La nuova frontiera del vivere sani e belli: un party work-out

1
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Come si fa a sostituire il senso di colpa da ingordigia  del sabato sera con l’auto-compiacimento per aver bruciato più calorie di quante se ne sono ingurgitate?  La risposta arriva dai club di Manhattan: vai a un party-palestra. Proprio così, oltre alla felicità per il saldo calorico negativo, ritorni a casa sudato e divertito come se avessi trascorso una notte da  leone.

Il party work-out è una delle tante tendenze che spopolano nella Grande Mela. Niente di nuovissimo (esistono da almeno tre anni) e forse nemmeno  particolarmente innovativo – pensiamo per esempio alla miriade di discoteche latino-americane tanto in voga negli anni ‘90. Tuttavia la festa-esercizio rientra in quella categoria di mode che, una volta entrate nell’occhio del ciclone di Manhattan, hanno il sapore di indispensabilità e spingono a chiedersi come caspita se ne poteva fare a meno.

La domanda successiva è chiedersi quali siano i fattori che contribuiscono a trasformare una serata in balera in una delle night più fashion dell’anno.

Il primo elemento è sicuramente il packaging. Perché di successo, una serata del genere deve puntare sulla location, sull’alternanza di luci stroboscopiche, su palchi cangianti e su DJs – o meglio, insegnanti di ginnastica – bellissimi e molto popolari. Insomma anche l’occhio vuole la sua parte e, come insegna Mary Poppins, per rendere la pillola meno amara bisogna metterci un po’ di zucchero. Ecco che una faticosa seduta in palestra si trasforma in una bellissima serata, dove il cervello anziché sentire la fatica è distratto da luci accecanti e musica a tutto volume. Nel caso si tratti di una lezione di kickboxing è richiesta molta prudenza.

Il secondo elemento è la sua indubbia utilità. In una città in cui quando la temperatura scende abbondantemente sotto lo zero si vedono correre centinaia di persone in pantaloncini corti e canottiera nelle ore notturne, la possibilità di un party work-out suona allettante anche per il più masochista tra i businessman della City. E il potere suadente di un evento del genere acquista ancora maggiore fascino se si pensa all’altra ossessione dei New Yorkers: un’alimentazione sana, corretta e ipocalorica. Le due forme maniacali sono strettamente correlate, ma se immaginiamo un sabato sera in cui anziché rimorchiare la mia vicina grazie all’effetto di 4/5 drinks, si apre la possibilità di farlo performando 4 kicks volanti è un bella soddisfazione. E, salvo eventuali spese ospedaliere, è un bel risparmio anche per il portafoglio. Un party work-out costa intorno ai $30 mentre per 4 drinks in un locale fashion si superano con facilità i $50.

Il terzo elemento è il valore non tangibile di questa elettrizzante esperienza. Aldilà dell’appiattimento dell’addominale, della scappatella anonima del sabato sera e dell’alleggerimento del portafoglio, c’è un altro tipo di utilità, che non si tocca ma che va a rafforzare la psiche dell’iperattivo. Dopo aver partecipato a un party del genere, sarà facile sentirsi delle persone migliori. Per chi frequenta le palestre, l’ossessione della voce degli istruttori “push push push, challenge yourself, go beyond your limits etc” suonerà come una cantilena familiare. E questo lavaggio del cervello pare serva molto anche perché, a prescindere dalle qualità dell’allievo, qualsiasi lezione standard si conclude con una miriade di congratulazioni per il traguardo raggiunto, per il coraggio dimostrato, per la resistenza degna di un comandante di marines. Insomma, faticare divertendosi ha un buon effetto sull’autostima quando l’insegnante sa dosare con sapienza bastone e carota (e un po’ di balle qua e là).

Insomma questa a quanto si legge sembra essere la moda ultimo grido della Big Apple.  Per chi volesse saperne di più, ecco l’articolo del New York Times che ha ispirato quello che state leggendo.

E riflettendo con curiosità e storcendo un po’ il naso sui costumi di Manhattan, aspettiamo l’estate per rinfrescarci,  con chissà forse il prossimo aquagym pool party su un rooftop con vista mozzafiato.

 

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Cosa ne è stato scritto

Perché non lasci qualcosa di scritto?