Lo sport più cool dell’estate

4
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

SUP (Stand Up Paddle – Pagaiare in piedi), da non confondersi con SUV (Sport Utility Vehicle – i macchinoni dei patacchini), è il nuovo sport del momento.

Che cosa è:

si tratta di una tavola da surf un po’ più grossa sulla quale si sta in piedi (stand-up) e con l’ausilio di una pagaia (paddle) si voga permettendo di gironzolare allegramente per le nostre coste e, quando si è presa la mano, anche provare l’ebbrezza di surfare qualche onda, quando ci sono.

Storia:col sup si arriva dove si vuole

come molti degli sport d’acqua le prime testimonianze nascono dall’edonismo californiano o dagli indigeni polinesiani, in particolare delle splendide isole Hawaii. Essendo che le Hawaii sono il 50esimo stato dell’unione e che gli indigeni hawaiani mangiano tutti McRoyal De Luxe le origini si confondono. Come il surf che nasce nelle isole del Pacifico e si diffonde poi dagli USA nel mondo, pare, da leggende e dipinti, che in realtà i primi surf fossero grosse tavole di legno su cui i tatuati tribaloni si divertissero a giocare con le onde remando in ginocchio usando le pagaie prese in prestito dalle loro velocissime piroghe.
Qualche muscoloso campione di windsurf hawaiano, all’inizio di questo millennio, stufo di “aspettare il vento che non arriva mai” (citazione dotta tratta dalla pubblicità del Kinder con Alessandra Sensini – medaglia d’oro olimipica del windsurf) ha deciso di rispolverare questa vecchia tradizione indigena, ha modificato la sua tavola, si è fabbricato una pagaia adeguata e ha scoperto quanto divertente e coinvolgente fosse questa attività.
Come spesso accade, da curiosità per pochi appassionati a “quasi fenomeno” di massa il passo è breve; internet ha contribuito in maniera decisiva con video e foto a fare nascere la voglia di provare questo nuovo attrezzo.

ancheil mitico Robby Naish ha aggiunto la pagaia al suo surfCome si fa:

il primo passo per imparare è procurarsi l’attrezzatura: 1) una tavola, 2) una pagaia 3) optional, un costume  4) eventualmente una muta e dei calzari quando la passione vi prende e volete uscire anche d’inverno.
Si sale in piedi sulla tavola, più o meno a metà della sua lunghezza, e si comincia a remare, qualche remata a destra (oops a dritta), qualche remata a sinistra, in modo che la tavola vada sostanzialmente diritta. Quando il mare è calmo il gioco è semplice, ogni tanto qualche caduta all’inizio, ma sarete voi a decidere l’intensità dello sforzo (distanza e velocità); se poi vi appassionate, scoprirete che una piccola ondina di 20 cm. già spinge la tavola ad una velocità che ci sembrerà supersonica e ci sentiremo come in un Mercoledì da leoni, da li in poi dipende dalla passione che vi coinvolge, dalla pazienza di aspettare che ci siano le onde (mica siamo alle Hawaii qui) e dalla voglia che avete di fare dei bagni, ma le soddisfazioni saranno tante.
La cosa più bella è che il SUP si può fare a diversi livelli, un po’ come fare una passeggiata (trekking, scusate) in montagna, che per qualcuno poi diventano vie ferrate o piccole scalate, o come andare a sciare (o fare snow per i più cool): il primo spazzaneve è una conquista, la prima discesa con una pendenza dell’ 1% sembra un muro verticale e poi si sceglie quanto tempo, energie e anche soldi vogliamo investirci.

venzia è bella, con un sup ci si può anche viverePerché si fa:

perché è divertente e perché è un allenamento completo a contatto con la natura. Divertente perché lo si fa quando si vuole, in una bella giornata di sole estiva al mare, al lago, sul fiume o…..a Venezia, allontanandosi da soli o magari con gli amici per fare il bagno a largo (a questo punto è obbligatorio NON indossare il costume, per rinfrescare le nostre asfissiate parti intime), si può decidere di aumentare la velocità e la distanza per renderlo più impegnativo come in un giro in bicicletta, si può andare a trovare l’amico che è al mare a 2 km. di distanza, si può andare a vedere la spiaggia o la caletta dietro l’angolo (questo non vale per la riviera romagnola- l’è tot uguel). E’ un allenamento completo, nel gergo tecnico è uno sport aerobico e non fatevi ingannare dalle apparenze: non si usano solo le braccia! La necessità di rimanere in equilibrio sulla tavola e contemporaneamente il gesto della pagaiata costringono ad usare quasi tutti i muscoli del corpo, in particolare spalle, braccia, dorsali, addominali e gambe, e ne sentirete i benefici (ed i muscoli doloranti) immediatamente.

con il compagno giusto, il sup da' ancora più soddisfazioniPerché non provarlo allora?

La reazione di molti e vedere chi già se ne va in giro per il mare sul SUP è: mi sembra noioso, la solita pataccata da surfisti.
Se pensiamo alle attività che si praticano per mantenersi in forma, ditemi in realtà cosa vi sembra più noioso:
pedalare su una cyclette davanti ad uno specchio a ritmo di musica (spinning), correre su un tappeto meccanico, camminare e fare esercizi su e giù in piscina con l’acqua alla gola, saltare su e giù da uno scalino di plastica, aspettare  un’ora la domenica perché si liberi un campo da racchettone per poi giocare dalle 13 alle 14 rischiando le coronarie…

Consigli per l’uso:

se siete incuriositi o semplicemente volete provare per poi mandarmi a quel paese, ecco alcuni indirizzi utili nella zona di Ravenna (credo che ce ne siano molti di più).
Punta Marina: Bagno Ruvido, Bagno Kamala. Marina di Ravenna: Bagno Hanabi, Bagno CocoLoco. Marina Romea: Bagno Aloha. Porto Corsini: Adriatico Wind Club.

tell the teacher we're supping, supping u.s.a.

Se non avete troppa fretta il 3 luglio dalla mattina alla sera l’Associazione Sportiva Puntaruvida organizza una gara di Sup ed una giornata di prova gratuita di SUP, windsurf (che è lo sport più bello del mondo) e kite, per tutti nella spiaggia libera di Punta Marina subito a nord del Bagno Ruvido.
E se poi volete qualche altro consiglio contattatemi: puntaruvida@libero.it

Qualche bel sito: www.standuppaddling.it in italiano, www.naishsurfing.com e poi ne trovate tanti altri pieni di foto, video e consigli in tutto il web.

 

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

4 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Gigi

    per le tipe: a parte che il SUP è davvero divertente, vi avveto che Marcello; Giuliano, Marchino e Palì sono dei gran figaccioni: accorrete!

    Rispondi
  2. pali

    prove gratuite di Sup e sup a vela al bagno Kamala di punta marina, ci sono aitanti surfer provetti con anni di esperienza che per l’amore di questi sport si prodigano di consigli e vi faranno provare il materiale, chiedere di Marcello; giuliano, Marchino e Palì. il sup a vela o SUPsailing è il nuovo modo di fare windsurf super cool e easy!!!tavole stabili e morbidose e vele piccole e leggere, garantito in 10 minuti si va!!!

    Rispondi
  3. good ol' one

    bella sta cosa che il SUP si possa praticare a tutti i livelli da Robby Naish alla passeggiatina su mare piatto

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?