Il diario del mese – l’undici di agosto 2010

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

è stato un mese caldissimo, il più caldo degli ultimi 4354 anniDai che con questo caldo poteva andare peggio, dai che è successo qualcosa di interessante anche questo mese. Ok non proprio qualcosa di buono, ma “piottost che gnint l’è mei piottost”. Un diario del mese un po’ balneare, ma che tornerà utile quando dopo la sbornia estiva dovremo ripassare tutti i fatti e misfatti che ci hanno portato fino a qua.

11 luglio 2010

 

Come ci aveva già informato il polipo Paul la Spagna ha vinto i mondiali di calcio in Sud Africa. Cosa voglia dire non lo so, però ora inizia un altro mese che non promette bene per niente

 

12 luglio 2010marina berlusconi: grande performance nel dopo cena

 

Un giornalista(?) della TV pubblica (Bruno Vespa) ha organizzato una cena a casa sua (in realtà la casa è di Propaganda Fide) in cui oltre ai soliti cardinali, nani, ballerine, governatori della Banca d’italia .. c’erano il presidente del consiglio (S. Berlusconi) e il leader di un partito ex alleato del governo e liquidato prima delle ultime elezioni perché non serviva. Ora con il marasma che scuote la maggioranza può tornare utile anche l’UDC di Casini. Tutta Italia parla della cena a casa di Vespa. Siamo messi così.

 

13 luglio 2010

 

Il solito coordinatore del PdL Denis Verdini con il sottosegretario Cosentino (che se non fosse che è protetto dai camerati di partito che non concedono l’arresto sarebbe già in galera) insieme a uno degli ex capi della P2 Flavio Carboni (implicato inoltre dell’omicidio di Roberto Calvi, ed ora arrestato) organizzano con l’appoggio dell’amico dei mafioso Dell’Utri trame, depistaggi, tentativi di condizionare la corte costituzionale e alcuni giudici. Il tutto per favorire il loro referente Silvio Berlusconi, chiamato dagli amici Cesare. Berlusconi si difende dicendo che si tratta di 4 (Cosentino, Verdini, Carboni e Dell’Utri?) pensionati sfigati: che ingrato! Verdini coordina la cricca. I falsi dosser creati da Cosentino

 

Intanto un maxi blitz (300 arresti) cerca di porre argine agli affari della ‘ndrangheta che, protetta da politici compiacenti, ha messo le mani sull’economia del Nord Italia. La Repubblica. Le mani sulla sanità lombarda. Legami tra cosche e centri di potere. Assessori e compagnia delle opere

 

14 luglio 2010

 

Nel momento del bisogno il coordinatore del PdL campano Nicola Cosentino doveva dare un segnale: i suoi grandi elettori, quelli per il cui conto coordina il partito in Campania dovevano sapere che lui a tempo pieno orienta il partito in Campania e non solo verso gli interessi di camorristi, massoni, truffatori, loschi affaristi. Per questo coniugare questa attività con quella di vice ministro era troppo impegnativo e così ha spontaneamente deciso di dimettersi dalla carica di vice ministro. Berlusconi si è affrettato a dire che il bravo Cosentino è innocente e che le inchieste che lo riguardano che riguardino la camorra, truffe per l’eolico in Sardegna, fabbricazione di falsi dossier etc. etc. sono frutto di persecuzioni delle toghe rosse. Sempre si agisce per favorire il Cesare

 

15 luglio 2010

 

la BP dice che ci ha messo il tappo. Ma è già danneggiato ed è impossibile capire quando la falla verà tappata definitivamwente. I danni, incalcolabili, sono comunque sottostimati. La Repubblica. Alla sera l’annuncio: “La perdita è fermata, non sappiamo per quanto, ma il dato è incoraggiante”. La Repubblica Ci sono voluti 80 (ottanta) giorni per bloccare il fiume di petrolio, ma la soluzione è temporanea.

 

16 luglio 2010

 

Gli Stati Uniti varano la riforma finanziaria: più vincoli alla speculazione e più controlli sulle banche. La riforma arriva inevitabilmente un po’ edulcorata, ma si tratta comunque della seconda grande vittoria politica del presidente Obama dopo la riforma sanitaria. Il sole 24 ore

 

17 luglio 2010

 

risultato del governo: più tasse per tuttiI numeri parlano chiaro: da quando c’è al governo quello che prometteva MENO TASSE PER TUTTI (S. Berlusconi) la pressione fiscale è continuamente aumentata raggiungendo il livello record mai segnato da nessun governo precedente. La RepubblicaLe tabelle con i numeri

 

18 luglio 2010

 

L’indagine sulla loggia segreta (per comodità chiamata P3) si allarga: dopo gli interrogatori del governatore della Sardegna Ugo Cappellacci, dell’ex sottosegretario all’Economia Nicola Cosentino e dell’ex assessore regionale della Campania, Ernesto Sica, seguiranno tra gli altri, quelli del sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo, dell’ex presidente della corte di cassazione Vincenzo Carbone, del governatore della Lombardia Roberto Formigoni, del presidente della corte di appello di Milano Alfonso Marra, del capo dell’ispettorato del dicastero della Giustizia Arcibaldo Miller e l’ex avvocato generale della Cassazione Antonio Martone. Alla faccia dei 4 pensionati sfigati di Berlusconi. Il Corriere

 

19 luglio 2010

 

Grande successo per la raccolta di firme per il referendum per abrogare la legge che permette e facilita la privatizzazione dell’acqua: quasi un milione e mezzo di firme a fronte delle 500 mila necessarie. Il Corriere L’undici sulla privatizzazione dell’acqua

 

20 luglio 2010

 

Il ministro degli esteri americano Hillary Clinton è a Kabul. Annunzia la nuova fase e il presidente afgano Karzai conferma che “il Paese si prepara «ad assumere le responsabilità della sua sicurezza all’orizzonte del 2014″ Il Corriere. Non perdete nessun numero dell’undici nel 2014 perché saprete com’è andata a finire.
Intanto la prima visita alla casa bianca di James Cameron come premier inglese non è stata proprio una festa: ammissioni di colpa sull’Iraq, la marea nera della britannica BP, la liberazione degli attentatori libici di Lockerbie hanno dominato l’incontro col presidente Obama. La Stampa

 

21 luglio 2010

 

L’AD della FIAT Marchionne dopo aver annunziato lo scorporo di FIAT auto da FIAT Industrial (mezzi commerciali e industriali) (Il Corriere) convoca i giornalisti italiani per annunziare che la produzione della monovolume non sarà a Mirafiori ma in uno stabilimento il Serbia. La scelta è giustificata dal fatto che, secondo l’azienda, in Italia ci sono troppe sacche di assenteismo e scioperi che, con la protezione dei sindacati (della FIOM), minacciano di bloccare la produzione. La Repubblica. Il conflitto è incancrenito: i sindacati sono nell’angolo tra la difesa di diritti finalmente acquisiti dopo lunghe battaglie e la protezione di sacche di comportamenti (assenteismo, finti scioperi, fannullonismo) che minacciano sia la produttività degli stabilimenti che la credibilità del sindacato stesso. Intanto i mercati premiano le scelte di Marchionne. Segue prevedibile levata di scudi della classe politica. Il Sole 24 ore

 

22 luglio 2010

 

Una dimissione alla settimana, cricche di affaristi, logge massoniche coordinate dal coordinatore del suo partito, azione del governo condizianata da mille particolarismi e dalla scaramucce interne tra finiani e resto del mondo, pressione fiscale ai massimi storici, regioni e comuni (anche quelli governati dalle destre) incazzati neri, la legge bavaglio da lui tanto voluta ma inevitabilmente edulcorata visto che formalmente non siamo una dittatura sudamericana … forse è a questo che ambiva Silvio Berlusconi visto che annuncia orgoglioso dal sito dei suoi fans (anticipato da quello del TG1, il primo dei suoi fans) che va bene così e che è tutto perfetto e che l’amore non è bello se non è litigherello. Il Corriere. E noi, superficiali, non eravamo neanche accorti di cotanta perfezione.

 

23 luglio 2010

 

La BP aveva appena fermato la fuoriuscita di petrolio e continuava a lavorare per evitare ulteriori danni. Tra polemiche e disastri la natura ha voluto dire la sua: arriva latempesta Bonnie e l’unica cosa che si può fare è scappare da un’altra parte. Poi tornare e contare i danni. La Repubblica Il Corriere

 

24 luglio 2010

 

La Love Parade di Duisburg finisce in una strage: 19 ragazzi morti nella calca per un passaggio sotto un ponte bloccato dalla polizia. La manifestazione non si farà più. Fine in un’epoca, di un modo di divertirsi, della spensieratezza di una generazione. Il Corriere Il Post Il Manifesto

 

25 luglio 2010

 

Per il terzo anno consecutivo lo spagnolo Alberto Contador vince il Tour de France. Dopo aver conquistato la maglia gialla attaccando il diretto rivale Andy Scheck fermo per un guasto meccanico, ha difeso la leadership nelle ultime tappe di montagna e nella cronometro. L’italiano Petacchi si porta a casa la maglia verde di leader della classifica a punti. Lo speciale della Gazzetta dello Sport

 

26 luglio 2010

 

Il New York Times pubblica 92 mila  documenti segreti del Pentagono sulla guerra in Afganistan. Dalle informazioni riservate emerge che «I servizi segreti pakistani lavorano fianco a fianco dei terroristi e fanno il doppio gioco», che ci

sono molte più vittime civili di quanto si racconti e che la guerra non la si sta vincendo per niente, visto che dopo 9 anni i talebani sono potenti come non mai. Come abbiano avuto queste informazioni non si sa. A chi giovi pubblicarle non si sa. Perché siano state diffuse non si sa. Ci si possono porre domande, dare risposte. E inquietarsi. Il Corriere I documenti sul sito del New York Times

 

27 luglio 2010

 

Il malaffare che usava le istituzioni per arrichirsi ed alimentare il proprio potere sfila in procura: Verdini dice che è tutta colpa di Dell’Utri (Il Corriere). Dell’Utri non risponde dicendo che quando lo interrogarono per mafia poi lo accusarono sulla base delle sue dichiarazioni (ora è condannato in secondo grado a 7 anni per concorso in associazione mafiosa): forse ha imparato questo dal suo eroe mafioso Mangano. Intanto Verdini si dimette da AD della sua banca, il Credito Cooperativo Fiorentino: anche lì truffe e gestione finalizzata al malaffare hanno portato la Banca d’Italia e il ministero dell’economia ad intervenire e a commissariare l’istituto di credito. La Repubblica

 

28 luglio 2010

 

In Afghanistan un convoglio italiano cade in una trappola: 2 soldati vengono uccisi da un’esplosione. Il cordoglio serve anche a ricordarci che da 9 anni facciamo la guerra laggiù con scarsi risultati e non ci ricordiamo neanche più il perché. (RaiNews24)
BRANCHER era stato fatto ministro al solo scopo di sfuggire alla giustizia. Costretto a dimettersi è stato condannato a 2 anni per appropriazione indebita e ricettazione. Anche in questo caso il governo nonè riuscito a realizzare il suo programma. Il Corriere

 

29 luglio 2010

 

Rottura Fini Berlusconi. A Fini stava arrivando addosso un po’ di merda nebulizzata dal Giornale della famiglia Berlusconi e dal TG1 di Minzolini. Spaventato ha cercato una via d’uscita, ma il Silvio ormai era incazzato nero e con un direttivo deno del miglior PCUS staliniano ha cacciato Fini e i suoi dal PDL.

 

30 luglio 2010

 

La popolarità del presidente francese Sarkozy è in caduta libera. Quindi per ritrovare un po’ di sintonia coi suoi elettori fa quello che fanno tutti i governanti di destra del mondo occidentale: la spara grossa contro gli immigrati, dimenticando che prima da ministro degli interni, poi da presidente il suo è uno dei contributo allo stato attuale della migrazione in Francia. La Stampa

 

31 luglio 2010

 

L’ONU non tutela più le Isole Galapagos. Rischio cemento e speculazione. La Repubblica

 

obama + marchionne = love

 

1 agosto 2010

 

FIAT: andiamo a produrre i nuovi modelli in Serbia. dopo un tavolo con governo e sindacati, Marchionne ha deciso che a sto giro è la FIAT che può fare un po’ come cazzo le pare. Intanto negli Stati Uniti il presidente Obama esalta l’operato della Fiat ed elogia Marchionne. La Stampa

 

2 agosto 2010

 

l'orologio è ancora fermo all'ora della strageTrentesimo anniversario strage di Bologna. Morirono 85 persone. Oltre 200 furono i feriti. La bomba fu messa da fascisti manovrati e poi protetti da servizio segreti deviati e logge massoniche potenti. Il governo alla commemorazione non c’è. Non credo che sia perché alcuni suoi membri sono affini ideologicamente agli esecutori materiali della strage e altri rappresentino la continuità con i mandanti. E’ semplicemente che non gliene frega niente.
Il cordoglio e la rabbia per questa strage sono ancora enormi considerato anche che gli esecutori materiali,i fascisti Mambro e Fioravanti, pur condannati a svariati ergastoli sono ormai liberi, grazie anche al fatto che non hanno mai detto niente riguardo i loro mandanti e protettori.

 

3 agosto 2010

 

Mais OGM in Friuli. La Repubblica. La coltivazione è illegale e sta contaminando i campi vicini. Ma le autorità tardano ad intervenire e si rischia di sterilizzare la produzione autoctona della zona.

 

4 agosto 2010

 

Dopo più grande disastro ambientale della storia. (La Repubblica La Stampa) sembra che finalmente, dopo oltre 100 giorni e 5 milioni di petrolio in mare, la BP sia riuscita a tappare il la falla da cui fuoriusciva il greggio. Il corriere

 

5 agosto 2010

 

Fini e Berlusconi hanno rotto. Senza i finiani il governo non ha la maggioranza in parlamento. Andremo a votare? Per adesso andiamo in vacanza, poi ci ripensiamo in settembre (quando ormai ce l’avranno messo in quel posto senza che neanche ce ne siamo accorti).

 

6 agosto 2010

 

Sono passati 65 anni dalla bomba atomica su Hiroshima. Non dimenticare mai. (La Repubblica)
Sul mistero della casa in affitto al “cognato” di Fini (il Tulliani) finalmente si getta chiarezza. A farlo è un personaggio di assoluto spessore morale, Luciano Gaucci, ex dell’attuale compagna di Fini (la Tulliani), “raggiunto a Santo Domingo dal settimanale Panorama”. La Tulliani acquistò alcuni immobili con soldi propri, che arrivarano da una vincita al superenalotto (due miliardi e quattrocentomilioni di lire) dello stesso Gaucci, che generosamente ne regalò la metà alla futura compagna di Fini. Cosa centri questo con tutto il resto non lo so, ma di certo la popolarità di fini presso gli italiani è in calo. Non per la casa di Montecarlo, ma perchè sta con la ex di Gaucci. Che ha concluso l’intervista dicendo di avere sempre rispettato la scelta sentimentale della Tulliani. «Anche se – conclude – prima si è riempita la pancia e poi si è alzata da tavola» (Il Corriere)

 

7 agosto 2010

 

Dati contrastanti per l’economia mondiale: in Europa il PIL torna a crescere e in italia è a +1,1% su base annua, un dato che non si aveva dal 2007. Anche la produzione industriale torna a crescere (Il Corriere). Però in USA la disoccupazione sale, Il termometro delle borse segna un meno dando più rilievo ai dati negativi. E in generale il prezzo delle materie prime continua a crescere. In particolare è iniziata la speculazione sul grano. (Il sole 24 ore).
Cresce anche l’indice di mortalità in Afghanistan, dove i talebani hanno giustiziato sei oculisti americani e due dottoresse, una inglese e una tedesca. C’è anche l’interprete afgano tra i cadaveri, ma fa meno notizia (La Repubblica).

 

8 agosto 2010

 

Tutti al mare!ok, per oggi la notizia è: tutti al mare che un po’ di vacanza ce la meritiamo anche noi.
Purtroppo, per i giornali, la notizia è diversa: piogge, temporali, devastazioni e freddo in Europa, ondate di calore in Russia ed Asia, iceberg giganti che girovagano per il mare. Per fortuna c’è l’esperto che spiega tutto: «La macchina del clima è in fibrillazione. E tutto il pianeta ne risente». Colpa di effetto serra, buco nell’ozono, vulcano islandese e giudici comunisti (Il Corriere).

 

9 agosto 2010

 

detto fatto, qui bisogna rinfrescarsi: tutti in montagna a respirare un po’ di aria buona. Tutti in montagna!Servirebbe soprattutto ai russi, che (ovviamente per le fibrillazioni della macchina del clima) si ritrovano con l’ondata di calore “più forte degli ultimi 1000 anni” e da quattro giorni, stando ai giornali, vivono in un paese in fiamme. Come si usa di questi tempi, politici e giornalisti evitano inutili catastrofismi e panico, annunciandoci quattro o cinque potenziali Chernobyl e una prossima ondata di Colera. La Repubblica

 

10 agosto 2010

 

Quanto si sta bene in città?oh, ma quanto si sta bene in città in sto periodo in cui non c’è nessuno e ce la si gode facendo un po’ quel cazzo che ci pare.

 

11 agosto 2010

 

Col fiato cortissimo, siamo però arrivati alla fine del mese. Finalmente un po’ di libertà, mete esotiche extracomunitarie. Coi mezzi più moderni si può arrivare addirittura nel Canton Ticino a godersi il Festival del film di Locarno (sono pur sempre quello che la mena col cinema) il sito ufficiale del festival di locarno.
Seguite i prossimi diari del mese, che magari vi ricordiamo anche di andare a votare. L’undici vota bene, vota pulitino.

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!

Chi lo ha scritto

Paolo Flamigni (Gigi)

Twitter Sito web

Una laurea in informatica gli dà il pane quotidiano. Folgorato da un pellegrinaggio in Terra Santa si iscrive al Dams Cinema che sospende a pochi passi dalla meta per fattori esogeni tipo la paternità e i suoi straordinari effetti collaterali L'indole fin troppo mite lo porta all'infatuazione per l'uomo forte nella forma di personaggi vari come Clint Eastwood, José Mourinho o Santa Chiara da Assisi. Scrive di cinema,  se volete conoscere i suoi gusti potete leggere gli 11 film che salverebbe dalla fine del mondo

Perché non lasci qualcosa di scritto?