Dreams

11
Share on Facebook16Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Datemi una parola e vi creerò una playlist. Digitando “dream” nel campo “Cerca nella libreria” di iTunes (in alto a destra) a me escono 297 risultati. Sono tutti brani presenti nell’archivio di canzoni che passano su Radio Casa Bastiano e che contengono la parola “dream” in diverse forme (vedi dreams, dreamin’, daydreamnel) nel titolo. Semplice, vero? Molto più complesso dare un senso a quei 297 risultati al fine di comporre una playlist sul tema sogno. La sfida mi attrae moltissimo, inizio a spulciare in mezzo ai risultati di quella ricerca. Alcuni brani me li ricordo perfettamente, altri li devo ascoltare. Al solo passaggio del mouse sopra la traccia so già se devo archiviarlo nella nuova playlist che nel frattempo ho deciso di chiamare semplicemente Dreams, se devo spingere play per farmi tornare alla mente l’attacco iniziale o il finale del brano oppure se posso procedere  direttamente alla sua eliminazione. Con questo metodo riesco poco alla volta a restringere l’elenco e la sequenza inizia a prendere forma nella mia mente e nelle mie orecchie. Ci vuole tempo, alla fine i brani da ascoltare sono parecchi, ma la situazione è altamente piacevole. Ormai inizia ad essere tardi, è più notte che sera e la musica in cuffia mi isola dall’esterno. La luce è bassa e soffusa, ma calda, la poltrona molto comoda, potrei andare avanti cercando musica in questo modo per ore, peccato che i brani siano “solo” 297!

Non ci metto tanto ad individuare i 20 brani che mediamente mi servono per comporre una playlist che possa essere masterizzata su un cd, in certi momenti vi confesso che mi sembra fin troppo facile, ho come l’impressione che un brano chiami l’altro. Forse trovo collegamenti anche dove non ci sono, ma secondo me suona proprio bene, è una buona playlist, sono soddisfatto, mi ci ritrovo anche ascoltandola il giorno dopo quando mi accorgo che non devo cambiare niente. Va bene così, è perfetta, lo si capisce subito da come inizia: Dream Brother di Jeff Buckley mi lascia di stucco ancora oggi dopo che il contatore delle riproduzioni di iTunes dice che l’ho ascoltata più di 200 volte (senza contare chiaramente l’era pre-iTunes in cui il cd di Grace ha finito per consumare il laser del mio lettore di allora).

Dreams playlist di RCB - aprile 2013

  1. Dream Brother - Jeff Buckley
  2. Was I In Your Dreams? - Wilco
  3. Daydream - The Lovin’ Spoonful
  4. California Dreamin’ - The Mamas & The Papas
  5. A Dream Goes On Forever- Todd Rundgren
  6. Everybody Has A Dream - Billy Joel
  7. #9 Dream - John Lennon
  8. Fishing for a Dream - Turin Brakes
  9. (Nice Dream) - Radiohead
  10. Dream Operator - Talking Heads
  11. Moonage Daydream - David Bowie
  12. Boulevard Of Broken Dreams - Green Day
  13. Working On a Dream - Bruce Springsteen
  14. Dream a Little Dream - Eddie Vedder
  15. Dream On - Depeche Mode
  16. Dream On - The Chemical Brothers
  17. Keep Your Dreams - Primal Scream
  18. Book Of Dreams - Suzanne Vega
  19. Dreams - The Cranberries

I Wilco di Was I In Your Dreams sono quelli del 1996, a testimonianza che scrivevano belle canzoni già allora, prima del successo planetario che di lì a poco avrebbero iniziato giustamente ad avere. Daydream risale invece a 30 anni prima: era il 1966 quando i The Lovin’ Spoonful aprivano il loro secondo album con questo amabile brano che si lascia fischiettare amorevolmente ancora oggi. Nel 1965, solo un anno prima, i The Mamas & Papas cantavano California Dreamin’ e i due brani sono veramente perfetti uno dopo l’altro, nonché la fotografia di un’epoca che non è la mia, ma che continua a tramandare tutto il suo fascino.

Con A Dream Goes On Forever di Todd Rundgren compio un salto di una decina d’anni e mi ritrovo catapultato nei mitici anni ’70 dove scovo anche Billy Joel con Everybody Has A Dream e John Lennon con #9 Dream. Che bella compagnia, ci starei anche volentieri, peccato che i Turin Brakes mi ricordino con Fishing for a Dream (meravigliosa) che io vivo in un altro tempo nel quale in molti dicono che ci stanno uccidendo tutti i sogni. Sappiatelo, io non mi rassegno e con (Nice Dream) dei Radiohead vi annuncio che non ci credo.

Nel 1986 i Talking Heads cantavano Dream Operator (incredibilmente bella anche oggi), mentre nel 1972 uno storico Davide Bowie d’annata cantava Moonage Daydream.

Keep your ‘lectric eye on me babe - Put your ray gun to my head - Press your space face close to mine, love - Freak out in a moonage daydream oh yeah!

Sono i Green Day di Boulevard Of Broken Dreams a riportarmi nel mio tempo, mentre è il grande Bruce Springsteen a darmi forza con Working On a Dream. Sogno davvero con l’ukulele di Eddie Vedder in Dream a Little Dream, continuo a sognare con Dream On dei Depeche Mode e lo faccio ancora con Dream On dei Chemical Brothers. Tengo gli occhi chiusi quando arriva Keep Your Dreams dei Primal Scream, li riapro solo quando sento una magica voce femminile: è Suzanne Vega con Books Of Dreams. Chiude Dreams dei Cranberries, meglio di così proprio non si poteva!

Che bella Dreams, la nuova playlist di Radio Casa Bastiano. Buon ascolto!

Logo Radio Casa Bastiano

Radio Casa Bastiano è una webradio amatoriale curata e gestita da Michele Lanzarini che trasmette tutti i giorni a tutte le ore solo buona musica. Per ascoltarla vi serve solo un dispositivo connesso ad internet: se avete un computer potete utilizzare iTunesWindows Media PlayerWinampReal Player; se avete un iPod, un iPhone o un iPad potete scaricare l’App ufficiale di RCB. Se vi piace RCB la cosa più bella che potete fare è consigliarla a tutti i vostri amici tramite Facebook e Twitter. Buon ascolto!

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook16Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

11 commentiCosa ne è stato scritto

  1. marinda

    “Sleep
    sleep tonight
    and may your dreams
    be realized!”
    MLK U2, the Unforgettable fire

    Rispondi
  2. Greenvespa

    Eh sì, tra le grandi escluse ci sono sia New Gold Dream dei Simple Minds che Dream On degli Aerosmith insieme a Dreams dei Fleetwood Mac, Here I Dreamt I Was An Architect dei The Decemberist, Another Woman’s Dream di Edie Brickell, The Dreaming Tree di The Dave Matthews Band, Moon Dreams di Miles Davis, Dream Within A Dream dei Propaganda e così via fino a 297! Impossibile citarle tutte, fare una playlist non è semplice, comporta delle scelte che provo sempre a spiegare. Mi fa piacere che questa playlist abbia generato qualche commento. Alla prossima!

    Rispondi
    • Penelope Pras

      La mia non era una rimostranza eh, caro Greenvespa. Mentre ascoltavo quella canzone (che mi piace assai) mi è venuta in mente la tua playlist. Quando si verificano queste fortunate coincidenze astrali, con la complicità della primavera in versione sole-e-caldo e del weekend, parto per la tangente.

      Rispondi
      • Greenvespa

        Lungi da me pensarlo! Il mio era solo un semplice tentativo di spiegare la reale difficoltà che si presenta ogni volta che compongo una playlist, quella di fare una scelta in mezzo ad una miriade di canzoni. Ribadisco, sono compiaciuto dei commenti e di questa bella playlist.

        Rispondi
  3. Penelope Pras

    Siccome non c’è due senza tre e per di più l’ho appena ascoltata, rilancio con Dream On degli Aerosmith.
    Quanto manca a 297? :)
    Grazie per i consigli preziosi.

    Rispondi
  4. Antonio Capolongo

    “She is the one in front of me, the siren and the ecstasy…” con questi versi i Simple Minds timbravano il loro sogno, nella fattispecie “New gold dream”.
    Penso che capiti a tutti i fan, di porre i loro beniamini ai primi posti, e quindi, sulla scorta di tale principio, tento una forzatura… e chiedo di inserire la straordinaria “New gold dream”.

    Grazie per l’onirica playlist
    Antonio

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?