Sei poesie

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Sei poesie.

Brina

Le pallide gambe di ragazzo, i seni
cuscino di ciocche fini e senza peso

Distratta arroganza
tagliente come brina
su labbra morbide e sottili
serrate a contenere i miei vent’anni
affogate di latte e d’amarena

 

(forse) Via Mazzini

Sottile come schegge d’acqua sputate da un bicchiere rotto
gli aculei di un riccio di castagna matta
l’odore della pioggia, sporca di terra e notte

ti ricordo

sulla soglia della tua casa di ragazza

In quegli anni, la fine trama dei tuoi giochi s’era fatta feltro
la nebbia mi era entrata nelle ossa
nel sangue, viscido di noia e di sconfitta

 

Cinque

Cinque medaglie al valore
ricordo sommesso
ironica pena d’amore che bagna la notte
capovolta nel letto

Cinque
tonde, fresche, rosse
ed altre cinque

Una la tocco. Altre le sfioro
Una la voglio staccare col morso
di una parola di troppo

 

Senza Titolo

Se io e te fossimo insieme adesso
migliori amici, fratelli
inondati di luce e moscerini
che le rondini uccidono, indifferenti

Se tu fossi qui con me
forse perso nei tuoi pensieri eppure
pazientemente disposto ad annuire
al suono della mia voce
come sempre

Vorrei poter dire che saprei riconoscerti
tenderti la mano
ma sarebbe qualcosa da scrivere sulla pagina e rileggere compiaciuti
la trama di una storia
scritta su commissione

 

Senza Titolo

quel che è fatto è fatto
e quel che non è fatto
è desiderio
come le conchiglie
che tornano e ritornano
con le maree

 

Senza Titolo

Mentire è peccato

Dirsi Ti Amo lasciando la porta di casa alle spalle
Sotto il tappeto, sottili frittelle di polvere e stanchi coriandoli di due anni fa
Ritagli di unghie. Forse, l’anello mancante

La nostra catena

Stampata da mani indurite
Uguale a milioni di altre
Idea fra le idee mandate a morire di noia fra gente che muore di fame

Ricorda la vuota apparenza dei ninnoli nell’uovo di Pasqua
Il peso dell’aria
La saggezza del farsi desiderare

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Marco Antonini

Sito web

Nato nel 1976 a Pescara, è da sempre curatore e critico d'arte di giorno, scrittore e fotografo (un tempo, anche musicista...) di notte. Da 10 anni vive e lavora a New York, dove dirige NURTUREart, galleria non-profit dedicata all'attivitá di artisti e curatori emergenti. A New York la notte, a volte, scende di giorno. Soprattutto di recente.

Perché non lasci qualcosa di scritto?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *