Tartarughe di stelle

1
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Sono in Ecuador da più di due mesi per un progetto sul corallo nero, ospite di un’associazione, “Equilibrio Azul”, che lavora con tartarughe, mante, squali e uccelli marini. Come volontario sto partecipando a tutti questi progetti e ovviamente sto vedendo cose che voi umani non potreste immaginarvi.

L’attività più emozionante è sicuramente catturare, marcare e infine liberare tartarughe marine. La cattura è qualcosa di incredibile, consiste letteralmente nel saltare sulla tartaruga e afferrarla per il carapace (la parte superiore del guscio, NdR), la mano sinistra nella parte alta vicino alla testa e la mano destra nella parte bassa vicino alla coda. Una volta afferrata la tartaruga, la cosa da fare è costringerla a nuotare verso la superficie per impedirgli di trascinarvi sott’acqua per troppo tempo. Non dimenticatevi però che stiamo parlando di animali enormi e dotati di una forza non indifferente. La loro lunghezza si aggira solitamente sul metro e il loto peso può variare dai 40 ai 70 kg. Spesso la cattura si svolge su un’isola a largo delle coste dell’Ecuador. E’ un’isola disabitata e le uniche due strutture presenti sono un faro e una piccola casetta che ospita noi volontari e gli uomini del parco nazionale. Questa è la storia di una serata di cattura sulla Isla de la Plata.

Ho bisogno della vostra immaginazione! Immaginatevi su un’isola del Pacifico. È notte e clamorosamente il cielo è stracolmo di stelle e senza una nuvola. Sono le 19:30 circa, il sole è già tramontato da un’ora e state per andare a caccia di tartarughe. Vi piazzate la muta, prendete una barchetta e andate ad ancorarvi ad una boa a circa 100 metri dalla riva. Siete circondati dall’oscurità. Sull’isola neanche una luce, sotto di voi, l’oceano, è più nero della notte.

Vi calate in acqua e subito siete circondati da 4-5 tartarughe. In mano stringete una torcia subacquea per poter illuminare la tartaruga mentre vi avvicinate. Quando l’avete a portata di tiro, lasciate la torcia per afferrarla. A questo punto vi accorgete che comunque, nonostante il buio, riuscite benissimo a vedere dov’è la tartaruga, perché la sua sagoma è perfettamente ricreata dal plancton bioluminescente che si “accende” ad ogni sua pinnata e che circonda il suo carapace. Allora vi fermate un attimo ad ammirarla, spegnete la torcia e la osservate estasiati. Una tartaruga fatta di stelle nuota nell’oceano oscuro.

Osservate le vostre mani e le vostre gambe, tutte ricoperte di mille lucine. Rimanete per cinque minuti senza poter far nulla, poi vi riprendete, vi concentrate e afferrate il suo carapace. Vi trascina come una cometa nell’acqua ma, piano piano, riuscite a domarla. Indirizzate il carapace verso la superficie e riemergete. Sbatte le pinne a più non posso e tira come un ossesso, ma la barca è vicina. La issate a bordo e tornate a nuotare.

Ho catturato sei tartarughe ieri notte. Questo è il modo migliore che ho trovato per descrivere quello che ho visto…ma non ci sono andato neanche vicino, purtroppo.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!

Cosa ne è stato scritto

Perché non lasci qualcosa di scritto?