Vari undici: i numeri primi

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

L’11 è un numero primo. Un numero primo è un numero maggiore di 1 che sia divisibile solamente per 1 e per sé stesso.

In particolare l’11 è il quarto della serie dei numeri primi che inizia con: 2, 3, 5, 7, 11, 13, 17, 19, 23, 29, 31, 37, ecc. I numeri primi sono infiniti, ma già da questo breve elenco si possono intuire due particolarità:

1) l’unico numero primo pari è il numero 2, conclusione logica dato che ogni altro numero pari è divisibile per 2 e quindi non può essere un numero primo.
2) la distribuzione dei numeri non segue una logica, ossia non esiste una regolarità nella serie dei numeri primi e quindi una formula che consenta di ricavare i numeri primi

Proprio la difficoltà di trovare una legge, ossia una maniera di comprendere la cadenza con cui si presentano ha determinato il fatto che i numeri primi siano stati da sempre oggetto di studi e misteri. Ai numeri primi si contrappongono i numeri composti che sono divisibili per altri numeri oltre che per 1 e per se stessi. Ogni numero può essere fattorizzato ossia scomposto in una serie di numeri primi moltiplicati tra loro, e questa fattorizzazione è unica, ossia solo quei numeri primi, se moltiplicati tra loro, danno come risultato il numero in questione. Per esempio il numero 70 è fattorizzabile solo dai seguenti tre numeri primi: 2, 5, 7. 2 x 5 x 7 = 70. Non esistono altri numeri primi che moltiplicati tra loro danno 70.

I numeri primi sono importanti nella nostra vita quotidiana perché le transazioni delle carte di credito sono “sicure” proprio grazie ai numeri primi. Senza scendere nei dettagli, il numero della nostra carta di credito, nel momento in cui viene comunicato dal negozio dove stiamo effettuando l’acquisto all’azienda della nostra carta di credito, viene “nascosto” utilizzando numeri molto grandi la cui fattorizzazione in numeri primi è molto difficile, nel senso che è un’operazione che richiede molto tempo. Tuttavia è bene ricordare che questa “sicurezza” non è assoluta, ma si fonda “solo” su di una difficoltà matematica. Vedremo in un prossimo numero de L’Undici come sarà possibile in futuro ottenere una sicurezza totale, grazie alle proprietà della meccanica quantistica.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. giampi

    Mah, per la verità, con alto grado di snobismo non l’ho letto. Un po’ perché ha avuto troppo successo (snobismo), un po’ perché mi pare il classico libro che viene regalato perché ha un titolo molto azzeccato (vedi: “Va dove ti porta il cuore”).
    Perché non ce ne parli tu A.Lex? E’ un po’ che mancano i tuoi articoli!

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?