Il Film nascosto: “L’estate di Giacomo” di Alessandro Comodin

Share on Facebook39Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
locandina di L'estate di Giacomo

Premiato in diversi festival internazionali e accolto con entusiasmo dalla critica, arriva nelle sale questo piccolo film del regista esordiente Alessandro Comodin. La giornata d’estate di due ragazzi diventa un racconto universale sui temi dell’amicizia e dell’amore.

Vincitore del Pardo d’Oro nella sezione Cineasti del presente al Festival del Fil di Locarno 2011 e accolto con entusiasmo in numerosi Festival in tutto il mondo,  “L’estate di Giacomo” del giovane regista friulano Alessandro Comodin viene finalmente distribuito nelle sale italiane.

Giacomo, un ragazzo sordomuto, e Stefania, sua amica fin dall’infanzia, vivono una giornata tra i boschi, il fiume e la campagna friulana. Per loro è il momento di svolta che si vive durante l’estate che segue la maturità. Per Giacomo il passaggio sarà ancora più grande perché un intervento gli permetterà di tornare a sentire e a parlare. Entriamo subito in sintonia coi due ragazzi seguendoli da vicino mentre camminano a piedi scalzi nella boscaglia prima di arrivare ad una incontaminata e magnifica (Giacomo la battezza subito “Maldive”) spiaggia sul fiume Tagliamento. La trama del film è praticamente tutta qui, è il racconto di una giornata in cui non succede quasi nulla, ma è una giornata che ha dentro di sé la vita di tutta un’estate, un’estate che segna un importante passaggio verso l’età adulta.

estate di giacomo luna park

Col giusto spirito il calcinculo dà le sue soddisfazioni

Il film è pieno di momenti (suonare la batteria, danzare a una festa popolare, ammirare i fuochi d’artificio …) e di gesti (abbracci, urla, tuffi, giochi …) che nella loro semplicità lasciano trasparire emozioni profonde e incontenibili. Il rivelarsi di nuovi sensi è simbolizzato dal superamento dell’handicap da parte di Giacomo. Questa nuova sensibilità fa apparire meravigliosamente nuovo tutto quello che li circonda. Il rapporto tra Giacomo e Stefania è quello di due amici di infanzia, ma si percepisce un non detto (e un non mostrato) che lascia intuire che questa sarà probabilmente  l’estate della trasformazione. Lasciando magari la malinconia per un epoca che non tornerà e per un amore non rivelato.
Lontano dal pietismo che una storia del genere poteva nascondere la forza del film sta proprio nello sguardo lieve e sincero di Comodin che in ogni momento lascia trasparire l’amore per i suoi personaggi.

l'estate di giacomo spiaggia

Spoiler: questa è un’altra ragazza

Si tratta necessariamente di un piccolo film. Piccolo per esigenze di budget. Piccolo per gli avvenimenti che racconta. Piccolo anche per la durata (solo 78 minuti). Ma ha comunque la forza di trasformare una piccola storia personale in un racconto dal respiro universale, come universali sono i sentimenti di amicizia e d’amore dei protagonisti. Anche per questo al contrario di tanti film italiani che pur riscuotendo successo di pubblico da noi sono impossibili da esportare, questo film ha riscontrato tanto successo in oltre 20 festival in tutto il mondo.

Moneyshot

La scena iniziale in cui seguiamo Giacomo e Valentina che si addentrano nel bosco camminando scalzi tra il fango e le spine. Vediamo che Giacomo porta gli apparecchi acustici agli orecchi. Poi non li avrà più, potrà sentire anche se con qualche difficoltà. Siamo vicinissimi a Giacomo e Valentina, li sentiamo ansimare, ridere, imprecare. Dal primo minuto entriamo subito in sintonia con loro, li conosciamo ed siamo dentro la loro estate.

L'estate di Giacomo

E’ il tramonto della stagione della vita in cui si va in due in bicicletta

Boxoffice

Quali incassi? Il film è del 2011 ed esce un anno dopo in piena estate quando le sale non si riempiono nemmeno con The Amazing Spider-man. Visto che questi piccoli film hanno problemi di distribuzione sempre più evidenti qualche volenteroso si dà da fare per trovare nuovi spazi. Visto che siamo nel 2012 questi nuovi spazi sono sul web: su MyMovies LIVE  sarà possibile vedere L’estate di Giacomo in contemporanea all’uscita in sala.

Intanto in Francia è stato distribuito il 4 luglio in una decina di sale, accolto con entusiasmo dalla critica, ha avuto oltre mille spettatori per copia.

Regia: Alessandro Comodin
Sceneggiatura: Alessandro Comodin
Fotografia: Tristan Bordmann, Alessandro Comodin

Giacomo: Giacomo Zulian
Stefania: Stefania Comodin
Barbara: Barbara Colombo

 

Il sito ufficiale del film

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook39Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?