Il Graffalce sbarca in Italia

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Dirk Hayurst alias Mr. Garfoose è un lanciatore arrivato alle porte della fama nelle leghe maggiori del baseball americano. Non è riuscito ad aprirle con il guantone, ci è riuscito con la penna, raccontando i retroscena della vita nelle serie minori. 

Il Giraffalce (Garfoose)

Il Giraffalce (Garfoose), courtesy of dirkhayhurst.com

E adesso ha stupito tutti con la scelta di giocare in Italia. Racconta perchè all’Undici.

Il suo primo libro si chiama “I vangeli del recinto dei tori”, ma si sa che tradurre in italiano titoli di film e libri è spesso un’impresa disperata, quindi non fatevi una brutta idea. Bullpen Gospels è uscito nell’aprile del 2010 e in sei mesi ha venduto trentamila copie e a fine mese era addirittura arrivato al numero 15 tra i bestseller non fiction del New York Times (subito dietro al celeberrimo Freakonomics) guadagnandosi una chiamata nelle grandi leghe della letteratura contemporanea.

INTERVIEW TO DIRK HAYHURST (ENGLISH VERSION)

How’s your Italian, do you understand what Graffalce Sputafuoco means?

I have absolutely no idea what that phrase means, but, the first word looks like it might mean “Giraffe”. Google Translate tells me the second word means spitfire… or windsucker. Let’s go with spitfire. So, therefore, if I put the two words together I think I get a fire spitting giraffe, which, if you’re not laughing right now thinking about it, you should be. I guess that would be the Italian way of saying Garfoose?  I like it.

Let’s start with a stupid question you’ve probably heard before. Choose between the Nobel prize for literature and a place in the MLB Hall of Fame.

Nobel prize for literature, hands down. Why? Because baseball is a game, and while you can do many wonderful things through a game, you can change the world with writing. It’s a powerful, beautiful art form and I would much rather be gifted at it than baseball, if I had to choose.

Is it true that your shoulder injury in 2010 was due to excessive mouse usage?

No, my affinity for mice, rats, and other feral rodents had nothing to do with it. It was probably my side hobby as a Ninja Warrior that got me hurt.

Did any of your former teammates or managers get annoyed or confront you about your bullpen stories?

I think what you mean is, were they bothered by me writing? The answer is, yes, very much so. They were very afraid that I would write about them. Baseball players do a lot of naughty things they’d like to keep the world in the dark about. They were afraid that I’d write about them. Some were violently opposed to me doing so. I was a black sheep on many of my teams because of writing, even after I explained that I wasn’t writing about them in an incriminating way. Baseball has been hurt by writers before, so they have reason to be weary of me, but my intent is not to damage reputations, but inspire people through the humanity behind the uniform.

Do you know that when the average Italian sports fan hears about 3 balls and 2 strikes thinks of sadomasochistic games rather than baseball?

Wow. I did not know that. I know that Baseball is not Italy’s top sport, but I wasn’t aware that it was something seen as on par with whips in chains in the bedroom. Well, you learn something new every day, I guess.

The Italian favorite sports are complaining and being unsatisfied. You are a ‘speaker’, what motivating words can you tell to this country?

Complaining and being unhappy? But there is so much in Italy to be thankful for and fulfilled by. The food, the history, the splendor, and the wonderful people. Please, do not tell me the culture is unhappy, I hope to come there and experience the happiness they have first hand! I’ve spend a long time in the American minor leagues, and there were no renaissance masterpieces, amazing cuisines, historic cities, or fabulous beaches. There is a reason Italy is one of the most desirable places on earth to visit. My advice, take a look around and be thankful because you truly have so much to be thankful for!

From your blog: ‘I think what you need to understand right off is, I’m not doing this because I want to be famous. Yes, I know Italy is not a path back to the majors. Yes, I am scared that it could hurt me financially, wont help me build a big brand name for myself, and wont give me access to the book selling power of our omniscient American sports media coverage. This is a huge life decision, a completely new direction, in a totally different continent— believe me, I know what I’m up against’
Do you really believe this? Simontacchi made his way to the Majors through Italy. The New York Times jumped on the news that you’ve signed for an Italian team. The whole season lasts three-four months and you only play on weekends, the worse case scenario is that you’ll be enjoying a nice holiday… And possibly after two books there will be more to tell about Italian baseball players (actually I could suggest a couple of stories…). May the reason be the opposite: have you signed for the sake of visibility?

I stand by what I said. Simontacchi got into the American Minor League system through the Italian league. He’s very talented, but he did not go directly from the IBL into the MLB. I won’t either. Historically speaking, there are very few players that have ever went from the MLB to the IBL and then back to the MLB, and very few that have made it out of the IBL to the MilB. It is precisely because so few games are played that this is so. The Italian league is not as competitive as the leagues in the US that pay top dollar for top talent and play nearly 4 times as many games. I’m hoping that changes, and that more Italians players who long for American baseball get their wish granted because I support everyone who dreams to make it to the bigs.
However, I’ve accomplished that dream and now I have another: To enjoy baseball all over the world, and the cultures it’s player by.  In regards to your comment that I’m doing this for the exposure, I can assure you, I am not. I’m doing this because, as my article goes onto say though you did not quote it, I want to experience new adventures in baseball, and because I want to experience the joy that Italy is so famous for. If I happen to pull off a baseball miracle while there, all the better. If not, it is as you say, it will be a fantastic experience.

Now a serious question. If you never make it to the Majors (and you don’t write success books), how do you make your earning and rebuild a life after a career in the Minors?

You turn the page. You let baseball go and move onto the something else. Baseball is a job or a game. Sometimes it’s both. What it is not, however, is an identity. We are more than what we do. For many kids who reach the minors, they have sacrifice so much to get there that when they finally fizzle out and crash land back in real life, it’s crushing. When one dream ends, you find a new one and move towards it. Look to whats ahead and let go of what is behind. It’s the only thing you can do in life—baseball is no different.

By reading your blog, I see that your sporting and real life changed when you’ve realized that your fans found out from your writing that there was a human beyond that arm. Now, Nettuno’s fans mainly hope that there’s a arm beyond that writer. What do you want to tell them?

I’m not a one dimensional person. I’m not just an arm. I’m sure when you buy tickets that’s all you’ll be concerned about, and I respect that. I want you to know I take winning very seriously and I will give you everything I have when I take the field with your name across my jersey chest. But, to get me is to get all of me. Writer, player, Garfoose, and person. I’m not something that can be divided into pieces—none of us are.

Given your success as a writer, have you ever considered a literary life beyond the baseball topic?

Who says I’m not working on that life already? ;-)

Dirk Hayhurst è un lanciatore di baseball professionista, ed è meglio conosciuto come Mr. Garfoose, il “Giraffalce”, animale mitologico che nasce dall’incrocio tra una giraffa e un’alce (ancora un fallimento di translation, proviamo con Graffalce). Ha inventato lui il personaggio, per i bambini disabili con cui la moglie (Mrs. Garfoose) lavora. E quando il Graffalce è entrato nel mondo del baseball è stato amore a prima vista. E’ un animale particolare, perchè può diventare invisibile e divora i tifosi indisciplinati.

Mr. Garfoose, un lanciatore “così così” ma un grande scrittore, dice il New York Times, ha assaporato brevemente l’atmosfera della Major League, per poi cedere agli infortuni e alla competizione di un sistema impietoso. Cedere fino un certo punto, perchè Dirk ha deciso di raccontare il suo Mondo, quello del baseball delle leghe minori alla Bull Durham, in maniera cruda e diretta senza autocensure. Ha raccontato alla lettera i dialoghi da scaricatori di porto dei compagni di squadra, ne ha denigrato le abitudini e la cultura, e ha scritto un best-seller. Non c’è da stupirsi che la sua popolarità nell’ambiente delle mazze e dei guantoni, soprattutto con i compagni di squadra, sia crollata. Nella recensione del NYT del suo primo libro si legge che “le oscenità sono fantastiche, Hayhurst afferma (e convince) che i lanciatori di baseball sono i migliori imprecatori perchè hanno tempo per migliorarsi e sono mediamente più intelligenti dei difensori’. Non stupisce che dopo aver contemplato i vantaggi in termini di marketing, i suoi datori di lavoro abbiano fatto un po’ di conti decidendo che era meglio liberarsene.

Lui non si è perso d’animo, non fosse altro perchè ha già scritto il secondo libro (“Out of My League“, che esce tra un paio di settimane negli States) e ha già un contratto per il terzo. Il quarto, udite udite, sarà sul baseball italiano. Tra un mese esatto, l’11 marzo, comincerà ad allenarsi nel diamante di Nettuno, per poi giocare nell’Italian Baseball League. In molti si chiedono se sarà un viaggio culturale o un impegno sportivo, ma di certo i suoi compagni di squadra ed avversari dovranno stare attenti alla sua penna… e i tifosi nettunesi, tantissimi e noti per un calore che a volte trascende, dovranno stare attenti al Graffalce che mangia i tifosi cattivi.

Nel baseball il bullpen è quella zona, lontana dalla panchina, in cui si preparano i lanciatori che potrebbero essere chiamati ad entrare in campo come sostituti durante la partita. E’ un posto particolare, perchè in una partita che può durare dalle due o tre ore, il lanciatore da bullpen aspetta una “chiamata” dal manager. Chiamata che potrebbe non arrivare, il lanciatore deve tenersi pronto ed attendere, inframmezzando il riscaldamento con chiacchere con i colleghi di bullpen, i ricevitori e i pitching coach (gli allenatori dei lanciatori). Un posto dove aspetti il tuo momento, non sai se e quando arriverà, se arrivasse dovrai stare attento a non rovinare tutto altrimenti la prossima occasione potrebbe capitare chissà quando. Non sei l’unico ad aspettare la chiamata, siete in diversi, e il manager deciderà secondo la situazione e secondo il suo istinto. In una squadra di 25 giocatori dove la metà sono lanciatori, quotidianamente devi lottare per metterti in luce.

E poi, se sei nelle leghe minori, la serie B o C del baseball USA, viaggi in pullman attraverso l’America sognando che un giorno arrivi la Chiamata dall’Alto. Può arrivare in qualsiasi momento della stagione, così come il licenziamento in tronco, perchè le squadre americane hanno un sistema a franchigia. Le squadre della Major League hanno affiliate a tutti i livelli e un giocatore può scendere o salire dai gradini verso il Paradiso secondo il suo rendimento. Per fare un po’ di conti, nelle minors ti danno un appartamento e 1500 dollari al mese per sei mesi all’anno, nelle Major gli stipendi si contano in centinaia di migliaia di dollari.

Lui alle Major ci è arrivato. Il 23 agosto 2008, di fronte a 37000 spettatori, in quella parte di stagione in cui le grandi squadre aprono ai prospetti, i San Diego Padres l’hanno mandato sul monte. E’ andata malino, non malissimo, ma non è mai decollato. Da allora, tra il 2008 e il 2009, ha lanciato in 25 partite, 3 volte da partente, ne ha perse due, non ha mai vinto. Una carriera anonima, se non fosse per la fama letteraria, ma pur sempre una carriera da professionista.

Non ci vuole molto, però, a capire che la sua vera carriera è un’altra. Laureato in Scienze della Comunicazione, ha scritto due libri in due anni, senza mai smettere di giocare, e lavorando anche come “motivatore”. Ama le parole più delle parabole.

Lo abbiamo intervistato; “sfidare” a parole in inglese uno scrittore non è facile e infatti abbiamo perso. Erano undici domande come sempre, ne sono rimaste dieci perchè una non l’ha capita…

Com’è il tuo italiano, capisci cosa significa Graffalce Sputafuoco?

Non ho la più pallida idea di cosa questa frase possa significare, ma la prima parola potrebbe significare Giraffe. Google Traduzione mi dice che la seconda parola significa spitfire o windsucker (letteralmente “cavallo affetto da aerofagia”). Diciamo spitfire. Così, se metto le due parole insieme, penso che venga fuori una Spitfire Giraffe, che, se non stai già ridendo nel pensarci, potresti essere tu. Immagino sia il modo italiano di dire Garfoose? Mi piace.

Cominciamo con una domanda stupida, che avrai già sentito. Scegli tra il premio Nobel per la letteratura e un posto nella Hall of Fame della Major League Baseball.

Premio Nobel tutta la vita. Perchè? Perchè il baseball è un gioco, e sebbene si possano fare molte cose splendide in un gioco, con la scrittura puoi cambiare il mondo. E’ una forma d’arte potente, bella e preferirei alla grande avere un talento per quella piuttosto che per il baseball, se dovessi scegliere.

E’ vero che il tuo infortunio alla spalla del 2010 è stato causato da un eccessivo uso del mouse?

No, la mia affinità con topi, ratti e altri terrbili roditori non ha niente a che fare. Probabilmente è stata colpa del mio hobby a tempo perso da Guerriero Ninja che mi ha danneggiato.

Qualcuno dei tuoi compagni di squadra o allenatori si è arrabbiato o ti ha attaccato per le tue storie da bullpen?

Quello che intendi dire è se gli scocciasse il fatto che scrivessi? La risposta è sì, parecchio. Avevano molta paura che io potessi scrivere di loro. I giocatori di baseball fanno un sacco di cosacce sulle quali vorrebbero tenere il mondo all’oscuro. Avevano paura che io le raccontassi. Alcuni erano violentemente contrari che lo facessi. Ero una pecora nera in molte delle mie squadre per colpa della scrittura, anche dopo aver spiegato che non stavo scrivendo su di loro in maniera incriminatoria. Il baseball è stato ferito da scrittori prima di me, avevano ragione di essere sospettosi di me, ma il mio intento non è di danneggiare reputazioni, ma di ispirare le persone attraverso l’umanità sotto la divisa.

Sai che lo sportivo italiano medio, se sente parlare di 3 ball e 2 strike (tre palle e due colpi) pensa a giochi sadomaso piuttosto che al baseball?

Wow. Non lo sapevo. So che il baseball non è il primo sport in Italia, ma non sapevo che fosse qualcosa considerato alla pari con fruste d’acciaio nella camera da letto. Bene, si impara qualcosa di nuovo tutti i giorni, immagino.

Gli sport preferiti dagli italiani sono la lamentela e l’insoddisfazione. Tu sei un ‘motivatore’, che parole motivanti puoi dire a questo paese?

Lamentarsi ed essere insoddisfatti? Ma c’è così tanto in Italia per essere riconoscenti ed appagati. Il cibo, la storia, lo splendore, la gente fantastica. Per favore, non ditemi che la cultura è insoddisfatta, io spero di arrivare là e sperimentare la felicità che hanno a portata di mano! Ho passato un sacco di tempo nelle leghe minori americane e non c’erano opere d’arte del Rinascimento, cucine fantastiche, città storiche, o spiagge favolose. C’è una ragione se l’Italia è uno dei posti più desiderabili da visitare sulla Terra. Il mio consiglio: guardatevi intorno e siate riconoscenti, perchè avete davvero qualcosa per essere riconoscenti!

Dal tuo blog: ‘Penso che quello che dovete capire subito è che non sto facendo questo per essere famoso. Sì, lo so che l’Italia non è la strada per tornare alle Majors. Sì. sono preoccupato che mi possa danneggiare finanziariamente, non mi aiuterà a costruire un grande marchio di fabbrica per me stesso, e non mi darà accesso al potere di vendere libri della copertura mediatica onniscente dei nostri media sportivi. Questa è una gigantesca decisione di vita, una direzione completamente nuova, in un continente completamente diverso – credetemi. So cosa mi aspetta’.
Ma ci credi veramente? Simontacchi si è aperto la strada per le Majors attraverso l’Italia. Il New York Times è balzato sulla notizia che avevi firmato per una squadra italiana. La stagione dura in tutto 3-4 mesi e si gioca solo nei week-end, il peggio che ti può capitare è che passerai una bella vacanza… E forse dopo due libri ci sarà più da dire sui giocatori di baseball italiani (infatti potrei suggerire io un paio di storie…). Forse la ragione è l’opposta: hai firmato per la visibilità?

Confermo quello che ho detto. Simontacchi è arrivato al sistema delle Leghe Minori americane attraverso il campionato italiano. E’ un grande talento, ma non è andato direttamente dalla IBL alla MLB. Non lo farò neanch’io. Storicamente, ci sono pochissimi giocatori che siano passati dalla MLB alla IBL e poi siano ritornati nella MLB e pochissimi che ce l’abbiano fatta a passare dalla IBL alle Minor Leagues. E’ proprio perchè si giocano così poche partite. L’Italian Baseball League non è così competitiva come le leghe USA che pagano fior di dollari per i talenti migliori e giocano almeno 4 volte le partite italiane. Spero che questo cambierà, e che più giocatori italiani che sperano di andare nel baseball americano vedano il loro desiderio realizzarsi, perchè io sostengo chiunque sogni di arrivare con i grandi.
In ogni caso, io ho raggiunto quel sogno e ora ne ho un altro: godermi il baseball in tutte le parti del mondo, e le culture in cui è giocato. Riguardo al tuo commento che sto facendo questo per la visibilità, ti assicuro di no. Lo sto facendo perchè, come dice il mio articolo anche se tu non l’hai menzionato, io voglio sperimentare nuove avventure nel baseball, e perchè voglio sperimentare la gioia per cui l’Italia è famosa. Se mi capita di tirar fuori dal cilindro un miracolo di baseball mentre sono lì, tanto meglio. Altrimenti, è come si suol dire, sarà un’esperienza fantastica.

Adesso una domanda seria. Se non arrivi mai alle Majors (e non scrivi romanzi di successo), come fai a guadagnarti da vivere e costruirti una vita dopo una carriera nelle Minors?

Volti pagina, lasci andare il baseball e ti sposti in qualcos’altro. Il baseball è un lavoro o un gioco. Qualche volta entrambe le cose. Quello che non è, però, è un’identità. Siamo più di quello che facciamo. Per molti ragazzi che raggiungono le Minors, hanno sacrificato tanto per arrivare lì che quando alla fine fanno fiasco e precipitano nella vita reale vanno in frantumi. Quando un sogno finisce, te ne trovi un altro e vai verso quello. Guardi a quello che ti aspetta e lasci andare quello che c’è dietro. E’ l’unica cosa che puoi fare nella vita, il baseball non è diverso.

Leggendo il tuo blog vedo che la tua vita sportiva e reale sono cambiate quando hai capito che i tuoi tifosi hanno scoperto dal blog che c’era un essere umano dietro a quel braccio. Adesso, i tifosi del Nettuno sperano soprattutto che ci sia un braccio dietro allo scrittore. cosa vuoi dire loro?

Non sono una persona uni-dimensionale. Non sono solamente un braccio. Sono sicuro che quando compri i biglietti è tutto quello di cui ti preoccupi e rispetto questo. Voglio che sappiate che prendo seriamente il fatto di vincere e vi darò tutto quello che ho quando scendo in campo con il vostro nome sul petto della mia casacca. Ma, per prendere me devi prendere tutto di me. Scrittore, giocatore, Giraffalce e persona. Non sono qualcuno che può essere diviso in pezzi, nessuno di noi lo è.

Dato il tuo successo come scrittore, hai mai considerato una vita letteraria oltre all’argomento baseball?

E chi ti dice che non stia già lavorando su quella vita?

ARTICOLI CORRELATI

Per la serie “I grandi profili e le interviste del baseball”:

Alessandro Maestri

Alex Liddi

Beppe Carelli

Mario Chiarini

E se preferite il calcio

Niente miracoli nel calcio, il libro sulle Minor League italiane…

E infine il blog di Dirk


 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!

Perché non lasci qualcosa di scritto?