Azzurro il pomeriggio è troppo azzurro e lungo per me…

5
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tutti se ne lamentano. Talvolta sono fonte di qualche sana sghignazzata tra amici o spunto di scherzosi lazzi tra colleghi. Vien da pensare pure che, vista la quantità di offerta, non sia da scartare a priori anche una non trascurabile domanda. Domanda e offerta di che? A cosa mi riferisco?

A taumaturgiche pilloline blu pronte a curare qualsiasi patologia erettile nonché panacea di ogni insicurezza maschile o infantile rifiuto della naturale ed inevitabile senescenza. Più in particolare sto parlando di spam, degli innumerevoli “consigli per gli acquisti” – per dirla come il farfugliante Mauriziosciòu – che invadono le nostre caselle di posta elettronica oltrepassando qualsiasi fuoco di sbarramento informatico, strisciando e incuneandosi tra antivirus, antispam e antijunk di cui ormai si fanno facilmente beffe.

D’altronde, in tempo di escort, di pettorute consigliere regionali, di labbrotiche opinioniste, di curvilinee onorevoli, beh, anche noi maschietti dobbiamo essere sempre disponibili, scattanti e pronti alla sessual tenzone. Ma entriamo un po’ più nel dettaglio. La realtà è che madre natura ci ha fornito di un piccolo fagiolo che, se ben stimolato, si trasforma per un po’ – minuto più minuto meno – in una fiera ed orgogliosa fava su cui noi maschietti innalziamo orgogliosi il vessillo della nostra virilità.

Ovvio che, parlo per esperienza, vent’anni fa bastava sfogliare con un filo di malizia le pagine del Postal Market nella sezione bikini per sentire piacevoli vibrazioni che ci spingevano ad asserragliarci in bagno a dare (in)degno sfogo all’irrefrenabile impulso (con conseguenti inutili preoccupazioni delle nostre mamme riguardo alla nostra regolarità intestinale). Credo che molti di noi, qualche anno dopo, abbiano collezionato qualche inevitabile figuraccia battendo in scioltezza il record mondiale sui centometripiani (Usain Bolt 9”58 – Berlino 2009). Peccato fosse un record leggermente diverso e ottenuto comodamente seduti sul sedile di una macchina mentre la sfortunata fidanzata era ancora intenta a sfilarsi la sciarpa di lana…

Poi sono arrivati i tempi duri, dove tra la prima e la seconda (eeeh? Quale seconda?) invece di una sigaretta ci doveva passare un film, talvolta mica un film qualunque, cioè per intenderci tipo Ben Hur (212 min.). Che se poi, per arrivare ai nostri giorni, al lavoro ci hanno stressato le gonadi per tutta la settimana ci vuole almeno una vittoria della squadra del cuore per farci tornare la voglia nel weekend. Insomma la vita si fa dura e ogni riferimento è puramente casuale, anzi contrario…

Il problema, almeno per quanto mi riguarda, è che fino ad un annetto fa questi martellanti messaggi promozionali si presentavano sotto la forma quasi “classica” di annuncio pubblicitario. In altre parole una pura e semplice offerta di miracolose pillole blu a prezzi vantaggiosi. Poi, negli ultimi tempi, il fenomeno si è articolato e diversificato offrendo al potenziale cliente un ventaglio di proposte a volte ammiccanti, altre aggressive e altre ancora inquietanti.
Entriamo dunque nel dettaglio delle offerte avvisando il gentil lettore che tutto ciò che d’ora in poi troverà scritto in corsivo è fedelmente “taglincollato” dalle email che infestano la mia casella di posta da circa tre mesi a questa parte.

Offerte speciali
[SPAM] Dear Mr Paolo 49% 0FF on Pfizer !
[SPAM] Paolo, VIAGRA  Official -57%
[SPAM] Paolo, VIAGRA  Official -60%
[SPAM] Paolo, VIAGRA  -86% discount
[SPAM] Paolo, VIAGRA  Official -91%

Analisi: una vera e propria guerra commerciale, aggressiva, con sconti al limite del dumping e che  invogliano il cliente con prezzi via via più vantaggiosi. Mi aspetto imminenti proposte di 3 x 2 e tessere punti con il classico trolley in regalo.

Pubblicità subliminale
[SPAM]

Analisi: l’immagine è l’anima del commercio. E, per un povero impiegato a cui tocca ripulire ogni sacrosanta mattina la propria casella di posta, vedere ripetutamente l’immagine della mitica pillolina (e prodotti affini) potrebbe alla fine rivelarsi la strategia azzeccata. Insomma, se nel deserto continui a vedere cartelloni di bottigliette ghiacciate di Coca Cola probabilmente, quando finalmente arrivi all’oasi, invece del classico bicchier d’acqua istintivamente chiedi una Coca. Ovviamente il tuareg ti trasforma in cibo per cammelli, ma questa è un’altra storia.

Magie e trasformazioni
[SPAM] RE: Pillole di allungamento del pene
Grazie Dr. MaxMan!
La mia storia qui
Dato che l’utilizzo del prodotto, il mio pene non solo ha aumentato in termini di dimensioni, ma la mia esperienza sessuale è meglio che mai! Io non devono più preoccuparsi se il mio partner è soddisfatta o meno

Analisi: innanzitutto la prima domanda: ma il dottor MaxMan esiste davvero? E se sì, chi è? Un luminare dell’andrologia? Un esperto di stretching estremo? Il nipote di Houdini? E’ mai stato ospite da Michele Mirabella a dimostrare le sue teorie? La seconda domanda che sorge spontanea è: ma il mio è davvero così piccolo? Quanto gli manca per essere “il giusto”? Dove ho messo il righello con cui lo misuravo alle medie? Terza ed ultima domanda: ma perché se lo allungo non devo più preoccuparmi della mia partner? In altre parole, se ho un pene-pitone posso indifferentemente russare, leggere la gazzetta o andare in terrazza a fumarmi una sigaretta senza nemmeno una
coccola o un “è stato proprio bellissimo, amore”???

Horror
[SPAM] Vuoi un uccello mostro?
Non crederete quanto grande si può crescere, ho aggiunto 2 pollici, dopo soli 2 mesi

Analisi: terapia d’urto. In altre parole non ci si deve più preoccupare del fatidico momento in cui ti spogli e temi la reazione della partner (risatina compassionevole, smorfia di delusione, ecc ecc…), bensì sperare che i vicini non si lamentino per le belluine urla di terrore alla vista dell’incredibile mostro che spunta dai vostri boxer, slip, pigiama o jeans. Eppoi, quanto davvero si può crescere? Cioè 2 pollici (sono andato a vedere la tabella di conversione su Wikipedia: 2 pollici = 5,08 cm) in due mesi son cifre impegnative… non è che dopo quattro o cinque mesi non riesco più a giocare a calcetto o ad inforcare la motocicletta???

National geographic
[SPAM] Guidare il suo umido e selvaggio e penetrare

Analisi: non so, ha un che di vietcong che striscia silenzioso nel delta del Mekong in cerca di yankee da torturare… o di una spedizione alla ricerca di tribù autoctone nell’umida foresta amazzonica… Insomma più che una vigorosa prestazione sessuale pare prospettarsi un avventuroso viaggio tra natura, storia e mistero…

Quark e i segreti della fisica
[SPAM] Ottenere una spinta fuori della vostra vita sessuale con le nostre pillole organici

Analisi: l’immagine è quella di una sorta di catapulta che vi scaglia con forza nell’iperspazio di sesso e voluttà. Uhm, direi una specie di uomo cannone che si spara dal comò sulla sventurata di turno mettendo a dura prova non solo lei ma anche materasso, doghe in acero e parquet di betulla. Da segnalare anche, in coda, la strizzatina d’occhio al “bio”: niente roba sintetica, tutta roba organica e naturale… Di questi tempi, tra ogm e diossina, una vera garanzia.

Rocco e suo fratello
[SPAM] RE: Gigante lungo e sempre in su

Analisi: se il tuo modello è Rocco Siffredi che se ne faceva un paio a colazione, quattro a pranzo e la nazionale di ginnastica artistica prima di andare a nanna, beh, è il prodotto giusto per te.

Spaghetti western
[SPAM] Your pork pistol won’t fail

Analisi: beh, io c’avrei aggiunto un bel sottofondo di Morricone a rendere l’atmosfera ancor più intensa e carica di tensione. A quel punto risulterebbe ancor più facile immaginare il nostro eroe, nostrano Clint Eastwood, che  procede con passo sicuro verso il letto, sigaro in bocca e sguardo di ghiaccio, pronto a sfoderare dagli slip la pistola con scatto fulmineo e mira infallibile.

Niente avvocati
[SPAM] L’uomo salva il suo rapporto dopo l’allargamento.
Storia della sua vita qui.
Un uomo in Italia è riuscito a salvare il suo rapporto dopo l’assunzione di pillole. Egli non era in grado di soddisfare sua moglie e quasi avuto un divorzio e laborioso.

Analisi: perché complicarsi la vita quando la soluzione è lì, a portata di clic? Niente cause milionarie, niente avvocati, niente aule di tribunale, niente discussioni su alimenti e affidamento dei figli. Basta una pillola e tutto si risolve. Anche l’armonia familiare. La pillola che riaccende il focolare. Ok ok, basta così, ora vado a ripulire la casella di posta dalle email di Irina, Svetlana, Darina, Iliana, Lyudmila, Miroslava e di tutte le altre ragazze russe che vogliono assolutamente conoscermi…

Nota a margine: tutte le aziende che offrono pillole sessualmente miracolose, a prescindere da strategie commerciali e marketing, hanno inspiegabilmente affidato i testi ad Aldo Biscardi e Luca Giurato.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

5 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Dr. Sud

    Caro coetaneo, al fine di una corretta ed esaustiva visione globale e per un eventuale nuovo articolo sull’argomento, anche a distanza di tre anni, ti sarà utile sapere che non ho mai avvertito cambiamenti.
    Una curiosità a parte: “Ma Ciccio e Chiara sono ispirati agli omonimi santi?

    Rispondi
  2. Ciccio

    Aggiornamenti in tempo reale.
    Oggi mi è arrivato questo:
    [SPAM] Re: Prendi tua moglie il regalo più bello mai.
    Probabilmente in vista della festa della donna.
    cic

    Rispondi
  3. Ciccio

    solo una volta mi è arrivato “reduce your penis size”…
    ma cinque minuti dopo, a seguire, un “here and now! Take our magnifying glass!!! Very cheap!!!”
    a conferma degli algoritmi… sigh
    ciccio

    Rispondi
  4. Rocco

    Mah, a me arriva molta spam del tipo: “reduce your penis size”…
    E’ incredibile come gli algoritmi dietro ad internet arrivino a personalizzare la pubblicità…

    Rispondi
  5. Dr. MaxMan

    Ciccio, se ti arrivano cosí tante mail, dovresti anche chiederti chi ha fatto la spia!

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?