Alex vs. Alex

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

E’ passato un mese e i due Alex sono sempre in Doppio A. Ma le premesse per il Grande Salto ci sono sempre.

Maestri. Impiegato regolarmente nelle riprese finali e a volte come traghettatore, le cifre sono buone: 11 partite giocate, 2 vittorie, una Starlin Castrosconfitta, una salvezza. Buone, ma avrebbero potuto essere eccellenti. Alex infatti alterna periodi di dominio dal mound (tra il 26 aprile e il 6 maggio ha concesso solo briciole, tre valide in tutto in 7 inning diluiti in cinque partite), per poi incappare nella giornata storta che rovina le statistiche. Ma se troverà un po’ più di continuità, il salto di categoria è garantito.

Liddi. L’altro Alex era partito col diesel, ma dopo un paio di settimane di rodaggio ha cominciato a far paura. Nelle ultime 10 partite ha battuto 432 con 13 punti battuti a casa, a maggio viaggia con una media di 418. La media complessiva è “solo” di 307, ma sale a 361 con gli uomini in zona punto e ha raccolto 23 punti battuti a casa, 3 fuoricampo e 8 doppi. Nella sua lega è nei top five per doppi e punti battuti a casa ed è risalito fino al quattordicesimo posto nella media battuta, ad un passo dalla top ten. Se continua così esordirà in Major in questa stagione.

L’amico di Maestri. Per capire quanto sia vicino il sogno guardiamo a Starlin Castro, vent’anni appena compiuti. Fino a giovedì scorso giocava con Alex, poi arriva la chiamata in Major. Lo mettono titolare con i Cubs, questo esordisce sparando un fuoricampo al primo turno di battuta. Chiuderà il suo battesimo nelle Major con 2/5, un fuoricampo, un triplo e 6 punti battuti a casa. Lo lasciano titolare e in 3 partite ha sempre battuto valido.

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Chi lo ha scritto

matzeyes

Nato nei favolosi anni settanta, si sente scienziato (e incredibilmente lo pagano come tale), romantico, padre sapiente, nostalgico, sognatore (ad litteram), scrittore, giornalista, teorico della cospirazione, giocatore di baseball, cittadino del mondo (più d'Europa), anticonformista, rivoluzionario di sinistra, vero cattolico. In realtà è solo un (po') coglione, ma almeno è anche lui un fondatore de l'Undici.

Perché non lasci qualcosa di scritto?