Cosa accadrà nel 2012: le profezie

7
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Nel 2012 accadranno tante cose e ci attendono tanti cambiamenti. Trovate tutto qui. Altro che Nostradamus! Per cominciare: i preti potranno sposarsi, ma soltanto ad una certa età.

E’ tempo che una donna diventi capo del governo italiano

In Italia si terranno le elezioni e – per la prima volta – il Presidente del Consiglio sarà una donna. Franco Battiato diventerà ministro della Cultura e Marcello Dell’Utri finirà in galera. La FIAT lancerà un’automobile ad idrogeno che manderà in fallimento le sette sorelle del petrolio e la mia vicina del piano di sopra smetterà di camminare come una trottola alle tre di notte.

Obama e Ahmadinejad si inconteranno a Copacabana ospiti di Lula e di fronte ad un paio di caipirinhas appianeranno ogni questione. Gli Stati Uniti toglieranno l’embargo a Cuba e le due Coree celebreranno la loro riunione con una festa di due settimane al termine della quale saranno distrutte tutte le testate nucleari.

L’Italia vincerà i campionati europei di football e, a dieci minuti dalla fine della finale (contro la Spagna), Prandelli nominerà Balotelli capitano e sarà lui, italiano nero, ad alzare la Coppa.

Mario Balotelli in Nazionale

Si potrà vedere l’Opera lirica in prima serata alla TV (non su tutti i canali tranquilli…) e tutti i dipinti di Cristo sulla croce cominceranno a sorridere invece che sanguinare. Le compagnie d’assicurazione bonificheranno 3 miliardi di Euro a tutti i teatri italiani ed il barista sotto casa mia verrà nominato Cavaliere del lavoro per meriti di “cappuccino più buono del mondo”.

A seguito di una misteriosa metamorfosi, Berlusconi diverrà donna e sarà chiamato a fare da valletta al Festival di S.Remo, presentato da Gianni Morandi (non si può cambiare tutto…). E tutti le/gli toccheranno il culo.

I francesi ci restituiranno “La Gioconda” e cambieranno la loro Costituzione, rimpiazzando il loro motto nazionale “Liberté, Égalité, Fraternité” con “Les Italiens sont meilleurs que les Français” (gli italiani sono migliori dei francesi, NdA).

Gli automobilisti smetteranno di suonare il clacson quando – dopo mezzo microsecondo dall’apparizione della luce verde del semaforo – la prima macchina della fila non si è ancora messa in moto e le donne non passeranno più di fronte alla televisione proprio quando la nostra squadra del cuore sta per segnare un goal.

Nozze gay

L’ENI (Ente Nazionale Idrocarburi) cambierà nome in ENER (Ente Nazionale Energie Rinnovabili) e libererà l’Italia dalla schiavitù di petrolio, carbone ed inquinamento dedicandosi ad investire in energia solare, eolica e geotermica. La Costituzione italiana tornerà ad essere insegnata nelle scuole italiane dalle elementari alle superiori e le coppie omosessuali potranno sposarsi esattamente come tutti gli altri.

Gli automobilisti si fermeranno alle strisce pedonali e quando al supermercato si aprirà una nuova cassa, non vedremo più gente scannarsi per prendere il primo posto, ma si creerà una nuova fila in base al medesimo ordine in cui si era in coda alla cassa precedentemente aperta.

Verrà attivato nell’etere un meccanismo tale per cui ogni televisione si spegnerà per tutta la giornata ad ogni scena di violenza e sarà approvata una legge che tutelerà economicamente l’esistenza dei cinema nel centro delle città e non solo nei centri commerciali.

Avremo un Papa nero?

Ogni primo martedì del mese, in base ad una nuova straordinaria scoperta scientifica, sarà possibile realizzare un sogno e in autunno sarà eletto un nuovo Papa che sarà nero. Ed io riuscirò a trovare parcheggio sotto casa ogni volta che vorrò nel giro di venti secondi.

Nel giorno delle festa nazionale, il presidente del consiglio israeliano affermerà: “La violenza corrode i fondamenti della democrazia israeliana. Bisogna condannarla, bisogna deplorarla, bisogna isolarla. Non è questa la strada dello Stato d’Israele” e riconoscerà l’esistenza dello Stato palestinese.

I programmi dei computers la finiranno di chiederci di eseguire aggiornamenti inutili ogni tre mesi ed il camion della immondizia non svuoterà più i cassonetti sotto la mia finestra alle quattro del mattino.

Ogni seconda settimana del mese, l’Italia sarà governata dai bambini che non sanno cos’è il Prodotto Interno Lordo, e le droghe leggere saranno legalizzate in tutti gli Stati del mondo (nonostante l’opposizione della Svizzera).

Il codice della strada sarà riformato e le automobili dovranno cedere la precedenza alle biciclette, mentre io mi sveglierò una mattina e miracolosamente canterò meglio di Luciano Pavarotti e sarò più onniscente di Federico Rampini (questa è davvero grossa, lo so…).

In base ad una rivoluzionaria riforma del calendario, saranno aboliti tutti i lunedì mattina ed entrando in una banca si verrà accolti dalle immagini di “Mary Poppins”.

Mafalda premio Nobel per la pace

Ogni 11 del mese, per un’ora, dalle 11.11 alle 12.11 tutte le città italiane cadranno miracolosamente in un estatico silenzio; tutti taceranno: automobili, fabbriche, martelli pneumatici, wine bars, aerei in cielo e metropolitane sottoterra, e il premio Nobel per la pace sarà assegnato a Mafalda.

Tutte le piante cominceranno a parlare e ci racconteranno storie meravigliose e noi ascolteremo i fiori e dialogheremo con gli alberi lasciandoci guidare dalla loro saggezza e vitalità. Il 2 giugno 2012 tutti i figli di immigrati nati in Italia saranno convocati al Quirinale ed il presidente Napolitano consegnerà loro il passaporto italiano.

L’11 di uno dei prossimi 11 mesi, Obama pronuncerà questo discorso: “Abbiamo scelto di sconfiggere sul serio la fame nel mondo entro questo decennio e di fare le altre cose, non perché sono facili, ma perché sono difficili, perché questo obiettivo servirà a misurare e organizzare al meglio le nostro energie e competenze, perché questa è una sfida che siamo disposti ad accettare”. E tutti applaudiranno e penseranno che si tratti di una sfida impossibile, ma invece andrà proprio così.

Lo storico arrivo di Dorando Pietri il 24 luglio 1908

Un italiano vincerà la maratona alle Olimpiadi di Londra e dedicherà la vittoria a Dorando Pietri che proprio a Londra alle Olimpiadi di 104 anni fa tagliò per primo il traguardo stremato dalla fatica, sorretto negli ultimi metri da qualcuno che lo vide barcollare, ma che non avrebbe dovuto farlo e a causa di quell’aiuto fu squalificato e perse la medaglia d’oro.

I parlamentari italiani saranno pagati 1.500 Euro al mese in titoli di Stato (greci…) e un giorno ogni mese saranno sorteggiate 11 persone che potranno andare a vedere cosa c’è alla fine dell’arcobaleno.

Umberto Bossi svilupperà un rarissimo disturbo incurabile per cui ogni sua parola sarà accompagnata da dieci minuti di devastanti flatulenze ed il piccolo geco che vive sul mio terrazzo un giorno entrerà in casa, salira sul mio divano e mi darà un bacio

Nel 2012 accadranno tutte queste cose e forse anche qualche altra ancora…nel frattempo, continuate a leggere L’Undici e ricordiamoci che – come diceva l’informatico Alan Kay: “Il miglior modo per predire il futuro è inventarlo”
[E poi c'è qui l'Oroscopo de L'11 per il 2012 con un sacco di ricette utili.]

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!

7 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Carlotta

    Bella previsione! Per fortuna la Costituzione a scuola già si insegna! Almeno partiamo avvantaggiati coi pronostici…

    Rispondi
  2. fenixpoint

    Solo dalla testa di uno scienziato poteva arrivare un pronostico così fantasioso ma ricco di punti che potrebbero accadere sul serio oppure che speriamo accadessero…

    Rispondi
  3. jeremy bentham

    A patto che i titoli greci dati ai parlamentari li facciano sognare per dieci anni, perché hanno un rendimento elevatissimo, ma allo scoccare del decimo anno la Grecia si argentinizzi e dichiari default, uccellando le brame di chi siede a Montecitorio e a Palazzo Madama.

    Rispondi
  4. Osvaldo

    Forse quella della cittadinanza ai figli di immigrati nati in Italia potrà realizzarsi sul serio:
    (ANSA) – ROMA, 11 GEN – ”Con la relazione del ministro Riccardi in commissione affari Costituzionali si puo’ aprire in Italia una pagina nuova. E’ quanto dichiara in una nota Andrea Sarubbi (Pd), primo firmatario del testo di riforma bipartisan sulla cittadinanza.”C’e’ lo spazio e il modo in Parlamento per approvare la riforma della cittadinanza e donare una patria entro il 2012 al milione di bambini, figli di immigrati, nati o cresciuti in Italia”.

    Rispondi
  5. maxmorri

    Quella della fila alla nuova cassa del supermercato è effettivamente impossibile, più di Berlusconi donna

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?