Lunedì

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Non è un mistero che il lunedì sia il giorno peggiore della settimana. A meno di non essere turnista, s’intende. Anche lui, però, sente nell’aria che c’è qualcosa che non va. E non si gode il lunedì, che magari è il suo giorno di libertà.
Il parrucchiere è sempre stato l’unico felice dell’esistenza del lunedì però, in sostanza, lo trascorre in faccende e commissioni. Il resto della truppa mondiale il lunedì è più pericolosa del solito.

La domenica, ecco la colpevole, seguita, in misura minore, dal sabato. La gente si riposa, dicono. Ma mica tanto. Ci sono i lavori domestici e la super spesa settimanale. Si esce, magari si coltiva qualche hobby, ma tutto costa un botto.

I figli, se sono piccoli, non stanno in sé quando hanno i genitori sottomano: cosa facciamo, dove andiamo? Se sono grandi, tutti in giro a far danni e, manco a dirlo, spendono anche loro. Se va tutto bene. Se non succede qualcosa, un casino da sabato sera, per esempio. Un incidente, un overdose, una rapina.

Così quando arrivi in ufficio il lunedì è come entrare nel tunnel degli orrori, quello del luna park, però meno divertente ancora. Che facce, che passi. Camminate fiacche, sguardi torvi o sorrisi tirati, il capo peggio del solito, le scrivanie zeppe di incartamenti rimasti dal venerdì o tutte le mail da guardare e i conti da rifare. Si percepisce un affanno, una fatica di vivere che poi, circa di mercoledì, viene pian piano riassorbita, ma il lunedì mattina…che strazio.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!

Tag

Chi lo ha scritto

Carmen NY

Carmen è autrice di romanzi, saggi e manuali ad uso professionale. Genovese d'anagrafe , ama le culture diverse, il che per lei ha sempre significato anche quella del vicino di casa. In epoca di globalizzazione, la distanza tra individui di fatto è divenuta infinita anche tra condomini: la condivisione e la conoscenza restano  valori fondanti per non inabissarsi nella disumanità.

Perché non lasci qualcosa di scritto?