La primavera siriana

31
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

 

Manifestazioni in difesa dell'opposizione al regime di Assad

Manifestazioni in difesa dell’opposizione al regime di Assad

Aya Homsi, una ragazza di origine siriana, ci ha mandato il suo contributo per farci conoscere il momento drammatico che sta vivendo il popolo siriano.

In Siria c’è un gelido inverno

«La chiamano la primavera araba… nel mio Paese ormai è sceso il gelo dell’inverno… nulla più sa di primavera; stanno uccidendo i giovani, violentando le ragazze, picchiando le madri, sacrificando i padri…
Il popolo siriano ha subito per anni ed anni la corruzione, un’economia che favorisce le minoranze, la mancanza totale di  libertà d’espressione, la disoccupazione ed altro ancora e quando di tanto in tanto qualcuno si ribellava, VENIVA UCCISO.

Il “presidente” al momento è Bashar al Assad succeduto al padre Hafez al Assad, perché in Siria chi è al potere pensa di starci in eterno tramandandosi la carica di presidente…questo senza mai chiedere il parere del popolo. Nel mondo arabo non viene riconosciuta la singola persona ma la famiglia di cui fa parte, la tribù… io invece voglio parlarvi delle singole persone di questa rivoluzione: I BAMBINI E I GIOVANI. A marzo di quest’anno il popolo si è risvegliato e con una forza da leoni che non c’entra nulla con Assad (in arabo Assad
significa Leone, ndr).

La prima scintilla contro questo regime è costata la vita a bambini innocenti di Daraa’ che in una scuola del paese hanno cantato slogan delle rivoluzioni viste in Tunisia, Libia, Egitto, Yemen… sono stati arrestati e picchiati. Da quel giorno ogni settimana il popolo siriano ha iniziato a manifestare nelle piazze pacificamente…ed ogni settimana il regime ha ucciso centinaia di persone innocenti. Hamza el Khatib è un tredicenne arrestato durante una protesta a Saida, 10 chilometri a est di Daraa, lo scorso 29 aprile: il suo corpo è stato restituito alla sua famiglia qualche mese dopo. Sul suo corpo, lacerazioni, bruciature ai piedi, ai gomiti, al viso e alle ginocchia. Hamza è stato castrato.. Hamza è stato ucciso.

Da 9 mesi a questa parte in Siria si parla di più di 300 bambini uccisi dal regime con l’unica colpa di scendere in piazza e gridare la loro libertà… questi non sono crimini contro l’umanità? Dov’è la base della democrazia sotto questo regime?

Bashar al Assad ha creato un regime su misura arricchendo se stesso ed impoverendo il suo popolo, il paese è pieno di servizi segreti pronti ad usare tecniche di tortura su chiunque esca fuori dal binario della famiglia Assad. Ha usato sempre la carta dell’islamismo e fondamentalismo quando il Paese è sempre vissuto nella più totale serenità di tantissime minoranze religiose.
Venerdì della collera, della sfida, della rabbia, della vittoria, dei bambini, dell’esercito libero… ogni venerdì un nome, ogni venerdì troppi morti… morti che chiedono solo libertà, meno corruzione… persone che manifestano pacificamente con in mano foglie di ulivi…

Perché l’occidente non interviene in Siria

In tutto questo chi ci sostiene? L’Occidente non potrà ripetere a Damasco ciò che aveva fatto a Tripoli. La Libia è ricca di petrolio ma povera di significato geopolitico, al contrario, la Siria riveste un decisivo peso politico nella regione e possiede scarso petrolio.

La manifestazione della comunità siriana a Bologna

Negli anni ’80 il padre dell’attuale presidente perseguitò ed uccise migliaia di persone, fulcro di quelle rivoluzioni fu Hama… oggi la storia si ripete ma con una sostanziale differenza: la Siria può contare sul sostegno dei propri cittadini residenti all’estero, dimostrato sia virtualmente, tramite campagne di sensibilizzazione e informazione mediatica, che concretamente, con manifestazioni popolari nelle grandi città… e può contare sulle persone che hanno il dovere di sapere, di cercare la verità e di utilizzare i social networks per la libertà… perché una libertà ed una democrazia non è solo siriana, tunisina, egiziana o libica… è per tutti, per noi, per i nostri figli, i nostri genitori, i nostri nipoti».


Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

31 commentiCosa ne è stato scritto

  1. michele lombardi

    come amministratore di un comune italiano,provo tristezza nel pensare che al mondo ci sono paesi dove,purtroppo,i cittadini non possono nemmeno azzardarsi a manifestare il loro dissenso.spero che quanto prima possibile la comunita’ internazionale trovi la forza (e l’unita’)per fermare questo regime sanguinario,e per restituire al popolo siriano quello che gli spetta di diritto :la liberta’.un monito al presidente Al Assad:anche Geddafi pensava di essere eterno…..!!!!

    Rispondi
    • BILAL

      MAH… CHE SCHIFEZZA, SEMBRA UN COMUNICATO STAMPA FATTO DAGLI SHABBIHA
      DEL REGIME DI ASSAD, O SEMBRA OPERA DELLA AMBASCIATA SIRIANA IN ITALIA… COMICO, TRAGICOMICO…. COMUNQUE PRESTO QUESTE PERSONE SCOMPARIRANNO NEL NULLA, SI SCIOGLIERANNO AL SOLE COME LA NEVE, COPERTI DA TONNELLATE DI VERGOGNA….

      Rispondi
      • keren

        non fate affermazioni folli, queste sono notizie reali! da fonti attendibili, senza alcun interesse politico-religioso, a differenza di alcuni vostri membri! stiamo osservando ancora oggi cosa sta accadendo in libia in Egitto e Iraq; la Siria nonostante ciò è molto differente, Noi Cristiani come altri credi non appoggeremo mai degli estremisti, per essere cacciati dalla Siria, come sta avvenendo ora in Iraq, e in Egitto (documentato anche da un servizio di Aljazeera pochi giorni fa) la democrazia non ha colori, religione e nemmeno partiti religiosi.

        Rispondi
        • aya homsi

          Perchè mai appoggiare dei estremisti?pensi che il popolo non ne abbia gia abbastanza di estremisti come Assad??ricorda che quello di Bashar non è stato uno stato laico…è invece il popolo che con tutte le minoranze religiose ,è stato un popolo aperto al dialogo senza discriminazioni senza razzismo nè violenze di tipo religioso.E questo è quello che ci dev’essere anche dopo la caduta del regime.I SIRIANI CRISTIANI VENGONO PRIMA DEI SIRIANI MUSULMANI..perchè con un occhio di riguardo lotteremo sempre affinchè i diritti DI TUTTI VENGANO RISPETTATI. I DIRITTI DI ESSERI UMANI…LA RELIGIONE NON C’ENTRA!

          Rispondi
    • aya homsi

      VERGOGNA…e mi chiedo ancora: è possibile che ancora ci siano siriani come giuseppe o keren che anche all’estero prendano le parti di un regime criminale per paura di quest’ultimo??svegliatevi…svegliate la vostra dignità!!la storia si sta costruendo oggi…e mi dispiace che voi non la stiate vivendo!!!non si possono giustificare le morti dei bambini…di qualsiasi nazione,religione,colore ecc…!!non fate finta di non vedere per coprire un vostro interesse…!

      Rispondi
    • Max Keefe

      Ho letto il tuo blog e non c’è nient’altro che la solita propaganda da regime, neanche troppo sofisticata. Signor o signora Keren, anche noi in Italia abbiamo avuto per dieci anni il terrorismo nero e rosso eppure non abbiamo avuto massacri, l’esercito per strada e migliaia di morti. E neppure migliaia di rifugiati oltre confine.
      Quindi, per favore, non aprire bocca con le chiacchiere di terroristi nemici del popolo siriano.
      Anche se ci fossero stati dei terroristi in Siria, non c’era alcuna ragione di mandare i tank nelle città e far scappare migliaia di persone, a meno che Assad non avesse paura per se stesso. E non raccontare frottole su Al Qeda. Assad non ha paura di Al Qeda ma del suo stesso popolo.
      Quindi, non raccontare frottole e, soprattutto, non fare la vittima che noi non ti facciamo parlare. Noi non siamo in Siria, grazie al cielo, e tu puoi anche continuare a raccontare fregnaccie. Nessuno ti sparerà per questo.

      Rispondi
      • giuseppe

        Signor Max non avrei piu’ voluto intervenire in questa pagina inutile ma a questo punto mi sento in dovere di spendere 2 parole a riguardo del suo commento, a mio avviso il commento di una persona poco informata e sopratutto stupida e maleducata quando dice: per favore, non aprire bocca con le chiacchiere di terroristi nemici del popolo siriano.Ci tengo a precisare che non e’ mia intenzione offenderla con la parola stupido non e’ nel mio stile e nel mio modo di interagire con le persone ma la sua affermazione e’ fuoriluogo e antidemocratica per qualsiasi persona che abbia un minimo di conoscenza di quello che sta’ succedendo in siria , come crede che si possa riprendere possesso della sicurezza e della legalita’ in alcune zone piene di armi di contrabbando quindi illegali con gente che ovviamente le usa non di certo per fare del bene al popolo siriano e che crea blocchi stradali con massi pietre e quant’altro oltre a rapire persone innocenti filmarle ucciderle per poi adossare la colpa alle forze di sicurezza per un loro obbietivo politico , lei se fosse a capo di un esercito come manderebbe i suoi soldati a contrastare tutto cio’ ? forse con delle biciclette? o monopattini? certamente una persona con un filo di logica manderebbe dei tank!! con questo non voglio giustificare gli sbagli dell’esercito i bombardamenti su civili inermi e i casi di dura repressione , migliaia di persone scappano sia per la presenza dell’esercito che per la presenza di bande armate e terroristi .
        La presenza di al qaida in siria e’ di organizzazioni terroristiche e di fanatici religiosi che invocano alla jhiad islamica tagliando gole a chi non la pensa come loro e’ ormai piu’ che provata , mi dispiace solo che lei non ne sia ancora al corrente le mando giusto un video macabro per renderle l’idea http://www.youtube.com/watch?v=hL-1JSH7tyo&feature=share
        come questo video ce ne sono tanti altri anche peggio e ancora piu’ macabri , ma io non le devo dimostrare niente quindi se e’ interessato a dare giudizi sulla siria almeno prima si informi bene e faccia ricerche piu’ approfondite, sul fatto che nessuno fara’ del male al Signor Karen me lo auguro anche se pur essendo in italia molte persone sono gia’ stati minacciate e ci sono stati casi di viloenza e intimidazioni da entrambe le parti tra oppositori e sostenitori del governo siriano in italia , quindi anche in questo caso si informi bene e sopratutto in entrambi i sensi se no rischia di fare la fine dell’asino con i paraocchi ..Tornando al discorso di al qaida per non finire il mio discorso e lasciarle l’impressione che sto raccontando fregnacce come vorebbe farmi credere lei ,le suggerisco solo un minimo particolare , la invito ad andare a cercare le ultime dichiarazioni di al zarqawy l’attuale capo di facciata di al qaaida
        ( ovviamente il vero capo e’ la cia )dove minaccia apertamente bashar al assad e il suo esercito . inoltre anche io ho dato un occhiata al blog del signor karen e non ci trovo niente che possa somigliare alla propaganda se non informazioni che i media che legge non riportano per ovvi motivi di imposizione politica da chi gli finanzia oltre all’incompeteza giornalistica del copia incolla oramai diffusisima .Per concludere vorrei fare un elogio a Karen per il buon lavoro di controinformazione che fa.

        https://www.facebook.com/groups/2011sin/

        questo gruppo l’ho trovato nei commenti del suo blog e devo dire che e’ un ottima fonte per poter avere alcune notizie sulla siria che i media italiani ovviamente non danno ai lettori che vogliono manipolare a loro immagine e somiglianza

        cordiali saluti Giuseppe Cacciaepesca

        Rispondi
        • aya homsi

          Un giro di parole impeccabile come sempre..!!Assad dopo l’attentato “terroristico” ha dichiarato i colpevoli dopo 2 minuti (il tutto con le telecamere gia pronte nel posto dell’attentato,prima ancora che ci fosse!)come mai in 11 mesi han fatto 10.000 morti questi attentatori e lui
          1. non è riuscito a fermargli.
          2.solo lui e ahmadinejad se ne sono accorti! ……:-0
          Visto che i tuoi inviti a farmi una vacanza in Siria sono molto calorosi…sono io oggi ad invitarti ad andare in Siria e provare solo a dire che sei contro il regime (cosa legittima per giunta) e vogliam vedere se tornerai mai tutto intero!è facile oggi parlar a favore del regime…ed è sicuramente scomodo parlare di cio’ che fa questo dittatore.Ricordati solamente che Assad non è un presidente “eletto” ma un presidente che ha EREDITATO la sua presidenza..da un padre che anch’esso non è mai stato eletto da nessuno!!Mi dispiace che tu non abbia mai avuto al possibilità di scegliere nella tua vita…!e anche quando hai avuto l’opportunità di ribellarti e scegliere se stare dalla parte del giusto o del sbagliato…tu sia ricascato nello sbagliato.

          Rispondi
      • keren

        ancora la storia di propaganda da regime? io non ho bandiera e referenze politico religiose. Il mio blog creato per mettere alla luce la realtà dei fatti non contiene alcun riferimento politico e/o religioso, in quanto non ho alcun fine politico/economico. in 5 giorni ha ben 500 persone che lo seguono… e continuano ad aumentare…
        Pubblicherò ancora articoli con fonti accertate, e articoli sugli accadimenti in siria, voi esprimete ciò che volete , io SONO DEMOCRATICO!!!! e rispetto le opinioni altrui a differenza di alcune persone… saluti la pace sia con te keefe

        Rispondi
  2. Ben

    posso capire chi vive in siria costretto a propagandare simili storielle alle quali neanche i bambini credono, ma chi vive in Italia chi glielo fa fare di raccontare la trama di questo bellissimo film di fantascienza prodotto dallo studios Basshar alAsad, con regista walid almuallem in collaborazione con Taleb Ibrahim e Sharif shahade e costato la vita di 6000 siriani?

    Rispondi
  3. BILAL

    GIUSEPPE, SEMPRE CHE TU SIA GIUSEPPE IL SIRIANO COME DICHIARI, DIETRO LE TUE PAROLE GENTILI E DIALOGANTI SI NASCONDE UNA INGIUSTIZIA SCRITTA NEL SANGUE CHE DURA DA OLTRE 42 ANNI.
    ORMAI IL REGIME IN SIRIA SI STA SGRETOLANDO, NON SERVE NEANCHE PIU’ CHE TU LO DIFENDA CON LE STESSE PAROLE, FRASI, CONCETTI DEI BUFFONI DEL REGIME SIRIANO CHE APPAIONO TUTTI I GIORNI ALLA TELEVISIONE SIRIANA.
    70.000 CITTADINI SIRIANI IMPRIGIONATI, 50.000 SCOMPARSI NEL NULLA, PROBABILMENTE IN FOSSE COMUNI, OLTRE 6.500 MORTI AMMAZZATI DOCUMENTATI TRA CUI CENTINAIA DI BAMIBI E DONNE, DOCUMENTANO QUANTO LE TUE IPOTESI SIANO FAZIOSE E DUBBIE. FORSE 10 MESI FA LE TUE PAROLE POTEVANO FARE BRECCIA IN QUALCHE LETTORE “IGNORANTE”, MA ORA LA PUZZA DEL REGIME CHE STA MACERANDO AMMUFFITO SI SENTE LONTANO MIGLIAIA DI KILOMETRI. CHE DIO PROTEGGA LA SIRIA DAL REGIME DITTATORIALE DEGLI ASSAD, DAI FALSI, DAGLI IPOCRITI, DAGLI ASSASSINI E DA CHI E’ LORO COMPLICE.

    Rispondi
    • keren

      L’Osservatorio siriano dei diritti dell’uomo (OSDH) è improvvisamente emerso sulla scena mediatica. Questa associazione non ha alcun passato che possa vantare, e solo un membro è noto. Si tratta di un quadro della Fratellanza musulmana siriana, con tre passaporti, siriano, britannico e svedese. Questo signore annuncia ogni giorno il numero di “vittime della repressione”, senza suffragare la sua affermazione. Le sue affermazioni non sono verificabili e quindi sono senza valore. Tuttavia, sono riprese da tutti coloro a cui fa comodo. L’Alto Commissario per i Diritti Umani ha nominato tre commissari per indagare sugli eventi in Siria. La loro missione va oltre la competenza delle Nazioni Unite, che prevede ispezioni regolari che la Siria riceve secondo i trattati. Come nel caso Hariri, le Nazioni Unite suppongono che le autorità locali (libanese o siriana) siano incapaci o disonesti, e che debba sostituirli con inquirenti stranieri. In queste condizioni, non possono ragionevolmente richiedere la cooperazione delle autorità locali. Hanno quindi lavorato da Svizzera e Turchia. La nomina di tre commissari non è garanzia di imparzialità. Tutti e tre sono cittadini di Stati che sostengono l’azione militare contro la Siria. Il loro metodo non è più accettabile: sotto la pressione del Commissario turco, che è un attivista impegnato nella lotta contro la violenza sulle donne, il Comitato ritiene che i testimoni d’accusa non avevano bisogno di essere verificati e corroborati: starebbe all’accusato dimostrare la propria innocenza, quando è dinanzi al tribunale. Questa procedura da Inquisizione consente di accusare chiunque, ma non dimostra nulla. Gli investigatori hanno sentito più di 200 persone che affermano di avere informazioni e, a volte affermano di aver assistito o di essere state vittime di abusi. Secondo la procedura, i nomi dei testimoni restano segreti in questa fase delle indagini. Ma a differenza della procedura, anche i nomi delle vittime restano segreti. L’Alto Commissario ha detto che ci sono più di 5000 vittime della repressione, ma avanza solo due nomi. Sfortuna, questi due casi, che sono stati ampiamente pubblicizzati da al-Jazeera, sono oggetto di numerose indagini. Il primo riguarda un bambino ucciso per strada da uomini armati sconosciuti in auto, e il secondo è un adolescente che è stato reclutato da una banda armata, per partecipare a un attacco contro una residenza militare, e che morì col kalashnikov in mano. Ciò non ha nulla a che vedere con la repressione di una protesta pacifica. Ci aspettiamo quindi che l’Alto Commissario pubblichi i nomi delle vittime, in modo da poter verificare la validità delle sue accuse. Molte istanze delle Nazioni Unite hanno perso la loro credibilità. In primo luogo, non dobbiamo accettare di assegnare le responsabilità a esperti che non hanno lo status di funzionari internazionali, ma di funzionari nazionali distaccati dai loro stati. Non dovrebbero agire per conto delle Nazioni Unite, se sono tenuti ad obbedire alle proprie gerarchie nazionali

      Rispondi
  4. omar abdel aziz

    Giuseppe legittimamente scrivi un tuo punto di vista ma ti invito a leggere meglio la storia e a distinguere: una cosa sono le tue opinioni complottiste, un altra è la Storia. E la storia parla da sola, non solo con il massacro di Hama ma anche con le centinaia di migliaia di persone uccise regolarmente dal Regime di Assad dall’inizio della rivolta. Ti pongo una semplice domanda, il popolo siriano ha il diritto alla democrazia? all’autodeterminazione? ad elezioni libere nelle quali scegliere la propria classe politica? ad evere un opposizione? attualmente è possibile tutto questo in Siria? risponditi da solo, tutto il resto sono chiacchere

    Rispondi
  5. giuseppe

    non ho trovato nessuna risposta alla mia domanda tutti queste morti di persone civili e soldati per mano di bande criminali di terroristi armati , mercenari , ribelli , esercito libero , insomma chiamatelo come vi puo’ sembrare piu’ giusto da chi sono causate? non sono forse persone anche queste e sopratutto quante sono?La signora o signorina Aya Homsi la quale non ha nessun rispetto del suo popolo a mio vedere dice :io ogni ANNO vado in Siria e vivo il Paese all’ennesima potenza , chi vive all’ennesima potenza un paese come dice , capirebbe facilmente che la crisi siriana non e’ come la si dipinge, e come la stessa Aya Homsi dipinge, ci vuole molto poco per capire che una richiesta di liberta’ leggitima in questo modo ,associata agli interessi geopolitici nell’area e per interessi militari usando come armi anche il terrorismo ha causato una lotta di potere che non giovera’e comportera’ solo gravi danni al paese. Io non sostengo ne condanno l’attuale governo in siria, per quello che riguarda l’attantato del 23 dicembre a damasco e’ stata data la colpa ad al qaaida dopo poco tempo perche’ pochi giorni prima era stato comunicato da un ministro libanese un infiltrazione tramite il suo paese di presunti terroristi di al qaidaa ,inoltre l’esplosivo usato e’ lo stesso che e’ stato usato nella metropolitana di mosca e in altri atti terroristici riconducibili ad al qaidaa , di questi fantomatici terroristi ne sono stati presi o uccisi alcuni , cio’ dimostra il livello di informazione che si cerca di dare a senso unico all’oppinione pubblica italiana sulla crisi siriana e dell’attacco mediatico nei confronti di un paese dove fa maggiormente notizia manifestazioni pacifiche represse nel sangue a volte da cecchini del cosi’ detto esercito libero o mercenari ecc.. raccontate da Aya Homsi che non vede nel suo paese oltre giustamente alla voglia di cambiare questo o quel governo e a cercare di fermare una repressione a senso unico verso persone inermi , quando questo paese la siria e’ preda di un tentativo di portare un’altra guerra nell’area, se la guerra l’avesse voluta il governo siriano attuale a quest’ora sarebbe gia’ iniziata . Credo che il dialogo sia l’unica strada per la pace nella regione mediorientale e non solo .
    Ad Aya Homsi consiglio di andare in siria al piu’ presto per dialogare con le persone comuni e capire e valutare la reale situazione oltre a fare una visita magari a qualche militare ferito in ospedale e a molti civili .
    Mi rendo conto di avere prolungato troppo la discussionee avere dato troppo peso ad un articolo inutile e commenti insignificanti vuoti apparsi su un sito praticamente sconosciuto.

    Auguro dialogo e pace a tutti i siriani
    inshallh

    addio

    Rispondi
    • jamil

      Io sono italo-siriano e anche se non vorrei dare peso alle persone ingnoranti come giuseppe che offendono i martiri, le persone che hanno perso tutto, casa, famiglia, libertà,… vorrei risponderti, nella speranza che tu possa capire. Se mi dici che l’esplosivo usato a damasco è uguale a quello usato da alqaeda, ti rispondo dicendoti che è anche lo stesso usato dalle imprese edili di tutto il mondo per abbattere vecchi immobili, quindi ti prego di non ricopiare le parole dei media corrotti. L’esercito libero siriano per tua conoscenza non va in giro ad ammazzare le persone, questi sono eroi che si sono rifiutati di sparare ai civili e di seguire il regime assassino di assad, e solo per questo hanno la pena di morte e rischiano la vita ogni giorno, non vanno a sparare sui soldati di assad e distruggere la città, questi stanno solo difendendo i civili indifesi, perchè in 10 mesi di manifestazioni non ho mai visto un manifestante con una pistola o coltello in mano!
      giuseppe dammi una sola prova reale che dietro ciò c’è alqaeda, le bande armate, l’esercito libero siriano o i marziani, io in solo un mese ho oltre 1500 video prova che ciò che succede è ad opera del regime assassino di assad.
      Ti prego di aprire cervello e cuore e di capire veramente ciò che succede in siria.
      GRAZIE, SIRIA LIBERA!

      Rispondi
      • jamil

        VERGOGNA!VERGOGNA!VERGOGNA! A TUTTE LE PERSONE COME KEREN E GUSEPPE, VOI STATE OFFENDENDO IL MIO POPOLO E I MARTIRI UCCISI DAL VOSTRO SPORCO BASTARDO PRESIDENTE BASHAR EL KALB, VOI SIETE COMPLICI DEL GENOCIDIO SIRIANO.
        VERGOGNA

        Rispondi
  6. Umbe

    Poi beh, sui terroristi che hanno fatto le stragi negli anno ’80 che dire: 40.000 morti ad Hama li ha fatti qualche Bin laden di turno che con due bombette ha raso al suolo una città. Non è stato un esercito mega armato fino ai denti che ha bombardato con ogni mezzo, aereo e terrestre, qualsiasi casa. Sono state due bombe messe in un ristorante ed in un cinema a radere al suolo una città come Firenze.

    DATTI ALL’IPPICA GIUSEPPE.

    Rispondi
  7. Umbe

    @ Giuseppe: le bande criminali si chiamano Shabbiha e lavorano per il governo siriano da quando Hafez “bruci all’Inferno” al Assad prese il potere.
    Poi parli di accanimento mediatico: Gheddafi è stato martoriato 10 volte tanto rispetto Assad, eppure tutti questi “attacchi” non sono mai stati denunciati.
    Poi sai… un Presidente che ammette che non comanda l’esercito deve cambiare mestiere.

    Rispondi
    • keren

      Le bande criminali sappiamo chi sono… sappiamo chi sono i membri dei fratelli mussulmani ! sappiamo chi sono i membri della fratellanza in italia!!! cordiali saluti la pace sia con voi

      Rispondi
  8. ibrahim DI DAMASCO

    BANDE DI CRIMINALI .. SI DI ASAD..
    CHI DIFENDE BASHAR EL ASAD IN QUESTO MODO … GLI DICO ..PERCHE’ NON ANDATE A HOMS ? DOPO NE RIPARLIAMO SE SONO BANDE DI CRIMINALI..NON DI ASAD ;) ANDATE ANDATE A HOMS ..HAMA DARAA DER ZORR.. DAMASCO ALEPPO..
    CHE BELLO :) IL CARO MAFIOSO BASHAR EL ASAD E IL SUO REGIME STAN CROLLANDO! CHE SOGNO..
    DI NOI SYRIANI !!!! POVERI SYRIANI CHE ANCORA APPOGGIANO IL REGIME.. NON CAPISCONO CHE E’ LA FINE DI QUEST’ULTIMO

    Rispondi
  9. BILAL

    SONO UN SIRIANO NATO IN ITALIA CHE, GRAZIE A QUELLI COME GIUSEPPE, NON E’ MAI POTUTO ANDARE IN SIRIA A VEDERE IL PROPRIO PAESE. CHI, COME GIUSEPPE, SCRIVE QUESTE ASSURDITA’ E FALSITA’ A SPESE DEL SANGUE DEI BAMBINI SIRIANI CHE VENGONO UCCISI OGNI GIORNO IN SIRIA DAGLI SGHERRI DEL REGIME DI ASSAD, DI DEVE SOLO VERGOGNARE ! VERGOGNA !
    RISPETTATE LE DONNNE ED I CIVILI INERMI AMMAZZATI OGNI GIORNO DA MESI A MIGLIAIA DAL REGIME DI BASHAR ASSAD, CHE CONTINUNA E PROSEGUE I CRIMINI
    DEL PADRE HAFEZ AL ASSAD.
    I SIRIANI CHIEDONO SOLO LIBERTA’ E DEMOCRAZIA, E COME SUCCESSO IN EGITTO, TUNISIA, LIBIA, YEMEN TRA GLI ALTRI, PRESTO LA OTTERRANNO, E LI VOGLIO SENTIRE DI NUOVO QUESTI FIANCHEGGIATORI DEL REGIME IPOCRITI PARLARE DI NUOVO, STIAMO A VEDERE.
    ABBIATE RISPETTO DEI MORTI, VERGOGNA !!

    Rispondi
  10. giuseppe

    Vorrei spendere due parole a riguardo di questo articolo sono un siriano che vive in italia e che sta seguendo gli eventi in siria dall’inizio della crisi , inanzitutto i bambini a deraa non sono stati uccisi ,l’articolo dice “La prima scintilla contro questo regime è costata la vita a bambini innocenti di Daraa’” , il bambino Hamza al khatib non e’ stato ucciso dalle forze di sicurezza siriane ma ben si da bande di criminali,lo stesso presidente Al Assad e’ stato a visitare i suoi genitori dopo la tragedia di questo bimbo, io non vorrei essere frainteso sul fatto che in Siria non ci siano grossi problemi di corruzione e altro , su questo sono d’accordo con l’autore dell’articolo,per quello che riguarda la violenza le donne stuprate ecc.. questo avviene da piu’ parti e non solo da parte di alcuni militari , nei campi turchi e nel nord della siria ad esempio sono state stuprate oltre 200 donne alcune delle quali sono rimaste pure gravide ma ovviamente nessuno o quasi in italia lo dice inoltre leggendo varie testate giornalistiche internazionali si puo’ notare un accanimento mediatico pilotato da correnti politiche internazionali nei confronti della siria e del suo governo , molti fatti e video vengono manipolati e strumentalizzati a doc per la causa degli oppositori al governo , non leggo nell’articolo nessun riferimento a soldati e civili morti per mano di bande di terroristi armate( sempre sostenute dagli oppositori all’estero ) che stanno mettendo a fuoco e fiamme il paese , questo mi fa’ pensare che chi scrive l’articolo non ha pienamente a cuore la sorte del popolo siriano ma e’ vittima dei sui secondi fini politici .. inoltre non si parla mai del sostegno ancora forte che il presidente siriano ha all’interno del paese , delle liste di civili morti in mano all’onu palesemente falsificate dal centro dei diritti umani con sede a Londra che si basa su nomi presi da elenchi telefonici e del vero scopo di questo ufficio che si nasconde dietro la giusta questione dei diritti dell’ uomo ma che pero’ non ha come obbiettivo la salvaguardia di questi stessi diritti ma ben si altri interessi politici .
    Inoltre con l’approsimatezza che distingue l’autore dell’articolo si ricorda i tragici episodi all’inizi degli anni 80 senza ricordare cosa ha portato a quel massacro , mi riferisco all’integralismo e agli attentati terroristici di quegl’ anni , in questo momento sta’ succedendo qualcosa di simile tramite i nipoti di quei fratelli mussulmani siriani che avevano terrorizato il paese nei primi anni 80.
    A mio avviso la soluzione piu’ indolore a questa crisi e’ il dialogo tra le parti ma gran parte degli oppositori rifiutano a priori questa opportunita’ preferiscono le continue ingerenze estere che di certo non vogliono il bene della siria anzi vorebbero distruggere l’unita’ nazionale o altrimenti preferiscono i vari eserciti di mercenari libici inviati in loro aiuto dalle forze del sionismo internazionale e dai loro scagnozzi.
    Che l’occidente non intervenga in siria e’ una grossa bugia , l’occidente sta gia intervenendo in siria con sanzione che uccidono i civili e le famiglie siriane , armando i ribelli , con una continua guerra mediatica falsa e ipocrita , consiglierei ad Aya Homsi di andare a visitare la siria di persona al posto di scrivere idiozie , ovviamente avra’ paura di un regime che neanche la considera come oppositrice quindi che non le fara’ nulla ma a questa gente piace dire che la tortureranno la uccideranno la stupreranno ecc… BASTA FALSITA’ AYA HOMSI AL POSTO CHE PERDERE TEMPO A SCRIVERE IDIOZIE COMINCI A SCRIVERE QUALCOSA DI SENSATO E DI VERAMENTE PACIFICO AD ESEMPIO DI CONSEGNARE LE ARMI IN MANO ALL’OPPOSIZIONE CHE STANNO UCCIDENDO UN SACCO DI GIOVANI SOLDATI E CIVILI donne e bambini compresi, ma forse quelle non sono persone?

    Rispondi
    • aya homsi

      Mi chiedo se vale la pena risponderti….e ti rispondo con due cose solo: la prima è che io ogni ANNO vado in Siria e vivo il Paese all’ennesima potenza
      Il secondo punto è:
      il 23 Dicembre c è stato un attentato a Damasco…mentre accadeva il fatto c era gia la televisione locale siriana pro regime e nell’arco di due minuti hanno dato la responsabilità ad AL QAEIDA…la domanda è: Se Assad in due minuti trova gia i responsabili di un attentato come mai non riesce a trovare da 10 mesi questi fantomatici terroristi che uccidono i cittadini nel Paese?e se cosi fosse perche non fa entrare tutti i giornalisti a filmare e mostrare la realtà?avrei un mare di domande da porgerti per vedere come mi rispondi..ma ti risparmio il lavoro perchè credo che ogni risposta non sia credibile per nessuno.

      Rispondi
    • Rachid

      dimmi una cosa perchè ci sono molte persone che scappano dalla siria???? scappano dalla disugualianza, scappano dagli imbrogli, scappano per ottenere un lavoro dove hai dei diritti, dove ti rispettano.. la nostra sorella , baraka allahu fiha, ci fa vedere la vera siria , ci dice come è organizzata, che di sicuro nn c’è diritto e nn c’è ugualianza fra uomini.. ma dimmi che vita viviamo in siria, pieni ladri, infedeli ma basta immaginare che in una strada che unisce molti paesi, è senza semafori e doncue succedono molti incidenti , è impossibile attraversare la strada… ma è possibile!!!! la persona ha paura di tutto, di essere imbrogliato anche dai parenti , che razza di regime è se solo questo esempio banalissimo non riesce ad aggiustarlo e nn riesce ad organizzarlo bene !!
      se il padre ha bombardato aleppo e ha seminato dentro a ogni persona la paura di volere dei diritti , e questa paura è cresciut dopo 40 anni , chissà che paura c’è ancora adesso , e chissà il figlio come è ??? il figlio si deve vergognare di se stesso !! ma quale conversazione si può avere con presidente di merda!!! ormai la siria ha gia versato sangue una volta , ma vuoi che la siria verso sangue e dopo parlare …. ti sbagli ! la siria avrà un grande gihad e insha’allah otterrà la dignità, otterrà dei diritti di gudicare le leggi .
      ma se la siria sarebbe come dici te, dove sono le ricchezze, la siria ha un sacco di petrolio, e questo farebbe diventare la siria ricchissima e farebbe vivere la siria in mezzo alla felicità e alla ricchezza, ma ovviamente assad si tiene ogni richezza e nn da nnt al suo popolo, ma li da solo ai parenti. se noi abbiamo i diritti , il popolo siriano ha il diritto di avere una parte della ricchezza.
      LA FAMIGLIA ASSAD SE NE DEVE ANDARE . LA SIRIA È STUFFA DI VIVERE SENZA DIGNITÀ E SENZA DIRITTI, BASTAAA!!! NOI CONTINUEREMO FINO ALLA FINE, PREGHEREMO A ALLAH CHE CI AIUTI E CHE RESTI VICINO A OGNI RAGAZZO, DONNA, ANZIANO, BAMBINO E BAMBINA…. YAA RABBI IRHAMON!!!

      ..

      Rispondi
  11. Saxifrago

    Grazie Gigi per questo pezzo. In Italia l’unioa cosa che si sa della Siria è il conto dei morti alla fine della settimana.

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?