Mamma spazzaneve non va in vacanza (nemmeno se è VIP)

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Billy Costacurta ad Aquafan

Billy Costacurta ad Aquafan

Siamo a fine agosto e, bene o male, le nostre ferie son finite. I nostri figli, invece torneranno a scuola solo fra 3 settimane. Come è andata?
Una volta Neil Young cantava che la ruggine non dorme mai. Invece è la mamma spazzaneve, sempre all’erta, che non cede al sonno e che non va mai in vacanza. Non importa l’estrazione sociale, se è una persona comune o un personaggio famoso. Ogni località, in ogni occasione c’è un genitore che cerca di rendere migliore l’estate dei propri figli, magari a discapito della propria salute fisica o mentale.

Ecco 11 cose  - vere – che potremmo aver fatto, visto o letto in questa estate 2013.

Angelina Jolie porta i 6 figli al parco acquatico di Malta

Angelina Jolie porta i 6 figli al parco acquatico di Malta

1 – Avete portato la prole al parco acquatico con tanto di vestiti da principessa o ballerina o supereroe e giochi gonfiabili da acqua.

2 – Avete svolto la mansione di autista da e per la stazione al mattino presto a volte accompagnando vostra figlia a prendere il treno per una nota località turistica che si trova a 80 chilometri da casa; altre volte ritirando il di lei moroso in visita dalla località turistica di cui sopra, dove i suoi genitori passano tutta l’estate.

3 – Avete passato una giornata intera ad Acquafan dividendovi fra le code di due ore, l’acqua gelata e la toilette per via dei conseguenti attacchi di colite.

4 – Avete Percorso più di 180 chilometri in un solo giorno facendo la spola fra Ravenna, Marina di Ravenna e Marina Romea (tratte di massimo 20 km l’una) per permettere alla figlia minore di frequentare amiche diverse fra la mattina e il pomeriggio.

5 – Siete state 2 volte di seguito in cartoleria a cambiare il diario scolastico della figlia di quinta elementare perché lievemente, direi impercettibilmente, fallato. Forse sano ma aveva cambiato idea sul modello di diario.

6 – Siete rientrati dalle ferie la mattina del 14 agosto partendo dalla costiera del Cilento guidando per 8 ore per permettere alla figlia adolescente di passare 3 ore a cena col moroso sulla Riviera Romagnola. E dopo aver dormito (poco) nel vostro letto, la mattina dopo all’alba l’avete accompagnata alla stazione perché raggiunga le amiche in montagna.

7 – Avete dedicato un’ora all’iscrizione di vostra figlia minorenne e vostra in biblioteca per poter prendere in prestito 3 libri. Ancora un po’ e li leggevate voi.

8 – Avete pagato un ombrellone per l’intera stagione con due lettini in un bagno, ma avete noleggiato svariate volte ombrelloni e lettini in bagni diversi a seconda di quale amica si andava a trovare con la figlia piccola.

9 – Avete fatto l’amanuense perché vostra figlia potesse “fare” più pagine di compiti sui libri delle vacanze. E non vi lamentate, perché è brava e vi detta cose corrette e voi semplicemente scrivete.

Anche Christian, con l'acca, e Francesco Totti giocano a racchettoni sulla spiaggia.

Anche Christian, con l’acca, e Francesco Totti giocano a racchettoni sulla spiaggia.

10 – Avete giocato due ore a racchettoni sotto il sole cocente con il simpatico figlioletto in attesa che i suoi amici coetanei si materializzassero in spiaggia.

11 – La sera in cui davano un film che vi siete persi all’Arena estiva avete fatto una coda di 22 minuti alla multisala per vedere Monster University in terza fila con 4 ragazzini, ma, a onor del vero, vi siete pure divertiti.

Valutate in quanti di questi punti vi riconoscete. Alla fine potreste sentirvi come Totti, Billy Costacurta, Madonna o Angelina Jolie o, molto semplicemente scoprire, come me, di essere un vero genitore spazzaneve, o, vista la calura, spiana sabbia.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Maria Grazia

    Io li chiamo genitori “stampella” e sono felice di non aver mai (ancora) fatto niente di tutto ciò per i miei figli. Certo, mai dire mai.

    Rispondi
    • Marinda

      Io qualche cosa l’ho fatta, soprattutto per quanto riguarda viaggi e trasporti. Chissà che farò quando diventerò nonna.

      Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?