Ben puoi mangiare a modo tuo, ma devi vestire a modo altrui

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Un altro mese è passato ed è stato un vero mese moda: dal 15 al 18 giugno c’è stato Pitti Immagne Uomo che ha dato il la per le presentazioni delle collezioni uomo per l’estate 2011. Quindi sfilate Uomo a Milano e Parigi, eventi e manifestazioni a  New York, Londra nel resto del mondo.

Intanto il 24 giugno è iniziato Pitti Bimbo seguito da fiere e manifestazioni bambino minori, ma sempre importanti e così sappiamo anche cosa ci sarà l’estate prossima per i nostri bambini, i consumatori del presente, ma soprattutto del futuro.

E meraviglia delle meraviglie a  Parigi stanno avendo luogo le sfilate dell’alta moda per l’inverno prossimo: il pret a porter Autunno Inverno 2010/2011 è stato presentato a febbraio ed ora è nei negozi, ma le linee più sartoriali ed artigianali della Haute Couture (dai costi esorbitanti) sfilano ora così:
1 – non verranno copiate -anche se sfido qualcuno a copiare certi tagli e ricami o a renderli così belli ed eleganti con tessuti scadenti.
2 – le principesse, le riccone del mondo, le cantanti ed attrici, potranno farsi fare i loro begli abiti su misura per i primi freddi, che negli ultimi anni arrivano abbastanza tardi, così come i primi caldi.

L’haute couture è il circo della moda, lo spettacolo nello spettacolo, il momento in cui si può esagerare, anzi si deve stupire e far rimanere tutti a bocca aperta, non tanto per vendere capi dal pubblico ristretto, quanto perché l’immagine di un griffe, quella che fa vendere profumi, rossetti, portachiavi, mutande a milioni di persone, parte da qui.
Dei 64 outfit Chanel, se ne vedranno un migliaio di pezzi in giro per party, matrimoni russi (parliamo di inverno) o Red Carpet. Ma tutto servirà a far prosperare il sogno Chanel. Così Le Vernis Particulière 505 di Chanel, lo smalto per unghie dell’anno, in un colore fra il grigio, il beige e il tortora (non ha nome ma numero) sarà venduto in milioni di esemplari. Perché sì, una bottiglietta costa 22 euro, ma è un pezzo del mondo Chanel che porti manifestamente con te, che gli altri come te riconoscono e ti invidiano. L’invidia è dovuta al fatto che è stato prodotto in numero limitato e che ne sono stati inviati pochi esemplari per ogni concessionario cosmesi Chanel.io il colore 505 lo riconoscerei tra mille
Inutile dire che si è scatenata la caccia e le liste d’attesa. Spesso invano.

“Couture is a dying art. It encompasses the world’s smallest workshops, accessible to only the privileged few, and boasts techniques and workmanship operating at a level most of us can’t even dream about. That said, I love that it exists alongside the H&Ms of the world, and really want to see it continue.
The couture showings this week in Paris, although not intended for the masses, were still reflective of the times. The trends were widely neutral (with a continuation of the camel craze from fall), more conservative (no short-short dresses here), and less theatrical than in years past. And though it was a slightly more honest take on fashion, it’s still couture at the end of the day, which meant miles of tulle, loads of sequins and beads, and eveningwear galore.”

Dal  New York Magazine online – “the Cut”
La moda, l’alta moda non è per noi e siamo grati ad H&M per farci trovare capi così sgargianti a costo minore rispetto a quello di un bottone di un abito di Givenchy. Ma sono grata anche a John Galliano (nato Juan Carlos Antonio Galliano) che con il suo approccio festoso ma sempre con una punta di malinconia, ha creato abiti come corolle di fiori colorati, ha scelto una serra nel verde come passerella, ha messo in testa cellophane alle sue modelle come fossero uscite dalle mani di un fiorista. Cosa resterà di questo spettacolo senza repliche? Probabilmente solo il rossetto nero Dior, che farà guadagnare alla maison francese, più che la produzione di un unico abito floreale presentato alla sfilata.sono sicuro che sebbene inconsciamente l'anno prossimo vestirò come vuole galliano

 

Detto questo per noi modaioli di ritorno qualche consiglio per gli acquisti. Una volta per vedere immagini di show e sfilate in tempo reale bisognava pagare milioni di vecchie lire. O aspettare i numeri delle riviste con le anticipazioni. La merce era nelle vetrine a settembre per l’inverno e marzo per l’estate. Ora in numerosi siti, compreso quello di Donna Moderna, o su Youtube vediamo tutto poche ore dopo all’avvenimento stesso. Così posso dirvi che:
1 – uomini, l’estate prossima tante bermuda, larghe, comode, che sembrano quasi gonne a pantalone, giacche invece molto strette, asciutte, come si dice in gergo. Colori nei toni del beige, del grigio, del blu, con dettagli dai colori forti.
2- sandali e mocassini color cuoio, camoscio beige, suole chiare, borse e borsoni comodi, grandi chiari, di tela.
3 – temi militari, ma sobri, color kaki, camouflage.
4 – ancora t-shirt tipo vintage. Soprattutto di concerti o eventi musicali.

Per le ragazze: stop alle zeppe e ai plateaux. Se mai vi sono piaciute

Quindi: andate per saldi e comprate oggi al 70% quello che userete anche l’anno prossimo.
Ma  ricordate la famosa frase di Alber Elbaz, designer e direttore creativo di Lanvin.
Se non è commestibile, non è cibo. Se non è portabile non è moda.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Gigi

    scusa jumpi, non l’hai letto l’articolo del mese scorso? la scelta dell’abbigliamento e delle scarpe in particolare non c’entra con la temperatura:
    con la giacca attillata e i bermuda larghi che porti ti devi mettere gli ugg australia.
    e se hai caldo allora va all’oviesse che qualcosa lo trovi.
    ma poi non venirti a lamentare.

    Rispondi
  2. giampi

    Io ho il grosso problema delle scarpe. Aborrendo le infradito e non volendo morire di caldo, che calzature fresche, dignitose ed eleganti posso indossare in questa estate (che è la più calda degli ultimi 789 anni)?
    Solo sandali stile-francescano? Oppure?

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?