Non ho (più) l’età: 11 segnali del tempo che passa

10
Share on Facebook1.8kTweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Gloria Swanson in Viale del Tramonto.

Gloria Swanson in Viale del Tramonto.

Ad essere sincera, quando mi guardo allo specchio, non sento gli anni che ho e non vedo nemmeno lontanamente l’aspetto di una quasi quarantottenne. In teoria. Esteriormente la natura mi assiste in maniera più che accettabile. Mi pare che la vita sia stata clemente con il mio volto, il mio collo e il mio interno coscia. Ma la mente non è più fresca e lucida come un tempo. Eppure i miei gusti non sono cambiati, non perché rimpianga il passato, ma perché mi sento sempre io solo se mi comporto in un determinato modo. Preferisco sempre i jeans a qualsiasi altro genere di abbigliamento e saltare al ritmo di chitarre e batterie live a tutto volume piuttosto che l’ascolto intimo di musica da camera in cuffietta.

Ma la realtà mi ha fatto incappare in undici situazioni che mi han fatto capire che non sono più quella di una volta.

Non ti senti più giovanissima quando:

1 – tua figlia ti passa le scarpe perché ha i piedi più lunghi dei tuoi;

2 – vai a ballare al Vidia di Cesena dopo 25 anni e gli unici della tua età sono i genitori che vanno a prendere i figli;

3 – fai la fila al bar per una birra, tutti gli altri sono minorenni con monetine e ti guardano e si danno di gomito e si dicono “Guarda quella mamma, c’ha addirittura 20 euro”, come se fossi Gloria Swanson in “Viale del Tramonto”;

4 – ti devi asciugare i capelli col phon anche in piena estate, quando ci sono 30°, perché altrimenti ti si scomoda la cervicale o dici, per me niente Spritz che mi dà fastidio all’intestino;

5 – la notte dormi la metà dei tuoi figli anche se sei stanca il doppio di loro;

6 – guardando un film tipo “Into the wild”, “La prima cosa bella” o “Il figlio dell’altra” pensi a come sei tu per i tuoi figli e non più a come sono stati con te i tuoi genitori;

7 – se hai un ritardo pensi prima alla menopausa e che alla gravidanza;

8 – ti arriva la lettera della mammografia annualmente perché hai più di 45 anni e sei comunque contenta, perché sai che non sarà più così quando ne avrai più di 55;

9 – le commesse hanno meno della metà dei tuoi anni e ti danno del lei;

10 – vai a vedere i Red Hot Chili Pepper – che tua figlia di 16 anni considera musica da vecchi – in pullman da sola e sei la più vecchia di tutti, anche dell’autista.

11 – “E vai, casa vuota”, non lo dici più quando non ci sono i genitori, ma al marito, quando non ci sono i figli.

Consapevole che questa esclamazione potrebbe presto venir pronunciata da tua figlia.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook1.8kTweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

10 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Marina

    Articolo bellissimo, una considerazione buffa da me rivolta a me stessa quando ho letto l’età di Marinda, mi son detta quado avevo quasi 48 anni avevo il mondo nelle mani perchè ho capovolto la mia vita ricominciandola ora a 53 passati mi sento finita, però vado ancora in giro con jeans e scarpe da tennis :-)

    Rispondi
  2. Orty

    Non so se me so’persa qualcosa… gli anni passao anche per me… ma il principio di Heisemberg è un solo. Complimenti per l’articolo.

    Rispondi
    • marinda

      Forse me so persa qualcosa io, anzi me so aggiunta qualche pricipio, numerando l’unico come il primo. Cose che ho studiato 30 anni fa. Veramente non ho più l’età.
      Grazie Orty.

      Rispondi
  3. Francesca

    ..aggiungo quando la commessa – giovane – del negozio si giustifica imbarazzata per non averti mostrato subito la borsa che tu ora le indichi perchè considerata.. troppo giovanile. Le mie amiche commentano “che St….a!”, ma il punto è che lei non aveva intenzione di esserlo!
    Beata gioventù.
    Francesca

    Rispondi
  4. Ugo Tini (Gigi)

    Tra un po’ al constatare che la casa è vuota subentrerà la tristezza perché le figlie non ti cagano più.

    Comunque viva la vecchiaia che la gioventù è molto peggio.
    Anche perché l’alternativa è la morte.

    Rispondi
    • marinda

      Gigi, quant’è vero. “Amo la vecchiaia, è l’unica l’alterniva che conosco al morire giovani.” G.B. Shaw

      Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?