La faccia da culo di Matteo

4
Share on Facebook1kTweet about this on TwitterShare on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someone

L’atto veramente rivoluzionario di Matteo Renzi è stato sdoganare la faccia da culo a sinistra. Muore Nelson Mandela? Lui ‘posta’ la foto di lui a fianco del leader sudafricano. C’è da catturare il voto dei giovani? Si veste come Fonzie e si fa fotografare con il giubbotto di pelle. Va di moda il sindaco ambientalista? Eccolo che va al lavoro sorridente in bicicletta.

Enrico Berlinguer (1922-1984), storico segretario del Partito Comunista Italiano.

Si tratta di immagini palesemente ruffiane, che attirano la presa in giro, preparate e diffuse ad hoc, secondo una modalità decisamente contraria all’”aplomb” storico della sinistra (pure un po’ palloso, va detto). Ve lo immaginate Berlinguer, ma anche Bersani, vestito come Fonzie? Impossibile. Eppure Renzi fa tutto questo e lo fa con la massima disinvoltura e faccia da culo, senza pudore e senza vergogna. In questo senso, è assolutamente “berlusconiano”. Non è il solo del resto: forse non usa lo stesso schema Grillo che attraversa lo stretto di Messina a nuoto o Letta che, in Parlamento, cita i Tiromancino e Ligabue?

Ma cosa comunicano, fra l’altro, questi atteggiamenti “renziani”? Proprio come il “senza-vergogna” Berlusconi, comunicano una grande fiducia in se stessi. Come a dire: a me non importa nulla di ciò che pensano gli altri, io voglio farmi fotografare vestito da Fonzie e lo faccio. Punto e basta. E non c’è nulla che attiri e susciti più consenso del mostrare estrema fiducia in se stessi, anche se con atteggiamenti un po’ da commediante.

Nessuno, a sinistra, aveva mai osato tanto. Qualche accenno da Veltroni, ma mai in maniera così sfacciata. Forse perché non era nelle corde dei vari leader o forse semplicemente “perché non si fa” e basta, pensando che la “berlusconata” dovesse necessariamente coprire il nulla. Si racconta che quando, nel 1960, con il programma “Tribuna elettorale”, la politica sbarcò in TV, i politici erano restii a farsi dare il cerone prima di andare in onda, perché consideravano il trucco come proprio degli attori e dei commedianti, da cui i politici si sentivano diversi e con i quali non intendevano confondersi.

Apicella e Berlusconi ai tempi d’oro…

Anche se non più con la logica del 1960, la sinistra (il PD per intenderci) si è sempre trovata spiazzata e perdente di fronte a Berlusconi; perché ha sempre dato per scontato che, nella battaglia politica, l’arma della “faccia da culo” fosse considerata “non convenzionale”, così come avveniva, appunto, ai tempi delle sfide elettorali tra Togliatti e De Gasperi o tra Berlinguer e Fanfani (o Moro o anche lo stesso Andreotti). Invece Berlusconi ne ha fatto ampio uso, spostando sempre un po’ più in là il limite della vergogna, sfoderando sorrisi quando non c’era niente da ridere, facendo proclami palesemente falsi, inscenando commedie ridicole, vantandosi d’aver vinto Coppe dei Campioni, stringendo la mano con la massima disinvoltura a chi aveva appena smerdato, smentendo se stesso nell’arco di poche ore, facendo le corna nelle foto di gruppo del G8, ecc. ecc. .

Come accaduto in tanti altri contesti, la sinistra ha lasciato campo libero a Berlusconi, rifiutandosi sdegnosamente di considerare che almeno alcuni strumenti di comunicazione politica fossero cambiati, non riuscendo mai però a costruire un cammino proprio e convincente. Come se la tua ragazza se ne va con un altro che ha una bella macchina ed il vestito elegante, e tu reagisci affermando che non è con le automobili e i vestiti che si conquistano le ragazze, e poi però passi tutto il tempo a parlare di quell’altro, vestendoti male per distinguerti da lui, senza valorizzare e concentrarti sui tuoi aspetti positivi. Il messaggio che mandi è: sono insicuro di me stesso e dei miei argomenti e, forse, sotto sotto, credo anch’io che un bel vestito possa aiutare, ma ho una gran paura di non sapermi vestire adeguatamente.

Matteo Renzi è nato a Firenze l’11 gennaio 1975

Con la sua faccia da culo, Renzi sceglie invece di appropriarsi del modo di comunicare che Berlusconi ha introdotto, come una bomba atomica, sulla scena politica italiana. Ed è anche per questo che Renzi è così inviso a tanti rappresentanti dello zoccolo duro del PD: perché ne mette in discussione le impolverate, bolse strategie comunicative costringendo chi lo ha guidato finora (quasi sempre alla sconfitta) ad interrogarsi sui propri errori.

Come sottolineato in un nostro articolo di qualche tempo fa, con una metafora un po’ volgare ma efficace, in un partito di persone imparanoiate dal pensiero di essere “impotenti” e che dunque lo diventano veramente, Renzi “lo tira fuori”. Con atteggiamenti eccessivi, “berlusconiani”, ruffiani, ma lo fa. E, forse, dopo 20 anni di “astinenza”, è quello che ci vuole. Poi, ovviamente, bisognerà verificare se sarà capace di “copulare”, ossia se dietro a queste belle immagini e slogan su cui è spesso impossibile essere in disaccordo, ci sia effettivamente una sostanza e la capacità di cambiare un paese immobile, vecchio, impaurito. Questo è il famoso “altro paio di maniche”. Tuttavia l’equazione “berlusconate” = il nulla è forse figlia di vent’anni di berlusconismo, non è detto che debba per forza valere anche per Matteo.

Ma, anche ammettendo che Renzi abbia la capacità e l’intenzione di “cambiare verso all’Italia”, deve tenere a mente che dovrà farlo a Roma e non a Firenze, dove si poteva pedonalizzare piazza Duomo in un pomeriggio dopo millenni di discussioni sterili. A Roma, e per “Roma” intendiamo l’Italia nel suo senso più ampio, dovrà confrontarsi con posizioni salde dalla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, apparati e consuetudini che hanno resistito anche al fascismo, muri di gomma in piedi da millenni. Non sarà sufficiente Fonzie….ci vorrà Superman!

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook1kTweet about this on TwitterShare on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someone

4 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Enrì

    Dell’articolo vorrei sottolineare questo passaggio, che per me è l’unica cosa che conta: “Poi, ovviamente, bisognerà verificare se sarà capace di “copulare”, ossia se dietro a queste belle immagini e slogan su cui è spesso impossibile essere in disaccordo, ci sia effettivamente una sostanza e la capacità di cambiare un paese immobile, vecchio, impaurito”. Posso condividere in parte l’analisi dell’articolo, ma continuo a mantenere tutte le mie riserve nei confronti di Renzi (non chiamiamolo Matteo per favore!:)). Ho votato e sostenuto Pippo Civati, non solo per la sua mozione ben fatta e articolata e per i temi che ha portato avanti i modo coraggioso, ma anche per il suo stile (umile, semplice ma brillante), che devo dire è totalmente diverso da quello di Renzi. Ed è anche per questo che si sono “divisi” dopo la prima Leopolda. Non apprezzo affatto lo stile “berlusconiano” di Renzi, la sua spacconeria, la sua “faccia da culo” (come dice l’articolo). E sopratutto non ho apprezzato il fatto che nella sua mozione per le primarie in pratica non ha affrontato nessun tema e non ha fatto nessuna proposta. E il suo stile continua ad essere questo. Qualcuno mi sa dire di preciso qual’è la sua proposta per la legge elettorale per esempio? Aggiungo: la sua “spacconeria” lo porterà, come sembra, a candidarsi di nuovo come sindaco di Firenze?Dunque vorrà fare il sindaco, il segretario PD, il candidato premier ecc.???Vi pare serio e onesto nei confronti dei fiorentini? Ricordo qui che Renzi è uno dei sindaci più assenteisti d’Italia: nel 2012 ha partecipato a 8 seduto su 45 del consiglio comunale. Vorrei un sindaco della mia città full-time, non part-time che è assente di continuo per impegni nazionale e si fa vedere in città solo per inaugurazioni e “tagli del nastro”!

    Rispondi
  2. Marta Malone

    Scegliere una modalità comunicativa che funziona è intelligenza: mostrare sicurezza è il primo elemento per trasmettere la propria credibilità in un mondo che vive di immagini. Che poi gli slogan siano vaghi è sicuro. Lo sono quelli di Renzi, lo sono quelli di Grillo e lo sono quelli di Berlusconi. Quei proclami non sono fatti per chi vuoi ragionare e cercare di capire, ma per i tanti che vogliono risposte facili a domande difficili. Come Berlusconi e Grillo insegnano, questa è una parte del paese da cui nessun partito può prescindere.

    Rispondi
  3. elisa can

    vincere omologandosi al rivale vuol dire aver perso tutto, anche la faccia ed il culo( tanto sono uguali)

    Rispondi
  4. Riccardo

    Che a sinistra non si fosse mai vista una cosa del genere non è del tutto vero.
    Quando Craxi diventò segretario del psi sbaragliando la vecchia dirigenza ed immettendo nell’organigramma del partito i suoi quarantenni rampanti, i protocolli di comportamento erano gli stessi, aggressivi, moderni e modaioli. Apparire diversi senza poi riuscire ad esserlo fino in fondo, come dimostrerà tangentopoli.

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?