Le 11 poesie da sapere a memoria

13
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+3Share on LinkedIn0Email this to someone

giornata poesia 2012Il 21 marzo, giornata mondiale della poesia, Matteo Chiavarone, ci ha fatto dono della sua personale lista di poesie da sapere a memoria, per ringraziare dell’occasione che gli è stata offerta di parlere di poesia su L’Undici.
E, in continuità con la conclusione dell‘intervista già pubblicata, fermamente convinta che le poesie vadano lette e non spiegate, eccole pubblicate così, nella loro bellezza senza tempo e senza commento.

La Patria, l'arresto di Pascoli

La Patria, l’arresto di Pascoli

“Patria”

di Giovanni Pascoli

Sogno d’un dì d’estate.
Quanto scampanellare
tremulo di cicale!
Stridule pel filare
moveva il maestrale
le foglie accartocciate.
Scendea tra gli olmi il sole
in fascie polverose;
erano in ciel due sole
nuvole, tenui, róse:
due bianche spennellate
in tutto il ciel turchino.
Siepi di melograno,
fratte di tamerice,
il palpito lontano
d’una trebbiatrice,
l’angelus argentino…
dov’ero? Le campane
mi dissero dov’ero,
piangendo, mentre un cane
latrava al forestiero,
che andava a capo chino.

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale”

di Eugenio Montale

eugenioHo sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.
Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.


“Piove sempre”

di Gezim Hajdari

Piove sempre
in questo paese
forse perché sono straniero.

Nazim Hikmet e Vera Tuljacova

Nazim Hikmet e Vera Tuljacova

“Sei la mia schiavitù sei la mia libertà”

di Nazim Hikmet

Sei la mia schiavitù sei la mia libertà
sei la mia carne che brucia
come la nuda carne delle notti d’estate
sei la mia patria
tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi
tu, alta e vittoriosa
sei la mia nostalgia
di saperti inaccessibile
nel momento stesso
in cui ti afferro.

Il piccolo Pier Paolo Pasolini (1922 - 1975) con la madre Susanna Colussi (1891 - 1981)

Il piccolo Pier Paolo Pasolini (1922 – 1975) con la madre Susanna Colussi (1891 – 1981)

“Supplica a mia madre”

di Pier Paolo Pasolini

E’ difficile dire con parole di figlio
ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio.
Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore,
ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore.
Per questo devo dirti ciò ch’è orrendo conoscere:
è dentro la tua grazia che nasce la mia angoscia.
Sei insostituibile. Per questo è dannata
alla solitudine la vita che mi hai data.
E non voglio esser solo. Ho un’infinita fame
d’amore, dell’amore di corpi senza anima.
Perché l’anima è in te, sei tu, ma tu
sei mia madre e il tuo amore è la mia schiavitù:
ho passato l’infanzia schiavo di questo senso
alto, irrimediabile, di un impegno immenso.
Era l’unico modo per sentire la vita,
l’unica tinta, l’unica forma: ora è finita.
Sopravviviamo: ed è la confusione
di una vita rinata fuori dalla ragione.
Ti supplico, ah, ti supplico: non voler morire.
Sono qui, solo, con te, in un futuro aprile…


CECCO-ANGIOLIERI_Sonetti

“S’i fosse fuoco”

di Cecco Angolieri

S’i fosse fuoco, arderei ‘l mondo;
s’i fosse vento, lo tempestarei;
s’i fosse acqua, i’ l’annegherei;
s’i fosse Dio, mandereil’ en profondo;
s’i fosse papa, allor serei giocondo,
ché tutti cristiani imbrigarei;
s’i fosse ‘mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.
S’i fosse morte, andarei a mi’ padre;
s’i fosse vita, non starei con lui;
similemente faria da mi’ madre.
Si fosse Cecco com’i’ sono e fui,
torrei le donne giovani e leggiadre:
le zoppe e vecchie lasserei altrui.

Carlo Levi, Umberto Saba e la moglie Lina

Carlo Levi, Umberto Saba e la moglie Lina

“A mia moglie”

di Umberto Saba

Tu sei come una giovane
una bianca pollastra.
Le si arruffano al vento
le piume, il collo china
per bere, e in terra raspa;
ma, nell’andare, ha il lento
tuo passo di regina,
ed incede sull’erba
pettoruta e superba.
È migliore del maschio.
È come sono tutte
le femmine di tutti
i sereni animali
che avvicinano a Dio.
Così se l’occhio, se il giudizio mio
non m’inganna, fra queste hai le tue uguali,
e in nessun’altra donna.
Quando la sera assonna
le gallinelle,
mettono voci che ricordan quelle,
dolcissime, onde a volte dei tuoi mali
ti quereli, e non sai
che la tua voce ha la soave e triste
musica dei pollai.

Tu sei come una gravida
giovenca;
libera ancora e senza
gravezza, anzi festosa;
che, se la lisci, il collo
volge, ove tinge un rosa
tenero la tua carne.
Se l’incontri e muggire
l’odi, tanto è quel suono
lamentoso, che l’erba
strappi, per farle un dono.
È così che il mio dono
t’offro quando sei triste.

Tu sei come una lunga
cagna, che sempre tanta
dolcezza ha negli occhi,
e ferocia nel cuore.
Ai tuoi piedi un santa
sembra, che d’un fervore
indomabile arda,
e così ti riguarda
come il suo Dio e Signore.
Quando in casa o per via
segue, a chi solo tenti
avvicinarsi, i denti
candidissimi scopre.
Ed il suo amore soffre
di gelosia.

Tu sei come la pavida
coniglia. Entro l’angusta
gabbia ritta al vederti
s’alza,
e verso te gli orecchi
alti protende e fermi;
che la crusca e i radicchi
tu le porti, di cui
priva in sé si rannicchia,
cerca gli angoli bui.
Chi potrebbe quel cibo
ritoglierle? chi il pelo
che si strappa di dosso,
per aggiungerlo al nido
dove poi partorire?
Chi mai farti soffrire?

Tu sei come la rondine
che torna in primavera.
Ma in autunno riparte;
e tu non hai quest’arte.
Tu questo hai della rondine:
le movenze leggere;
questo che a me, che mi sentiva ed era
vecchio, annunciavi un’altra primavera.

Tu sei come la provvida
formica. Di lei, quando
escono alla campagna,
parla al bimbo la nonna
che l’accompagna.
E così nella pecchia
ti ritrovo, ed in tutte
le femmine di tutti
i sereni animali
che avvicinano a Dio;
e in nessun’altra donna.

Josè Saramago

Josè Saramago

“Vengano infine”

di Josè Saramago

Vengano infine le alte allegrie,
le ardenti aurore, le notti calme,
venga la pace agognata, le armonie,
e il riscatto del frutto, e il fiore delle anime.
Che vengano, amor mio, perché questi giorni
son di stanchezza mortale,
di rabbia e agonia
e nulla.

Franco Fortini autoritratto

Franco Fortini autoritratto

“Qualcosa tintinna”

di Franco Fortini

Qualcosa tintinna
nel vuoto, qualcosa
si è rotto.
il filo rovente
che spento oscilla
non vedi
ma senti
e un ronzio
si ostina se scuoto
nel buio
quel filo che più
non brilla e che fu
tuo, mio.


cesare pavese

“Anche tu sei l’amore”

di Cesare Pavese

Anche tu sei l’amore.
Sei di sangue e di terra
come gli altri.
Cammini
come chi non si stacca
dalla porta di casa.
Guardi come chi attende
e non vede.

Sei terra
che dolora e che tace.
Hai sussulti e stanchezze,
hai parole – cammini
in attesa. L’amore
è il tuo sangue – non altro.

“È tutto ciò che ho da offrire oggi”

di Emily Dickinson

È tutto ciò che ho da offrire oggi -
Questo, e il mio cuore accanto -
Questo, e il mio cuore, e tutti i campi -
E tutti gli ampi prati -
Accertati di contare – dovessi dimenticare -
Qualcuno la somma potrà dire -
Questo, e il mio cuore, e tutte le Api
Che nel Trifoglio dimorano.

Emily Dickinson

Emily Dickinson

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+3Share on LinkedIn0Email this to someone

13 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Pezzuti Alfredo

    Grazie a questi ed altri poeti che hanno scritto raccontando in versi la vita , la morte, l’amore per lasciarle ai posteri

    Rispondi
  2. caterina

    Sì oggi è stato bello iniziare con parole e frasi e versi .È stato insolito ed è stato un bel regalo .Grazie

    Rispondi
  3. Monica

    Ho sempre letto tanto, narrativa, quotidiani, libri generici, ma erano anni che non leggevo poesie. Mi hai dato una grande emozione. Pasolini insuperabile. Grazie.

    Rispondi
  4. Osvaldo

    Bellissimo questo articolo, grazie. La poesia supera il tempo, era tanto che non leggevo tgante poesie messe insieme, mi sento meglio adesso.

    Rispondi
  5. marinda

    grazie ancora a Matteo Chiavarone, che ci fa veramente sentir bene con la poesia.

    Rispondi
  6. Barbara

    grazie,per avermi regalato ,tra una pratica e l’altra ,pensieri dolcissimi,non scelti a caso,non di tendenza,fuori dalla realta’ ma cosi’ autentici!!!!

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?