Qui si sta creando qualcosa di più grande ed importante di quanto possiate immaginare”.

Non tutti lo capiscono, anzi. Ad esempio Porcospino (chiamato così per via del taglio dei capelli) vagheggia, in modo più prosaico, uno Stato “normale”. Un po’ come Arik, il disincantato, in generale, ma soprattutto riguardo all’etica militare.

Una giovane militare israelina mostra il memoriale della battaglia di Latrun

Una giovane militare israelina mostra il memoriale della battaglia di Latrun

Non mancano vivaci scambi di vedute, tipici di un contesto in formazione, specie a proposito delle battaglie del 1948 -come quella, celebre, di Latrun-, dove ragazzi, spesso freschi immigrati dall’Europa, sopravvissuti ai campi di sterminio, cadevano per una Patria che non facevano in tempo a conoscere e della quale non erano riusciti ad imparare la lingua. “Li hanno tirati fuori dalla nave e li hanno spediti subito in quella terribile battaglia. La maggior parte di loro non erano israeliani secondo i nostri criteri”, osserva Alon durante una discussione con gli altri.

Dai superiori è spesso loro ricordato che essi sono una sorta di “colonia estiva”, non certo dei veri soldati. Questi ultimi sono addestrati in un modo che “..voi nemmeno vi sognate”, “vengono inviati in missione e versano il sangue per il Paese”.

Ma pure i nostri soldati debbono imparare l’uguaglianza di trattamento e il valore dell’essere comunità, anche a costo di punizioni e duri sacrifici. “Siamo soldati, dopo tutto, soldati, malgrado tutto”, afferma Melabbes.

Significativo il titolo scelto per la versione italiana del romanzo: Non temere [vendette] e non sperare [in favoritismi] è ciò che rammenta un superiore ad una recluta da lui conosciuta anni prima in una diversa circostanza. Scelta felice, questa di Giuntina, rispetto ad una traduzione alla lettera dell’originale ebraico: Hitganvut yehidim significa infatti Infiltrazione individuale (o dei singoli) -deriva dal nome di una delle quattro parti formanti l’opera- e sarebbe apparso stravagante al pubblico, ignaro dei contenuti del racconto.

L’A., pur rappresentando i cambiamenti che intervengono nella personalità dei protagonisti in chiave di costruzione dell’identità nazionale, tuttavia, nel suo linguaggio lieve e pieno e di condivisione, lascia da parte il racconto “ideologico” per privilegiare l’io più profondo di ciascuno, dove talvolta emergono quadri familiari d’intensa poesia o ricordi lontani dei tempi di scuola, venati di rimpianto.battles of latrun

Non temere e non sperare non è un romanzo facile. Dev’essere affrontato con calma, prendendosi tutto il tempo necessario, non va “letto d’un fiato” , anche se talvolta se ne può essere tentati. Saprà, alla distanza, ripagare l’impegno del lettore per le raffinate analisi psicologiche, le sfumature, la spontaneità dei personaggi resa da Kenaz in modo impareggiabile. E’ uno spaccato, sia pure da un punto di vista singolare, sulla crescita di una Nazione. Incantevoli sono i sogni della natura, autentico stato d’animo: “….E dopo…sarebbero arrivate le clementine e le arance nuove, e allora da ogni graffio sulla loro buccia ancora verde sarebbero stillate gocce di un alcol bruciante e inebriante, come nuovi inizi e nuove promesse”. Di forte drammaticità poi sono le pagine dedicate all’universo lontano, spesso incomprensibile, di coloro che “vengono dai campi”, silenziosi sulla loro esperienza, talora adusi a mostrare un volto normale in grado di nascondere una realtà tragica ben diversa. Come il racconto di Alon riguardo ad una donna che stava nel suo kibbutz, sopravvissuta alla Shoah:un ritratto di una tale drammatica intensità da lasciarti col cuore in tumulto. Lo leggi, lo rileggi e ti accorgi che sai ben poco di “loro”. Indimenticabile.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?