Gli IN e gli OUT dell’estate 2011!

1
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Ecco l’essenziale e imprescindibile elenco di ciò che è IN e ciò che è OUT per potere affrontare a testa alta e con il sorriso sulle labbra la prossima estate!

IN
il carattere (font) Ayuthaya
lo shopping on-line
i foulard vintage
lo streaming
i post-it
i cosmetici all’olio d’oliva
coltivare piante aromatiche
la doggy bag
i vecchi amici
la granita
radio popolare network
la pirateria on-line
i disturbi mentali (lievi)
ridere fragorosamente
pagare con la carta di credito (anche piccoli importi)
i tutorial di Clio Make Up su Youtube
il tiglio
imparare a riconoscere gli alberi
Google Calendar
le pattumiere con distinti reparti per riciclare
le borse sotto gli occhi
le badanti dell’est nel loro giorno libero
mangiare cinese
le cene in terrazza
non lavorare
il rossetto
le acconciature di capelli pre-boom economico (uomini e donne)
il flamenco
le lentiggini
andare dal dentista
profumarsi (uomini e donne)
il pesce crudo
lo swing (ballo)
il tennis (da guardare e praticare)
ricevere la posta cartacea
l’ipocondria
farsi recapitare a casa frutta e verdura di stagione

OUT
gli zii a tempo pieno
tergiversare
Groupon
il kebab
le newsletter
l’aperitivo lungo
tradire
i menù fissi
gli intercity
i mocassini
le scorte alimentari
le cravatte regimental
i thriller
lamentarsi della burocrazia
fumare
gli integratori alimentari
i tacchi sotto i 7cm
le sciarpe indiane
dire: “Io guardo solo il Tg de La7″
passare col rosso (anche a piedi)
“Omelette e baguette”
i cellulari Nokia
i bermuda
i vicini di casa
le medicine
Nichi Vendola
fare la fila alle poste
i sandali di cuoio da uomo
postare su Facebook pezzi di film classici tipo Fantozzi, Verdone, Blues Brothers, Benigni, ecc.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Cosa ne è stato scritto

Perché non lasci qualcosa di scritto?