A come Agricoltura

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Al Ministero dell’Agricoltura, in un salone in cui si tengono riunioni, sono appesi in ordine cronologico i ritratti prima e le foto poi di tutti i ministri che si sono succeduti in quel dicastero. Il primo è Cavour.

Camillo Benso, conte di Cavour (1810–1861), è stato un politico e patriota italiano.

Camillo Benso conte di Cavour, come ci dicevano i libri di storia, era, tra l’altro, un proprietario terriero, esperto e appassionato di agricoltura. Infatti istituì nel 1860 il Ministero dell’Agricoltura e, l’anno dopo, come capo del primo governo del regno d’Italia assunse l’interim o la delega, non so, dell’Agricoltura.

In sostanza fu il primo ministro dell’Agricoltura del regno d’Italia. Chiunque entrasse in quel salone e scorresse la fila dei ritratti e delle foto e quindi dei nomi dei ministri, istintivamente pensava “Mio Dio, speriamo che Cavour non possa vedere”.

Ne ho visti parecchi di quei ministri e ho seguito la loro attività. Fino a un certo punto tutti democristiani, ma con una competenza o almeno un trascorso più o meno collegato all’agricoltura e affiancati da dirigenti e funzionari più o meno esperti.

Certo ci si lamentava perché facevano poco e perché se qualcuno era capace e aveva voglia di fare di più, veniva in breve condotto a più miti consigli da colleghi e superiori e avanti così. Chissà perché all’agricoltura va come ministro sempre l’ultimo da sistemare ed è sempre stato un ministero di serie B. Eppure non è vero che in Italia l’agricoltura, l’agroalimentare, le foreste, la zootecnia….sono settori preminenti e potrebbero essere trainanti per l’economia?

Nunzia De Girolamo (1975) è una deputata per Il Popolo della Libertà e Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali del Governo Letta.

Poi iniziò l’ultimo ventennio, i ministri e i loro dirigenti a contratto venivano quasi tutti dai più vari ambienti purchè non fosse l’agricoltura. Si diceva “Aspettiamo di vedere come lavoreranno prima di giudicare”, ma non sarebbe stato più giusto che avessero dovuto dimostrare prima di avere quel posto cosa avevano fatto? Ora mi viene alla mente ancora Cavour e spero che non sappia mai che al suo posto c’è Nunzia De Girolamo.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!

Perché non lasci qualcosa di scritto?