Libreria Taschini consiglia

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Giugno mese dei mondiali in Sudafrica. Quanti libri leggete in un mese? Se anche fossero solo due, fate che siano questi: i più belli scritti sul magico mondo del calcio secondo noi.

Il maledetto United, David Peace, Il Saggiatore 17 €
Peace è un gran bravo scrittore. è inglese ma vive in Giappone a Tokyo, non saprei dire il perchè.
Noto per la quadrilogia criminale RED RIDING QUARTET e così articolata: 1974, 1977, 1980 e 1983 dove assieme alla storia sociale e politica della regione il filo conduttore sono i crimini di un serial killer realmente esistito (lo squartatore dello Yorkshire) a questi aggiungerà poi GB84 storia dello scontro tra i minatori e la Thatcher.

Ora esce per il Saggiatore “Maledetto United”: è la storia di un allenatore che a confronto Mourinho è un fine diplomatico, (dalla nota di copertina): nel 1974 l’eccentrico Brian Clough, ex calciatore noto per i suoi tanti successi, accetta di sostituire il leggendario Don Revie e allenare una delle più difficili squadre del campionato di calcio inglese: il Leeds United. Giocatori altezzosi, competitivi, in cima alla classifica, ma aggressivi e scorretti. Disposti a tutto pur di vincere. Clough sa che non sarà semplice far funzionare le cose, eppure non rifiuta l’incarico: spinto da un orgoglio infinito accetta, nella convinzione di poter trasformare il Leeds in una squadra che vince senza imbrogliare.

E’ un libro stupendo
, sembra di essere lì nello spogliatoio con i giocatori il mister i dirigenti i tifosi negli stadi sotto il cielo plumbeo dell’Inghilterra industriale, prima delle rivoluzione degli anni ’90. Clough, una figura da noi completamente ignorata, è un eroe vero: gli anni precedenti aveva portato il Derby County dalla seconda divisione alla prima e poi a vincere il titolo e quindi in coppa campioni dove perse con la Juve in semifinale insultando i gobbi e accusandoli di averla rubata. Andò al Leeds United ci rimase 44 giorni e fallì ma le stagioni successive con il Notthingham Forest… (beh scopritelo voi)
Volendo ora c’è anche il film

 

Febbre a 90°, Nick Hornby. Guanda 8 €
Il suo libro più bello senza dubbio. La storia di una passione, la storia di una vita. Da pelle d’oca dall’inizio alla fine. Anche il film non era male

 

 

“Il calcio ha significato troppo per me e continua a significare troppe cose. Dopo un po’ ti si mescola tutto in testa e non riesci più a capire se la vita è una merda perchè l’Arsenal fa schifo o viceversa. Sono andato a vedere troppe partite, ho speso troppi soldi, mi sono incazzato per l’Arsenal quando avrei dovuto incazzarmi per altre cose, ho preteso troppo dalla gente che amo…Ok, va bene tutto, ma non lo so, forse è qualcosa che non puoi capire se non ci sei dentro. Come fai a capire quando mancano 3 minuti alla fine e stai 2-1 in una semifinale e ti guardi intorno e vedi tutte quelle facce, migliaia di facce, stravolte, tirate per la paura, la speranza, la tensione, tutti completamente persi senza nient’altro nella testa. E poi il fischio dell’arbitro e tutti che impazziscono e in quei minuti che seguono tu sei al centro del mondo e il fatto che per te è così importante, che il casino che hai fatto è stato l’elemento cruciale in tutto questo, rende la cosa speciale; perchè sei stato decisivo come e quanto i giocatori e se tu non ci fossi stato a chi fregherebbe niente del calcio?

E la cosa stupenda è che tutto questo si ripete continuamente, c’è sempre un’altra stagione. Se perdi la finale di coppa in maggio puoi sempre aspettare il terzo turno in gennaio e che male c’è in questo?…..anzi è piuttosto confortante se ci pensi.”

 

 

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Gigi

    Il Maledetto United libro è eccezionale. Si divora con un entusiasmo crescente.

    Il film nele sale italiane non è mai stato distribuito. Ora è uscito il DVD.
    Qualcuno l’ha visto?

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?