Parole dei Padri Costituenti: Piero Calamandrei

1
Share on Facebook2.6kTweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn3Email this to someone

Ostico e delicato il tema della costituzione è diventato d’attualità grazie soprattutto al bel intervento di Roberto Benigni trasmesso sulla televisione nazionale italiana.

La nostra Costituzione, figlia della resistenza e nipote della liberazione, è il frutto di un lavoro egregio effettuato dai nostri Padri costituenti, toccati profondamente dalla truce esperienza del fascismo. Tutti insieme hanno regalato all’Italia una carta con regole precise per salvaguardare e proteggere la democrazia. Averla rispettata fin dal primo giorno avrebbe voluto dire vivere in uno Stato avanzato, democraticamente all’avanguardia, più solido ed equo economicamente parlando.

I Padri costituenti avevano previsto ed immaginato tutti gli scenari possibili che avrebbero potuto intaccare la democrazia predisponendo pesi e contrappesi, poteri esecutivi e poteri politici e le varie fasi di controllo pur salvando l’indipendenza degli stessi.

Tra i 356 Padri costituenti, il personaggio che vorrei citare in questo excursus di frasi celebri è Piero Calamandrei giornalista, giurista, politico e docente universitario nato a Firenze nel 1889.

Un primo piano del padre costituente Toscano

Un primo piano del padre costituente Toscano

Un personaggio che ha definito la Costituzione “un testamento di centomila morti” un uomo che, nel 1955, davanti agli studenti universitari milanesi disse “Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra costituzione.”

Sono rimaste alla storia le sue celebri frasi rivolte ai giovani come ad esempio “Dietro ogni articolo della Costituzione, o giovani, voi dovete vedere giovani come voi che hanno dato la vita perché la libertà e la giustizia potessero essere scritte su questa Carta.

Si sente parlare spesso di libertà e lo si fa spesso perché queste persone sono state devastate dalla condizione di oppressione presente nel fascismo La libertà è condizione ineliminabile della legalità; dove non vi è libertà non può esservi legalità.”

La Costituzione deve essere considerata, non come una legge morta, deve essere considerata, ed è, come un programma politico. La Costituzione contiene in sé un programma politico concordato, diventato legge, che è obbligo realizzare.

La libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare.

O il discorso pronunciato in difesa della Scuola nazionale a Roma l’11 febbraio 1950: “Ci siano pure scuole di partito o scuole di chiesa. Ma lo Stato le deve sorvegliare, le deve regolare; le deve tenere nei loro limiti e deve riuscire a far meglio di loro. La scuola di Stato, insomma, deve essere una garanzia, perché non si scivoli in quello che sarebbe la fine della scuola e forse la fine della democrazia e della libertà, cioè nella scuola di partito.

Come si fa a istituire in un paese la scuola di partito? Si può fare in due modi. Uno è quello del totalitarismo aperto, confessato. Lo abbiamo esperimentato, ahimè. Credo che tutti qui ve ne ricordiate, quantunque molta gente non se ne ricordi più. Lo abbiamo sperimentato sotto il fascismo.

Il discorso di Calamandrei sulla Scuola

Il discorso di Calamandrei sulla Scuola

Tutte le scuole diventano scuole di Stato: la scuola privata non è più permessa, ma lo Stato diventa un partito e quindi tutte le scuole sono scuole di Stato, ma per questo sono anche scuole di partito. Ma c’è un’altra forma per arrivare a trasformare la scuola di Stato in scuola di partito o di setta. Il totalitarismo subdolo, indiretto, torpido, come certe polmoniti torpide che vengono senza febbre, ma che sono pericolosissime… Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuol fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura.

Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno il difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora, il partito dominante segue un’altra strada (è tutta un’ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato.E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Gli esami sono più facili, si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di Stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di Stato per dare la prevalenza alle sue scuole private.

Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d’occhio i cuochi di questa bassa cucina. L’operazione si fa in tre modi: ve l’ho già detto: rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico.”

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook2.6kTweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn3Email this to someone

Cosa ne è stato scritto

Perché non lasci qualcosa di scritto?