Qui io so chi sono

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Quando sento qualcuno parlare di viaggi, anzi raccontare di aver ”fatto”, per esempio, la Namibia o il Kerala e usare il verbo “fare” come per  un fatto materiale e pratico, un dovere da compiere e non come di una esperienza della mente e dell’anima, la mia prima reazione è dire, come con una sorta di consapevole snobismo: “Ma i viaggi dal ‘700 in poi – ossia dal tempo dei grand tours – non si raccontano più!”, soprattutto perché ormai tutti li fanno e li fanno allo stesso.

Tutto poi concorre a farne un oggetto di consumo: la velocità delle strade, la banalità delle guide, le soste di massa nelle aree di ristoro e la mancanza di rispetto per ciò che visitano e che si affannano, con grandi marchingegni,a fotografare, ma…. a non vedere!

Pensiamo a Venezia, quella che Ippolito Nievo definiva con amore e rispetto “una gran regina di 14 secoli”; ora viene stuprata quotidianamente da mostruose navi che ne solcano il più intimo e meraviglioso tragitto, il Canal Grande e il Canale della Giudecca e ne smuovono le fondamenta su cui poggia da secoli.

Ma cos’è il viaggio?

Claudio Magris, lo scrittore triestino che forse più a fondo ha analizzato questa esperienza, nella prefazione al suo libro “L’infinito viaggiare” ne definisce molti aspetti ma soprattutto dice: “Il viaggio sempre ricomincia, ha sempre da ricominciare come l’esistenza.

Solo con la morte cessa lo ‘Status Viatoris’ dell’uomo, la sua condizione esistenziale di viaggiatore. Viaggiare dunque ha a che fare con la morte… ma è anche un differire la morte, rimandarne il più possibile l’arrivo, per arrivare il più tardi possibile, per non arrivare possibilmente mai.

Nel viaggio, ignoti fra gente ignota, si impara in senso forte ad essere Nessuno, si capisce concretamente di essere nessuno. Proprio questo permette, in un luogo amato divenuto quasi fisicamente una parte o un prolungamento di sé, di dire, echeggiando Don Chisciotte: Qui io so chi sono”.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. giuliabe

    Viaggio da tanto e alla rinfusa, senza un senso e perdendomi spesso. Non ho quasi mai un’unica destinazione…piuttosto sposto sempre più in là l’arrivo. Bella riflessione la vostra.

    Rispondi
  2. Fabio

    Paradossalmente, adesso che il viaggio è alla portata di tutti, la conoscenza del mondo e di se stessi attraverso il viaggio è molto ridotta rispetto a prima
    Forse perché l’essenza del viaggio è il viaggio stesso e non il luogo verso il quale si viaggia
    Ma adesso si cerca di rendere il viaggio più corto e più facile possibile, perdendo così tutta quell’avventura legata agli imprevisti che rendeva il viaggio interessante, poi, una volta arrivati al luogo di vacanza, si potrà solo restare delusi, perché si scoprirà che il luogo tanto osannato non è altro che una gabbia per turisti.

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?