Non ho visto terroristi, ma solo Resistenti

Share on Facebook21Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Manifestazione per la Siria: non vogliamo altri mortiIl referendum truffa consentirà ad Assad di mantenere il potere fino al 2028. La Siria sta ancora lottando per la libertà e gli oltre 9.000 morti in un anno sono un messaggio per tutto il mondo.

La storia si ripete, ma la politica è sempre la stessa.

Mentre continuano gli scontri tra le forze di sicurezza e l’opposizione, domenica 26 febbraio, il regime siriano ha tenuto il promesso referendum costituzionale che dovrebbe “teoricamente” aprire il sistema politico del Paese al multipartitismo.

referendum in siria vignetta

Ben il 57% è stata l’affluenza alle urne degli elettori siriani (stranamente quel 7% ha fatto la differenza) e con l’89% dei voti favorevoli il referendum ha aperto la strada alla nuova Costituzione in Siria. Siamo dovuti arrivare a 9093 morti per ottenere un cambiamento, ma quanti ne occorreranno per aprire la strada ad un presidente meno sanguinario? Questa è la domanda che molti giovani della mia età si pongono.

Riguardo a questo ho chiesto ad alcuni attivisti nel Paese cosa ne pensavano di questo referendum e le risposte sono state: “Io, e quasi tutti i ragazzi che conosco, non siamo andati a votare perché non vogliamo perdere tempo con le prese in giro del Governo. Il nuovo codice civile non ha portato niente di nuovo e non ha senso farne un altro migliore se il regime non rispetta i diritti del uomo, anche perche dà poteri immensi al presidente.”

Vittime in Siria

Le vittime della repressione in Siria; regione per regione in un anno sono state uccise 9093 uccise

Cio che caratterizza la nuova Costituzione è che impone un limite di due mandati al capo dello Stato. Ma la cosa più interessante è che gli anni passati finora al potere da Assad non contano, il che vuol dire che il presidente potrebbe mantenere l’incarico fino al 2028. Noi sappiamo che ciò è possibile finché le schede elettorali sono già votate prima ancora che si vada a votare. E dopo di lui chi avremo? Forse suo figlio o il figlio di suo cugino o ancor meglio il figlio di suo fratello e così via.

“Vorrei che si sapesse”

[dalla Siria l'appello di un attivista]Syria-Referendum-Voting-Bombing

Vorrei che si sapesse che il livello di paura dei siriani prima della rivolta è arrivato al massimo e Hafez insieme a suo figlio darebbero lezioni di dittatura a Stalin e Mussolini. In Siria non solo chi non sostiene la politica siriana viene arrestato e fa una brutta fine, ma anche le persone che cercano di migliorare il Paese indipendentemente dai loro ideali politici… Chi è stato in Siria sa che qualunque progetto economico o sociale veniva sempre abbandonato o non terminato… il regime non vuole infatti che le condizioni migliorino, perché migliorare le condizioni delle classi sociali più deboli significa aprirle al mondo, il che è pericoloso perché può indurre le persone a cominciare e pensare…

Vorrei che si sapesse che purtroppo le ferite del 1982 sono ancora aperte e che ci sono dei detenuti ancora nelle profonde prigioni di Tadmur.
Vorrei che si sapesse che Aleppo è saldamente controllata dagli apparati di sicurezza e dalle spie che riempiono tutte le strade: la città è soffocata.
Vorrei che si sapesse che la rivolta egiziana ha vinto perché l’esercito si è schierato con il popolo, cosa che non succede ad Aleppo, anche perché in Siria è l’esercito che comanda, anche se non apertamente.
Infine vorrei che si sapesse che la rivolta ha già vinto introducendo il valore della libertà e il sacrificio per il Paese che riempie di speranze le generazione future.

Un altro punto interessante della nuova costituzione è che per candidarsi alla presidenza sarebbe necessario aver vissuto per almeno dieci anni consecutivi in Siria e non avere un coniuge nato all’estero, se non che i leader dell’opposizione sono in gran parte dissidenti ed esuli che vivono da tempo all’estero. Infine, viene consentita l’organizzazione di partiti politici, purché non su base religiosa o etnica…E questo viene chiamato regime laico??!!

Aya sventola la bandiera sirianaI gruppi dell’opposizione sono scesi in campo e hanno iniziato a boicottare il referendum; in alcune zone del Paese le operazioni del voto sono state bloccate anche a causa dei combattimenti.

Fortunatamente, oggi come oggi, i giovani si stanno svegliando, iniziano a conoscere, ad approfondire, ad aver maggior contatto con la realtà che li circonda e tutto questo grazie a internet e al libero accesso ai siti di informazione…

Ma la questione che ripeto a ogni siriano che appoggia ancora questo governo o è indifferente, a ogni uomo cittadino del mondo, a ogni politico che opera per la democrazia, per la liberta è: “Fino a quante vittime dobbiamo arrivare, quante donne e quanti bambini devono morire perché si possa fermare questo genocidio? Ho paura che la cecità di cui soffre il resto del mondo oggi sarà un male piu grande domani.”

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook21Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?