50 anni con la radiolina incollata all’orecchio

1
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Un famoso modello di radiolina degli anni '60Il 10 gennaio 1960 veniva trasmessa la prima puntata della trasmissione radiofonica Tutto il calcio minuto per minuto. In questi 50 anni il mondo è stato ribaltato.

Il calcio è lontano parente di quello di allora. Le partite vengono trasmesse sul satellite, sul digitale, sui siti cinesi. Ma tutto il calcio minuto per minuto ha ancora il suo perché. E ci emoziona facendoci tenere la radiolina (o le cuffiette dell’IPod) incollata alle orecchie esattamente come 50 anni fa.

Il 10 gennaio 2010 Tutto il calcio minuto per minuto ha compiuto 50 anni. È inutile dire cos’è. Tutti conoscono la trasmissione in diretta delle partite di calcio che la radio ci regala da 50 (cinquanta) anni. Non vogliamo snocciolare aneddoti o rimpiangere voci storiche, né accodarci al dibattito nostalgico di questi giorni, ma ci sembrava doveroso almeno un piccolo omaggio a questa pietra miliare dell’informazione e della nostra cultura. Perché anche in tempi di anticipi e postici, di pay TV, di partite viste su siti cinesi e di calcio meno umano ascoltare Tutto il calcio minuto per minuto è sempre un piacere che non ha paragoni.

Marissa Miller preferisce ascoltare 'Tutto il calcio...' sul suo iPodTutti noi che amiamo il calcio siamo legati a romantici ricordi ormai lontani di radiocronache di vittorie in zona cesarini o di sconfitte inaspettate e traumatiche, a voci che purtroppo non ci sono più, a piccole radioline tenute appiccicate all’orecchio, a mogli o fidanzate che sbraitano contro quel rumore di sottofondo. Ma anche nel 2010 questa trasmissione è sempre vivissima perché le radiocronache continuano a regalarci emozioni ad ogni interruzione, a farci scervellare per capire in anticipo chi avrà segnato dal boato della folla o dal timbro e dal tono della voce che ha interrotto, se è la squadra che giuoca in casa o in trasferta, quella favorita o la piccola. Ciotti e la sua inconfondibile voceMentre si ascolta Tutto il calcio il tempo si ferma, i chilometri in macchina volano, si corre trequarti d’ora senza accorgersene, si cucina, si stira, si vernicia, ma si vive dentro gli stadi. E poi anche in tempo di diritti miliardari resta comunque una trasmissione democratica nella quale la serie B ha oggi un Tutto il calcio minuto per minuto tutto per lei, nelle domeniche si sosta si dà spazio alla subcadetteria e alle serie inferiori. E in ogni caso l’urlo del radiocronista sarà eccitato ugualmente per il gol multimiliardario o per quello di Serie B.
'Gol! Quasi gol!' ...era Nicolò CarosioDal 1960 tutto il mondo è stato ribaltato. Di ciò che i mass media trasmettevano 50 anni fa è rimasto veramente poco, e quel poco (telegiornali, varietà, quiz) si è trasformato radicalmente, ma grazie al Cielo Tutto il calcio minuto per minuto c’è ancora proprio perché riesce a conservare la forza che aveva il 10 gennaio 1960.

Scusa Sandro ti devo interrompere dal Dino Liotta di Licata per seguire in diretta le ultime fasi dell’incontro anche perché gli ospiti stanno per usufruire di una rimessa laterale in zona d’attacco (Ezio Luzzi)
Ma vaffanculo Luzzi (tutta l’Italia in coro)

 

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Cosa ne è stato scritto

Perché non lasci qualcosa di scritto?