Com’è andata a finire

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

mi piaccion le sbarbine ... non è una novitàImpercettibili evoluzioni. Prevedibili evoluzioni. Va bene, ma prima o poi bisognerà darsi una mossa che correre dietro alla sbarbine non porta da nessuna parte.

Abbiamo concluso subito una storia: i minatori cileni sono tutti salvi e in superficie. Così si può raccontare una bella storia.

 

Da noi invece il reality di Avetrana è diventata una telenovela. Peccato che la povera Sarah Scazzi non possa resuscitare come Taylor di Beautiful.

 

Un’altra storia, noiosissima, era quella della casa di Montecarlo del genero di Fini. Per 3 mesi il premier aveva scatenato la sua fabbrica di fango che parlava solo di questa storia come se al mondo non interessasse altro. La conclusione è che nel 1999 fu venduta a un prezzo probabilmente equo. Fini ha fatto il furbetto per fare un piacere ai parenti con i soldi del partito, ma non c’è reato. E così è andata a finire come da un anno a questa parte con il giuochino della parti ad insultarsi in pubblico e a votare insieme alle proposte del governo. Ma quanto può durare?

 

Il presidente Obama si è dato da fare per due anni, ma la crisi è ancora lì. Quindi si è preso una discreta bastonata alle elezioni di midterm. E ora gli tocca andare a chiedere aiuti ai paesi emergenti dell’Asia concorrenti della Cina. Sembra paradossale, ma nel 2010 sono l’India e la musulmana Indonesia che possono aiutare gli Stati Uniti.

 

In Brasile eravamo rimasti al ballottaggio che si è concluso che la vittoria di una donna, l’ex guerrigliera Dilma Rousseff è l’erede del suo leader Lula.

 

Il premio Nobel cinese non andrà a ritirare il suo premio. Di lui non sappiamo più niente, ma solo perché non ce ne occupiamo. Un altro premio Nobel per la pace, la birmana Aung San Suu Kyi ha assistito dagli arresti domiciliari alle elezioni farsa del suo paese che è ancora messo come quando le fu assegnato il premio nel 1991,19 anni fa. Ora i premi Nobel per la pace premiano addirittura Roberto Baggio (sì, proprio il divin codino) con il World Peace Award 2010.

 

La Grecia incazzata nera alle elezioni locali non ha punito il premier socialista Papandreu.

 

In Francia nonostante le proteste Sarkozi ha portato avanti la sua riforma delle pensioni.

 

In Italia il nostro premier ci ha indicato la giusta evoluzione: dal turismo sessuale in europa dell’est alle minorenni extracomunitarie. Caro Silvio, il grande Freak Antony diceva quello che dici tu adesso già 35 anni fa: “sono rozzo, sono grezzo e volgare”, “se mi comporto male finisco sul giornale”, “se la gente poi mi offende, io mi levo le mutande”, “Io faccio proprio quel che voglio fare. Ti do qualcosa solo se mi pare.”, “Non posso farci niente, mi piaccion le sbarbine. Lo so che non conviene, ma poi chi si trattiene.” ma lui faceva il demente semplicemente per prenderci tutti quanti per il culo.

 

L’undici compie un anno, ama uomini e donne e cresce e crescerà. Cento di questi undici.

 

Leggi il diario dell’undici di ottobre

 

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Chi lo ha scritto

Paolo Flamigni (Gigi)

Twitter Sito web

Una laurea in informatica gli dà il pane quotidiano. Una triennale con lode al Dams gli fa credere di poter sparare sciocchezze a caso sul cinema. Immagina di fare un sacco di cose, ma è molto vicino a non fare nulla, però lo fa. Scrive di cinema, è responsabile della sezione visioni dell'Undici di cui gestisce anche l'account Twitter

Perché non lasci qualcosa di scritto?