Campionati del mondo di Beach Soccer

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Campionati Mondiali Beach Soccer 2011 - RavennaCome alcuni di voi sapranno, si stanno svolgendo a Marina di Ravenna i campionati mondiali di Beach Soccer, affiliato nientemeno che alla FIFA e altrimenti detto calcio da spiaggia. Beh, considerando che…

…il calcio è pur sempre lo sport più bello, più facile ed immediato che esiste sulla terra, penserete a uno spettacolo straordinario. Dipende…

 

Diciamo che visto in tv può essere noioso quanto lo erano i programmi dell’accesso negli anni’70, ricordate? La caratteristica principale del beach soccer è che come potrete immaginare i rimbalzi della palla sono assai fasulli e quindi il gioco si svolge prettamente al volo, perciò potrete vedere palleggi prolungati tipo foca o spettacolari rovesciate, con difensore che ci mette la faccia e si prende una piedata! Dal vivo indubbiamente questo aspetto viene esaltato e si può passare qualche ora di assicurato divertimento.Spettacolare pedata!

 

Lo stadio di Marina di Ravenna, costruito direttamente sulla spiaggia, è davvero molto bello, l’ingresso è gratuito per cui la cornice di pubblico è notevole e per gli azzurri il tutto esaurito è pressoché scontato. Entrati e seduti, rimaniamo piacevolmente sorpresi dal tifo ‘disorganizzato’ e dai cori improvvisati intonati da gruppi di ragazzini, oltre a striscioni simpatici che potrebbero ben figurare nella prossima edizione de “Giulietta è una zoccola”, il bestseller dell’umorismo sportivo da striscione.

 

Purtroppo facciamo ben presto un’amara scoperta…per tutta la partita saremo in compagnia degli inviti all’entusiasmo di una VOCALIST!! La quale circa ogni trenta secondi ci massacra con dei “SU LE MANI PER L’ITALIA” o “DAI, FACCIAMO LA OLA” ecc. ecc… Questa non ci voleva… meno male che negli intervalli veniamo allietati dai balletti di una squadra di bellissime cheerleaders (ventenni? Speriamo…).Spettacolari cheerleaders!

 

La partita si svolge in tre tempi effettivi (gioco fermo, cronometro fermo) di 12 minuti ciascuno, ogni fallo è sanzionato con un tiro libero (niente barriera), e se in area ovviamente col calcio di rigore. Si gioca cinque contro cinque con sostituzioni volanti. A fine match, in caso di parità viene giocato un tempo supplementare di tre minuti e poi si tirano i calci di rigore, in quanto non esiste possibilità di pareggio.

 

Dopo un girone di qualificazione vinto in maniera molto sofferta e deciso da una rete alla Svizzera a venti secondi dalla fine, approdiamo ai quarti dove incontriamo la rivelazione del campionato, che si pregia di aver eliminato i ben più navigati argentini. E qui succede l’imprevedibile…

 

Ebbene sì, anche nel Beach soccer abbiamo la nostra COREA DEL NORD …e dopo 45 anni il noto dentista PAAK DOO IK si è materializzato nel centravanti FRANK VELASQUEZ, che ha fatto sfracelli nella nostra difesa permettendo così ai salvadoregni di eliminarci e guadagnarsi la semifinale.Frank Velasquez, bestia nera dell'Italia ai Mondiali

 

Sì, proprio EL SALVADOR, perché come in ogni campionato mondiale che si rispetti ben più forti nazionali europee sono state escluse a favore di formazioni centroamericane, asiatiche (per esempio Oman), africane o addirittura oceaniche (Tahiti!!), così da rendere la manifestazione certamente rappresentativa di tutti i cinque continenti. L’eliminazione dell’Italia è stata certo dolorosa, soprattutto per gli organizzatori, ma il pubblico sta comunque rispondendo alla grande e forse la “favola” dell’El Salvador renderà la mancanza della nostra nazionale meno amara. La finale si giocherà l’undici… e quale migliore conclusione per il giornale!

 

Ci saranno russi o salvadoregni da un lato, portoghesi o brasiliani dall’altro.

 

Eh sì, ci siamo proprio entusiasmati!E se l’articolo vi ha interessato e siete diventati fanatici o semplicemente curiosi, sintonizzatevi su Raisport per la finale di domenica e arrivederci alle prossime Olimpiadi, dove il beach soccer sarà sport dimostrativo.

 

 

 

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. kiki

    Non voglio sempre fare il fenomeno, ma ho battezzato i russi campioni dopo avere visto gli highlights di tutte (tutte??? Tutte!!!) le partite dei gironi sul sito della Fifa. Se non ci credete, chiedetlo a Ballanti e a Carlito, gli ho scritto anche uno skype in merito.
    “Ho le prove, ci sono le sentenza”
    Kiki Travaglio.
    PS: Gigi, i russi hanno tutto;
    PS2: ben arrivato a dudè, finalmente un redattore de L’undici che capisce di calcio

    Rispondi
  2. Gigi

    Ma è possibile che vincano i russi? ma che spiagge hanno? dove si allenano, forse nelle isole Sachalin?

    Ma alla fine Blatter si è presentato alla premiazione o ha fatto come nel 2006 quando si rifiutò di premiare l’Italia?

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?