Un passato che non vuole passare

3
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Era il 1986 quando il libro “La nostra Italia” veniva pubblicato da Feltrinelli Editore. L’autore Carlo Tullio-Altan diede vita ad una riflessione critica sui nostri modelli culturali e sulla loro dubbia idoneità al contesto istituzionale e politico di una grande democrazia.
Oggi, 2013 le parole “[…] Un altro problema è quello dell’emarginazione di massa della giovane generazione dalla vita produttiva e quindi da quella sociale e politica” suonano come un’eco che si propaga nella nostra realtà.

La citazione di Altan che ho scelto (come gran parte del suo libro) è così attuale che sembra di esser rimasti fermi al decennio precedente al 1986, periodo nel quale svolse le dovute ricerche e approfonditi studi antropologici. Le analisi portarono alla luce quanto ben piantata sia nella nostra storia culturale la pochezza del nostro senso di corresponsabilità sociale, che ci fa considerare gli altri come avversari minacciosi, quando essi non appartengono alla rete della famiglia o all’ambiente più vicino.

Riprendere in mano questo libro oggi è come ritrovarsi al centro di un ring e accorgersi di non aver mai smesso di prendere pugni. Non a caso a rileggerlo in questo momento storico e sociale risulta più comprensibile, perché non è solo la storia che un autore racconta con tutti i suoi approfondimenti, ma è la storia che ti attraversa la pelle e te la ritrovi dentro.

Il cinismo politico, l’indifferenza alla corruzione, la scarsa sensibilità per il bene comune, l’ampia diffusione dei legami clientelari tra cittadini ed eletti e all’interno del Parlamento, il sistematico ricorso alla pratica del trasformismo sono tutti aspetti che suonano fortemente familiari anche a chi oggi è molto giovane. Il che, semplificando molto, rende tutti gli aspetti sopraccitati qualcosa di “normale” per chi ha più di trent’anni.

Tutti gli elementi elencati si uniscono alla pesante crisi economica e anzi sento di poter concludere che si alimentano a vicenda. La società civile italiana non sembra aver preso coscienza della natura dei suoi mali e della sua arretratezza socio-culturale complessiva. E forse, non deve stupire, perché le società con una lunga storia, con una struttura consolidata nei secoli, sono gravate da un retaggio che ne ostacola l’autocritica inducendole a proiettare al di fuori di sé le cause dei propri mali.

Prigionieri di noi stessi. Dentro ad una gabbia fatta di inganni e bugie raccontate e scritte. Una gabbia che ci siamo costruiti anche da soli, per mancanza di coscienza civica.

I cittadini di una “comunità civica” vedono la realtà comune come qualcosa di più di un campo di battaglia dove si lotti solo per ottenere vantaggi personali. La presenza di strutture sociali il cui scopo è la cooperazione (le associazioni di qualsiasi genere) contribuiscono al buon funzionamento e alla stabilità di un governo democratico e alimentano un senso di condivisione delle responsabilità nelle imprese collettive. Allo stesso tempo, i leader di una ideale comunità civica devono essere e devono sentirsi responsabili verso i loro concittadini anche incentivando forme di autogoverno, la rottura dell’isolamento individuale e collaborando a sconfiggere la diffidenza reciproca. Quanto siamo lontani da tutto questo non è quantificabile, ma di certo intuibile.

Comprendere il passato, come esso ha influenzato il presente e come alcuni aspetti storici siano diventanti limiti è, a mio parere, il punto di partenza. Andare oltre, domandarsi se la realtà che viviamo è la migliore a cui possiamo aspirare, domandarci se possiamo invertire seppur lentamente la rotta. Per farlo dobbiamo tenere sempre in mente da cosa vogliamo e dobbiamo fuggire. La presa di coscienza autocritica è la base da cui partire per una riforma generalizzata e diffusa del costume della nostra nazione. Solo allora sapremo riconoscere quali sono i veri nemici della nostra libertà civile, politica e sociale.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Makita Di Fabio

In poche righe … mi chiamano tutti Maki (anche se il nome mi piace per esteso), milanese d’adozione con una laurea in Economia Politica in Bocconi. Amo le parole ovunque esse siano scritte. La danza classica è stata parte della mia vita e mi piace pensare che lo sarà per sempre. Ho un' idea personale su tutto, adoro preparare antipasti, vivrei sulle punte. Tanti sogni ancora da realizzare. Chissà che prima o poi qualcuno si realizzi.

3 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Pico

    Ciao Makita,
    scusa per il commento precedente dell’11 ottobre chiaramente
    era una risposta ad un forum, in un altro sito, dove si trattava l’argomento del giorno :
    l’immigrazione a Lampedusa è stato un errore di nomi e di invio.
    Comunque leggiamo sempre i tuoi articoli.
    Ci troviamo un po’ tutti in un sistema surreale dove non sappiamo più
    dove inizia e dove finisce il nostro pesante bagaglio di responsabilità.
    Il dovere di lavorare e il diritto di vivere.
    Piko

    Rispondi
    • Makita

      Avevo intuito che il primo commento fosse riferito ad un altro vergognoso tema, molto attuale.
      Grazie per il fatto che “passate di qui” per leggere gli articoli.

      Rispondi
  2. Pico

    Ciao Makita,
    questo è un argomento che lacera il cuore.
    In tutti questi decenni quanti MILIARDI E MILIARDI di DOLLARI sono stati devoluti
    Per aiutare questi paesi??? Veramente TANTI ma si sono persi per strada…………….
    Se insegni ad un uomo a pescare (anzichè dargli un pesce ) mangerà tutta la vita,
    ma molti paesi ricchi hanno sfruttato l’africa lasciando gli indigeni più poveri di prima.
    Basti pensare al maggior produttore di oro e diamanti del mondo …….è tra i più poveri del pianeta-
    Alla luce di tutto questo cosa possiamo fare?
    Quanti occhi tristi vedo …..
    Grazie per questo magnifico articolo che fa riflettere sulle nostre preoccupazioni quotidiane, di solito poco importanti.
    Ciao PIKO

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?