La ragazza della metro

4
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Quando penso alle affinità tra le persone non mi soffermo mai sulle origini delle stesse. In certi rapporti che prevedono un legame profondo ovviamente entrano in gioco sentimenti, interessi comuni oltre che rapporti di parentela.Con la ragazza degli scalini della metro non ho alcun legame tradizionale. La ragazza ed io abbiamo solo un legame di occhi.

Sono mesi ormai che alle otto di ogni mattina la trovo lì. Non so quanti anni abbia, è una giovane donna silenziosa. Non so nulla di lei anche se la sua persona dice molto. La trovo ferma, in piedi, pronuncia solo due parole “Buongiorno bella!”. Non chiede nulla.

Come spesso mi accade mi soffermo a pensare a cosa vuol dire lasciare il proprio paese per chi cerca un po’ di pace e un po’ di cibo, ma la sconosciuta mi concede di pensare, per una volta, al viaggio di ritorno.

Una delle tante mattine tutte uguali, come se mi aspettasse, come se non vedesse l’ora di raccontare a qualcuno la sua novità, la sua possibilità, alle solite parole aggiunge: “Vado a casa, torno dal mio bambino”.
Ecco, senza pensarci troppo, come se la mia vita fosse la sua, i suoi occhi pieni di gioia e lacrime diventano i miei.

L’empatia è una magia. L’empatia è un viaggio. Superare dei confini riempie di valore il passaggio che l’uomo compie tra varie dimensioni. I confini vanno intesi soprattutto nella loro funzione di demarcazione tra le diversità sociali, territoriali e culturali. La rappresentazione mentale del viaggio è sovrapponibile al concetto di percorso.

La ragazza della metro il suo percorso ce l’ha sulla pelle, negli occhi, nelle mani. Gli occhi liquidi raccontano di un’identità persa e ritrovata allo stesso tempo. Il suo è un viaggio di ritorno.  Un viaggio di ritorno ha più bagagli. Porta con sé una parte che non c’era. Una parte di noi che a volte non sappiamo di avere acquisito.

Tornerà dal suo bambino e non sarà la stessa mamma che ha lasciato il suo Paese alla ricerca di una possibilità. Tornerà dal suo bambino e tra tanto dolore, degrado, povertà, gli parlerà di alcune persone che l’hanno aiutata, che le hanno sorriso, che le hanno regalato uno sguardo.

Chissà magari gli parlerà di me. Mi piace pensare che lo farà. Io e lei siamo due viaggiatrici. Diverse.  La storia di ognuno vive tra le storie degli altri.

“Ti auguro tutta la felicità che meriti” le dico e so che mi mancherà, come mancano le certezze che crollano. So che tra i volti assenti che incontro ogni mattina lei mancherà, lei che non corre, lei presente e allo stesso tempo già in viaggio.

“Prego per te” risponde, come se sapesse che ne ho bisogno, come se vedesse cose che altri non vedono.
Ora la immagino a casa e so che starà meglio. Deve stare meglio. Probabilmente non la vedrò più. Il viaggio è quello che ricevi.  Il viaggio è quello che lasci. E nulla è più come prima.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Makita Di Fabio

In poche righe … mi chiamano tutti Maki (anche se il nome mi piace per esteso), milanese d’adozione con una laurea in Economia Politica in Bocconi. Amo le parole ovunque esse siano scritte. La danza classica è stata parte della mia vita e mi piace pensare che lo sarà per sempre. Ho un' idea personale su tutto, adoro preparare antipasti, vivrei sulle punte. Tanti sogni ancora da realizzare. Chissà che prima o poi qualcuno si realizzi.

4 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Pico

    Ciao, nel tuo articolo c’è tutto l’amore della carità e della sensibilità…….
    non so quante volte riusciamo a fermarci a guardare, e riflettere su tutto quello che uno sguardo può emanare.
    Se poi parliamo del fatto che questa ragazza ha lasciato il suo bambino per trovare un qualcosa di meglio, entriamo in una dimensione ancora più FORTE……………..
    Io vivo per i miei figli, respiro per loro, 24 h su 24 sono il mio pensiero fisso.
    Trovo che non ci possa essere cosa più cruda che dovere abbandonare i propri figli per delle necessità terrene.
    Continua a scrivere| Abbiamo tutti bisogno di prendere le distanze dalla cruda realtà fatta di apparenze.
    Ciao Grazie
    Pico (Pasquale Valiante)

    Rispondi
  2. Anonimous

    Secondo me era una raffinata tecnica per intenerirti e spillarti un cinquantone… domani sarà ancora li :-D

    Rispondi
    • Makita

      Mi spiace smentirti…non è più lì dai primi di luglio e da me ha avuto in tutti questi mesi solo 2 euro. Mi spiace ancora di più di non esser riuscita con le parole a raccontare qualcosa che va oltre il concetto di “ricevere soldi”. :)

      Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?